Cerca

Tutte le 20 tasse di Monti

Dalla casa, alle sigarette fino alla benzina e la Tobin tax: ecco il salasso continuo della manovra del premier

Tutte le 20 tasse di Monti

Un conto salatissimo: 30 miliardi in due anni. E una lista della spesa lunga ben 20  righe. Che corrispondono alle 20 nuove tasse del Governo di Mario Monti. La stangata colpisce tutto: case, risparmi, pensioni, investimenti, auto, barche, consumi. Sono riusciti a infilare una “clausola” che consentirà di ritoccare all’insù financo le accise sulle sigarette. La manovra dei professori   è  chiusa. Domani  il giro di boa  alla Camera e poi  al Senato per un rapidissimo sì  finale. Il cerchio si chiuderà entro Natale, ma il pacco di tasse è già pronto. Così nelle casse dello Stato arriveranno circa 11 miliardi dal prelievo sugli immobili. Altri 16 potrebbero arrivare (a regime nel 2014) dall’aumento dell’iva, cioè la tassa sui consumi.   Secondo gli ultimi calcoli delle associazioni dei consumatori, la stangata dovrebbe toccare quota 1.129 euro a famiglia all’anno. Un calcolo forse  troppo basso. Ecco la guida.
Casa. Addio Ici, la nuova supertassa si chiamerà Imu. E si pagherà anche sulla prima casa (aliquota 0,4%) oltre che sulle seconde abitazioni (0,76%). Sono previsti adeguamenti delle rendite catastali con rivalutazioni al 60%. Per le prime case è prevista una detrazione base di 200 euro a cui aggiungere 50 euro per ciascun figlio (max 26 anni) convivente fino a 400 euro complessivi (200+200).
Sigarette. La stangata sui tabacchi sarà determinata con un decreto ministeriale e servirà a ridurre il prelievo fiscale su auto e beni di lusso. Il balzello non è ancora messo nero su bianco, ma il conto alla rovescia è partito.
Benzina. Carburanti più cari già da una settimana: sono  salite, nel dettaglio,  le accise sulla benzina e diesel, rispettivamente di 8,2 centesimi e 11,2 centesimi al litro. Per il gpl l’aumento è di 2,6 centesimi per litro.
Iva. Da ottobre 2012 potrebbe partire un incremento delle aliquote Iva di due punti: dal 10% al 12% e dal 21% al 23%
Tassa lusso barche ed elicotteri. Per le barche oltre i 10 metri di lunghezza c’è una tassa di stazionamento a partire da 1.850 euro l’anno. Su aerei ed elicotteri l’imposta si calcola sulla base del peso del velivolo.
Super bollo auto. Verrà calcolato sulla base di 20 euro per ogni chilowatt di potenza maggiore a 185 chilowatt.
Redditi (addizionale regionale irpef). Il limite minimo dell’addizionale regionale dell’imposta sui redditi per le persone fisiche passa dallo 0,9% all’1,23%.
Tobin Tax. Per ora è una proposta che il Governo  porterà in sede europea. Si tratta di una tassa speciale su tutte le transazioni finanziarie di maggiore dimensione.
Conti correnti. Per i conti correnti bancari delle imprese è previsto un incremento dell’imposta di bollo di 26,2 euro, passando dai 73,8 euro attuali a 100 euro. 
Risparmi e investimenti. Su tutti i prodotti e investimenti finanziari scatta l’imposta di bollo con aliquota allo 0,1% nel 2012 e 0,15% dall’anno successivo. Fino a 50mila euro si pagano 34,2 euro. Dal 2013 sarà azzerato il tetto di 1.200 euro.
Libretti e buoni postali. Addio a esenzioni fiscali. I libretti postali vengono equiparati ai conti e ai depositi bancari, con imposta di bollo da 34,2 euro che non si paga quando il saldo medio annuo è inferiore a 5mila euro. Sui buoni fruttiferi postali valgono le stesse regole di tutti gli altri prodotti finanziari con imposta ad aliquota (0,1% e 0,15% dal 2013).
Case all’estero. Tassa dello 0,76% sul valore commerciale (o risultante da atti) per gli immobili detenuti all’estero a qualsiasi uso destinati, delle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato. L'imposta è dovuta proporzionalmente alla quota di possesso e ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso. 
Soldi all’estero. Si applica l'imposta di bollo per le attività finanziarie detenute all'estero. L’imposta è dovuta proporzionalmente alla quota del periodo di detenzione ed è stabilita nella misura dell’1 per mille per il 2011 e 2012. Dal 2013 l’imposta va all’1,5 per mille. 
Scudo fiscale I capitali scudati sono soggetti ad un'imposta di bollo speciale del 10 per mille negli anni 2012 e 2013, mentre l'aliquota ordinaria è fissata al 4 per mille e si dovrà pagare per avere garanzie sull’anonimato.
Contributo solidarietà pensioni d’oro. Arriva un prelievo del 15% per gli assegni pensionistici oltre i 200.000 euro
Tetto stipendi manager Pa Tagliola sugli stipendi dei dirigenti pubblici. Che non potranno essere superiori a260-270 mila euro con divieto di doppi incarichi remunerati.
Liquidazioni milionarie. Per la quota superiore al milione di euro del trattamento di fine rapporto si applicherà l’aliquota massima irpef del 43%.
Contributi previdenziali agricoltori. Aumenti di contributi per agricoltori e autonomi, maggiorate le aliquote contributive per i lavoratori artigiani e per i commercianti iscritti alla gestione autonoma dell’Inps (l‘’incremento sarà così distribuito: + 0,3 punti percentuali ogni anno, fino a raggiungere il 22%).
Contributi previdenziali artigiani. Salgono le aliquote contributive per gli autonomi: nel  2012 dovranno incrementare l’aliquota dell’1,3% e poi dello 0,45% fino ad arrivare al 24%.
Pensioni indicizzate solo fino a 1.400 euro. Saranno adeguate agli indici Istat solo quelle fino a 1.400 euro nel 2012 e nel 2013. Poi il tetto potrebbe scendere a poco più di 900 euro.

di Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • l'odore del mare

    15 Dicembre 2011 - 18:06

    Fino a venti giorni fà, fior di economisti ci hanno insegnato che ogni centesimo tolto all'evasione andava a diminuire le tasse, che in Italia le entrate del fisco sono forse superiori a quelle tedesche e francesi, che non si dovevano aumentare le entrate ma diminuire le uscite altrimenti si rischiava di andare in stallo. Questo stà lavorando per le banche e per la sinistra, per cortesia fermatelo. Mi rivolgo anche a qualche P.M. di buona volontà!

    Report

    Rispondi

  • Ade

    15 Dicembre 2011 - 17:05

    la detrazione dell'ici sulla prima casa per i figli fino a 26 anni convivente, dopo i 26 anni li campa Monti & C. Ma da dove sono usciti, fino ad oggi dove hanno vissuto, ritornessero da dove sono venuti senno ce li mandiamo noi.

    Report

    Rispondi

  • albinoalbanofree

    15 Dicembre 2011 - 16:04

    Il Pdl no deve votare la fiducia a questo governo Monti che invece di portarla in Europa rischia di far precipitare l'Italia che sta diventando la solita "Italietta" come nei governi di unità nazionale negli anni settanta che non fecero altro che aumentare le tasse. Come al solito la storia si ripete e andiamo di male in peggio. Sinceramente se dovesse diventare la solita "Italetta" questo poese potrei lasciarlo a breve. Auspico che la fiducia a questo governo che propone solo tasse che colpiscono sempre i cittadini onesti e no gli evasori non venga votata dal Pdl. Silvio Berlusconi si dia una mossa e mandi a casa questi tecnocrati da poco insediati e già stanno facendo tanti danni. Per una vera rivoluzione liberale mandiamo a casa la tecnocrazia surrogato del novecento che nel terzo millennio nell'era della globalizzazione e dell'innovazione tecnologica non serve.

    Report

    Rispondi

  • greysmouth

    15 Dicembre 2011 - 15:03

    P.S. Al post su Mentana e La7: sono tutti comici mancati, assolutamente privi di senso dell'umorismo (fonte Pansa).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog