Cerca

Mughini: Occhio, scherzate col fuoco

L'editorialista su Libero: la gente ormai disprezza i parlamentari. Con i tagli si sentono poveri? Cercassero un altro lavoro...

Mughini: Occhio, scherzate col fuoco

 

Se c’è qualcuno che vuole indurre al suicidio il deputato Alessandra Mussolini a furia di ridurle stipendio e vitalizio, alzi pure la mano. Nel senso che siamo pronti a parlarne. Ovviamente sto scherzando. Lunga vita al deputato Mussolini, e anche se il nonno non prendeva una lira per fare il capo del governo. Sapeva fare e bene un’altra cosa, il direttore di un giornale di sua proprietà. Lunga vita ai deputati italiani che sanno fare il loro mestiere, e beninteso nel segno di una “sobrietà” e di un dover stringere la cinghia che è obbligatorio per tutti e ci mancherebbe che non valesse anche per loro.

Il fatto è che deputati e senatori italiani sembrerebbero voler insorgere in armi contro l’annuncio del premier Mario Monti che a gennaio la loro indennità di parlamentari verrà amputata, e anche se ancora non sappiamo bene di quanto. La linea del governo è quella secondo cui deputati e senatori italiani debbano mettersi in tasca non un euro in più  -  stiamo parlando di cifre nette  -  di quanto incassa nella media un parlamentare europeo. Non un euro in più e non un euro in meno. Mi sembra limpido e per niente punitivo, semmai era indecente quanto era in vigore prima e in fatto di indennità mensili e in fatto di vitalizi concessi anche per una sola stagione da parlamentari, e goduti fin da un’età ancora adolescenziale. Di avere goduto di questi privilegi e, nel caso dei senatori di Palazzo Madama, di avere usufruito di una mensa dove ti accaparravi un pranzetto squisito al prezzo con cui un italiano comune ci paga un panino e una bottiglia di acqua minerale, di questo la nostra classe politica dovrebbe chiedere scusa alla comunità.

Purtroppo i nostri parlamentari fanno finta di non capire, se è vero che stanno ripetendo come un sol uomo che il Parlamento è sovrano quanto al decidere gli euro che spettano a ciascuno di loro. Sono arrivati anzi all’impudenza di chiedere che le loro indennità vengano equiparate a quelle degli europarlamentari (di per sé una delle istituzioni più inutili d’Europa, a giudicare dai tipini che noi abbiamo mandato a svernare a Bruxelles e dalle pochissime volte che molti di loro frequentavano l’aula). Il che vorrebbe dire un aumento netto del costo di ciascuno di loro per il bilancio pubblico. Un aumento netto del loro costo in un Paese in cui ciascun cittadino paga già “i costi” della politica due o tre volte quel che pagano altri Paesi europei anche più ricchi del nostro. E tanto più che non sono solo le retribuzioni dei parlamentari sotto il mirino della nostra attenzione e del nostro sdegno, e bensì quelle di tutti i dipendenti delle nostre sedi istituzionali,  Quirinale, Camera, Senato, Corte Costituzionale, Palazzo Chigi, tutta gente che per adesso l’arte dello stringere la cinghia che tutti noi pratichiamo a larghe dosi giornaliere non sa nemmeno che cosa sia. Voglio rassicurare il deputato Mussolini. Noi tutti nei nostri mestieri abbiamo subito amputazioni di reddito considerevoli, eppure non ci siamo suicidati. Quando mi propongono un lavoro per iscritto o per orale alla metà del cachet di dieci anni fa, talvolta dico di sì e talvolta dico di no. Quanto a suicidarmi, non lo faccio mai.

Non scherzate con il fuoco, cari parlamentari. Voi non siete certo il problema per eccellenza del nostro bilancio in rosso, ma siete una parte simbolicamente importante di quel problema, voi che ho nominato e ancora altri che gravano sui conti pubblici: quelli dell’Assemblea Regionale Siciliana, e per tanto fare un esempio stratosfericamente indecente (lo dico da siciliano). Nella mia memoria, e purtroppo ho i capelli bianchi, non c’è mai stato nella nostra storia repubblicana di oltre mezzo secolo un momento in cui fosse così bassa e sprezzante la valutazione del vostro lavoro da parte di noi tutti. A cominciare dal fatto, quello sì indiscutibile, che la nostra democrazia potrebbe continuare a funzionare tanto male quanto funziona anche se a Montecitorio e a Palazzo Madama di peones ce ne fossero la metà di quelli che ci sono oggi. E a non dire che se voi non siete più soddisfatti di quanto viene pagato il vostro lavoro, non avete che da cercarvene un altro. Aprire un negozio, interpretare un film di serie B, qualsiasi cosa. Lo so che è dura, durissima. Lo è in tutti i campi e per tutti.

di Giampiero Mughini

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bellonetom

    20 Dicembre 2011 - 19:07

    Questa volta ha fatto centro!

    Report

    Rispondi

  • cosimo53

    13 Dicembre 2011 - 11:11

    LO STATO ITALIANO (ATTUALE GOVERNO TECNICO) chiede di aumentare l'età delle pensioni perché in EUROPA tutti lo fanno. NOI CHIEDIAMO IN CAMBIO:  di arrestare tutti i politici corrotti , di allontanare dai pubblici uffici tutti quelli condannati in via definitiva perché in EUROPA tutti lo fanno, o si dimettano da soli per evitare imbarazzanti figure. NOI CHIEDIAMO  di dimezzare il numero di parlamentari perche’ in EUROPA nessun paese ha cosi’ tanti politici !! NOI CHIEDIAMO  di diminuire in modo drastico gli stipendi e i privilegi a parlamentari e senatori, perché in EUROPA nessuno guadagna come loro. NOI CHIEDIAMO  di poter esercitare il “mestiere” di politico al massimo per 2 legislature come in EUROPA tutti fanno !! NOI CHIEDIAMO  di mettere un tetto massimo all’importo delle pensioni erogate dallo stato (anche retroattive), max. 5.000, 00 euro al mese di chiunque, politici e non, poiche’ in EUROPA nessuno percepisce 15/20 oppure 37.000,00 euro al mese di pensione come avviene in ITALIA NOI CHIEDIAMO  di far pagare i medicinali visite specialistiche e cure mediche ai familiari dei politici poiche’ in EUROPA nessun familiare dei politici ne usufruisce come avviene invece in ITALIA dove con la scusa dell’immagine vengono addirittura messi a carico dello stato anche gli interventi di chirurgia estetica, cure balneotermali ed elioterapioche dei familiari dei nostri politici !! CARI MINISTRI  non ci paragonate alla GERMANIA dove non si pagano le autostrade, i libri di testo per le scuole sono a carico dello stato sino al 18° anno d’eta’, il 90 % degli gli asili e nido sono aziendali e gratuiti e non ti chiedono 400/450 euro come gli asili statali italiani !! IN FRANCIA  le donne possono evitare di andare a lavorare part time per racimolare qualche soldo indispensabile in famiglia e percepiscono dallo stato un assegno di 500,00 euro al mese come casalinghe piu’ altri bonus in base al numero di figli . IN FRANCIA  non pagano le accise sui carburanti delle campagne di napoleone, noi le paghiamo ancora per la guerra d’abissinia!! NOI CHIEDIAMO A VOI POLITICI che la smettiate di offendere la nostra intelligenza, il popolo italiano chiude 1 occhio, a volte 2, un orecchio e pure l’altro ma la corda che state tirando da troppo tempo si sta’ spezzando. Chi semina vento, raccoglie …..tempesta !!!

    Report

    Rispondi

  • sulin

    12 Dicembre 2011 - 10:10

    Caro Mughini, se non sbaglio qualche mese fa il parlamento si aumentò lo stipendietto di € 1.000 mensili senza che nessuno fiatasse. Dopo qualche tempo un giornale lo disse, ma non vidi campagne di sdegno dei giornalisti. Non sarà che i giornalisti prendono lo stipendio dai contributi statali (noi) e che se "fiatano" potrebbero rischiare il loro stipendietto? Ricordi che con i giornali che si vendono, senza il contributo (delle nostre tasse), molti di voi andrebbero a lavare i pavimenti. O sbaglio? Lei è intellettualmente onesto, oltre che juventino, che ne dice?

    Report

    Rispondi

  • encol1

    12 Dicembre 2011 - 06:06

    Ha ragione Mughini quando si accenna ai parlamentari la gente risponde con spregio. Forse non avete ancora capito che cosa vogliono i vostri datori di lavoro , ovvero i cittadini italiani. A- Non dovete ridurre lo stipendio facendo la media dei parlamentari eurozona, NON E' COSI' dovete adeguare lo stipendio alle condizioni economiche reali di questo paese. Germania, Francia, Danimarca, Svezia non hanno, almeno per ora, i nostri problemi. B- E' urgente ridurre il numero dei parlamentari al minimo inbdispensabile 150, 200 non oltre. C- Dovete ABOLIRE il vergognoso vitalizio per tutti e subito. D- STOP definitivo ad ogni altro privilegio tipo autoBlu, aerei, viaggi inutili ecc. adeguare il vostro stipendio a quello dei parlamentari europei è un'altra delle vostre furbate ma non avete fatto i conti con il popolo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog