Cerca

Casta rinvia il taglio degli stipendi

Governo: "Subito la revisione in rispetto a prerogative". Passa tutto all'aula: tempi lunghi e i bonus non si toccano

Casta rinvia il taglio degli stipendi

Il governo e il parlamento, "ciascuno nell'ambito delle proprie attribuzioni, assumono immediate iniziative", per la revisione degli stipendi dei parlamentari. Lo annuncia un emendamento alla manovra presentato dal governo, alla vigilia del suo approdo alla Camera in attesa della fiducia di sabato. Un proclama alto nel significato, ma ancora nebuloso nei contenuti. L'unica cosa certa, per ora, è che i tempi si allungheranno perché i tagli non si faranno con il decreto salva-Italia, ma rispettando le tempistiche del Parlamento. Altra grana: sono gli stessi parlamentari ad aver annunciato tagli. Tagliare sì, ma per non cambiare nulla.

Trucchetto europeo - Il trucchetto della Casta ormai è scoperto: gli onorevoli dicono no alle sforbiciate del governo Monti alle indennità parlamentari proponendo loro per primi di adeguarsi alle "tariffe" dei colleghi europei. Proprio qui sta l'inghippo: perché la differenza in Italia non la fa lo stipendio in sé, ma i lauti rimborsi spesi. Se l'indennità è pari a 5.486 euro (in linea con la media dell'unione europea), la busta paga netta arriva a circa 12.000 euro grazie ai fondi messi a disposizione dallo stato per assistenti, congressi, eventi politici. Si parla di quasi 4.200 euro a testa, senza contare il gettone per ufficio di presidenza e incarichi nelle commissioni. Sono queste integrazioni ad arricchire la Casta, che per placare la sete di equità degli italiani (e in parte del governo tecnico) si gioca invece la carta dei tagli all'indennità vera e propria. Qualche centinaio di euro, a conti fatti. Nessuno però osi toccare i 3.500 euro al mese di diaria per il soggiorno nella Capitale, i 4.190 euro al mese per pagare eventi politici, segreteria e i "rapporti con gli elettori", più i 3.000 euro all'anno per le spese telefoniche e i rimborsi per i trasferimenti da e per l'aeroporto, con viaggi e trasporti rigorosamente gratis. Anche all'estero queste spese non sono a carico dell'onorevole. Semplicemente, gestisce tutto la segreteria del Parlamento, garantendo una maggior trasparenza. Proprio quello che, almeno apparentemente, la Casta italiana non vuole.  

Pensioni privilegiate - C'è poi il capitolo previdenza. Rispetto a Francia, Germania e Gran Bretagna, deputati e senatori incassano un vitalizio triplo. Qualcuno è riuscito ad andare in pensione a 50 anni con una sola legislatura completa alle spalle, a 2.500 euro al mese. Ad altri, più fortunati, è bastato un solo giorno in Aula per accaparrarsi la pensione d'oro. Almeno su questo punto, gli onorevoli si sono dovuti adeguare alla manovra: dall'1 gennaio 2012 passeranno come tutti al sistema contributivo incassando un assegno da 2.300 euro al mese. Chi arriverà in Parlamento nel 2013 dovrà dire addio alle baby pensioni. Ecco perché in tempi di crisi far finta di tagliarsi lo stipendio potrebbe essere un buon compromesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • z.signorini

    13 Dicembre 2011 - 19:07

    Noi italiani dobbiamo far di tutto di sputtanare la nostra classe politica, alle prossime elezioni tutti a casa, e quando qualcuno dirà che sarà un diritto e un dovere, facciamo presente che noi popolo italiano abbiamo il diritto di essere rispettati e il dovere di non farci prendere per il culo da una classe di ladri mafiosi incapaci

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    13 Dicembre 2011 - 18:06

    La casta ha vinto una scaramuccia, ma se il popolo italiano alle prossime elezioni va unito, noi vinciamo la guerra e li mandiamo a cagare a casa loro compreso quella sottospecie di presidente della repubblica.

    Report

    Rispondi

  • N.U.STE

    13 Dicembre 2011 - 18:06

    Bene, visto che la Kasta non vuole proprio rinunciare a nulla e vuole solo tutte le prebende e le pensioni mentre tutti gli italiani dovranno pagare anche per loro, vorrà dire che non hanno capito proprio nulla. Non si meritano certo i sacrifici di tutti gli Italiani che ancora credono alle loro favole. Abbiamo solo dei pezzi di merda, maiali incuranti di chi lavora. Monti boiardo di stato, sembra un democristiano leccaculo!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • mpia

    13 Dicembre 2011 - 18:06

    Consultando la legge n. 1261 del 31 ottobre 1965 sul trattamento economico dei deputati si legge: Spese di trasporto e spese di viaggio I deputati usufruiscono di tessere per la libera circolazione autostradale, ferroviaria, marittima ed aerea per i trasferimenti sul territorio nazionale. Per i trasferimenti dal luogo di residenza all'aeroporto più vicino e tra l'aeroporto di Roma-Fiumicino e Montecitorio, è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323,70 euro, per il deputato che deve percorrere fino a 100 km per raggiungere l'aeroporto più vicino al luogo di residenza, ed a 3.995,10 euro se la distanza da percorrere è superiore a 100 km. MI CHIEDO: a che serve tale rimborso se i deputati viaggiano gratis su qualsiasi mezzo??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog