Cerca

La Casta e i suoi stipendi d'oro: perché i tagli slitteranno

I presidenti di Camera e Senato danno l'ok a decurtazione della busta paga dei parlamentari. Che premono per il rinvio

La Casta e i suoi stipendi d'oro: perché i tagli slitteranno

Fini e Schifani si smarcano. I tagli agli stipendi dei parlamentari si faranno. Sono intenzionati ad andare avanti e usare le cesoie sui privilegi dei parlamentari, dopo le polemiche di sabato 10 dicembre. "Non corrisponde al vero" - scrivono in una nota congiunta i presidenti di Camera e Senato - quanto ipotizzato da alcuni organi di informazione circa la presunta volontà del Parlamento di non assumere comportamenti in sintonia con la grave crisi economica-finanziaria impone a tutti. Il taglio delle indennità dei parlamentari non sarà bloccato dalla decisione della Commissione bilancio che, sotanzialmente rinviata i sacrifici dei parlamentari". Insomma, i tagli si faranno.

C'è chi dice no - Anche se molti parlamentari continuano a gridare ingiustizia. Da Alessandra Mussolini che ha addirittura definito istigazione al suicidio la decisione di tagliare il vitalizio agli onorevoli, all'ex sottosegretario Guido Crosetto che teme reazioni fuori controllo:  la stampa rischia di armare la mano di potenziali killer anti-casta. "Con queste notizie false, rischiano di far uccidere moralmente e fisicamente". Ci sono poi i "parlamentari giovani" che chiedono misure più severe. Molti non accettano che il sistema contributivo sui vitalizi si applichi solo ai parlamentari alla prima legislatura e a quelli che verranno. Non a chi è deputato o senatore dal 2007. Il partito della Casta che non vuole tagliarsi i privilegi è molto nutrito. C'è per esempio Giocchino Alfano che, in un'intervista al Corriere della Sera, dice: "Non arrivo a 5mila euro al mese e il mutuo pesa tanto". La Pd Marina Sereni piange miseria e dice: "Faccio la spesa alla Coop". E Giuliano Amato, in una lettera a La Stampa spiega perché lui ha le  mani legate e non può taglila pensione d'oro. Guido Crosetto fa una distinzione: qui c'è chi vive e spande ma anche chi vive del suo. Rosi Bindi sostiene che è giusto tagliare ma non se lo si fa andremmo sotto la media europea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    09 Marzo 2012 - 12:12

    Io una ricetta ce l'avrei! Isoliamoli, lasciamoli soli e non facciamo più ala o assembramento al loro passaggio! snobbiamoli, non rincorreteli più con i microfoni per sentire le loro facezie! Non invitateli più alle Vs. trasmissioni! Facciamogli sentire tutto il nostro disprezzo e lontananza! Insomma devono cominciare a riflettere che non hanno più il diritto di farsi ascoltare fino a che non cambieranno il loro stile di vita e penseranno di più ai loro doveri e meno ai loro interessi.

    Report

    Rispondi

  • fabrizioch

    15 Dicembre 2011 - 22:10

    con la commissione Giovannini vogliono adeguare le indennità parlamentari alla media europea?? se l' Italia è ultima in Europa gli adeguamenti devono essere ai minimi europei, non alla media.- E quando adegueranno alla media europea gli stipendi degli operai, le pensioni degli operai, le tasse, la benzina, i trattamenti che il popolo riceve nell' europa e non riceve in Italia?? ricordiamoci: alle prossime elezioni, se nessuno va a votare, andranno tutti a casa, ce ne liberiamo, e con meno sprechi salviamo l' Italia

    Report

    Rispondi

  • smetre

    13 Dicembre 2011 - 19:07

    Sequestrare i beni e i conti privati dei politici oltre ai 700.000 euro.

    Report

    Rispondi

  • gyxo

    13 Dicembre 2011 - 18:06

    L'Italia e' una repubblica fondata sull'ozio e comandata da politici vigliacchi.Se non si azzerano tutti,dico tutti i privilegi di questo vortice disumano non ne usciamo piu'.Bonjour tristesse.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog