Cerca

Il premier contestato fa finta di nulla: Ora serve sangue freddo

Monti snobba la Lega: "Non spetta al governo dare giudizi sui parlamentari". Sulla manovra: "Senza Italia fuori dall'euro"

Il premier contestato fa finta di nulla: Ora serve sangue freddo

Mario Monti e i politici, il braccio di ferro continua. Ma dopo aver usato la forza (la fiducia sulla manovra e commenti sprezzanti in parlamento, tipo "Mi avete chiamato perché eravate paralizzati"), il premier passa alla pazienza, convinto che il tempo e gli italiani siano dalla sua parte. Innanzitutto, la Lega, scatenata anche questa mattina nel contestare il governo tecnico: "Non spetta al governo esprimere giudizi sui comportamenti dei parlamentari - dice ai cronisti a Palazzo Chigi -. Ci sono cose che non devono farmi alcun effetto. Mi sono trovato nella parte alta dell’emiciclo del Senato e ho i visto dei miei conterranei abbastanza vivacemente all'opera". Sulla "manifestazione di contrarietà", così la chiama Monti, invita anche i ministri "ad essere freddi e non empatici". Non ragioniam di lor, ma guarda e passa.

Sacrifici e crescita - E infatti il professore preferisce parlare di manovra e dell'impatto pratico ed emotivo che potrà avere sui cittadini. "Ho l'impressione che gli italiani, pur avendo come tutti scarsissima simpatia verso i sacrifici, stiano capendo che l'alternativa non è la vita senza quei sacrifici ma la vita con sacrifici molto più grandi - ha proseguito -. La nostra operazione di politica economica non è di stabilizzazione del ciclo, non è una operazione ordinaria di politica economica". Una situazione in altre parole d'emergenza totale, visto che "il benchmark o 'controfattuale', come lo chiama qualcuno, ovvero il 'cosa succede senza la manovra' - spiega Monti - non si riduce a sottrarre una percentuale al Pil. Non è un 'più o meno 0,5%' di Pil". Senza questa manovra, ribadisce il premier, "ci sarebbero state discontinuità nella capacità dello Stato di fare fronte ai propri impegni e restare in un quadro di stabilità monetaria". E sul capitolo crescita: "Ci saranno nuovi provvedimenti, ci saranno rapidamente nuovi cantieri, sul lavoro e ammortizzatori sociali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    16 Dicembre 2011 - 08:08

    Abbiate il coraggio di prendervela con chi ci ha portato a tutto questo. Monti in un mese - pur con tutti i suoi errori - ha trovato il marasma nell'economia, nei conti pubblici, nell'Amnministrazione. Basti pensare che c'era la Lega a fare la politica italo-padana e che nel Parlamento giacciono 64 tgra condannati, inquisiti, indagati, per lo più di marca 'Berlusconi'Ora legge Mussolini e dice che ''si ritrova''. Confessione nota.erché l'avevamo capita.

    Report

    Rispondi

  • inga

    16 Dicembre 2011 - 06:06

    sicuramente lui in fa fatica ad arrivare alla fine mese, ma la legge sulle pensioni non deve passare, speriamo che oltre la lega si astenga anche il PDL.

    Report

    Rispondi

  • zelia

    16 Dicembre 2011 - 00:12

    cameron politico e uomo coraggioso sii anche tu coraggioso e leale ..usciamo da questo girone infernale dell usura...riprendiamoci la democrazia e la sovranità!default meglio ancora piu povea ma libera e orgogliosa di essere italiana..rivoglio la mia italia! DEFAULT SUBITO!

    Report

    Rispondi

  • longhma

    15 Dicembre 2011 - 21:09

    Nessuno ti ha chiamato.... ne tu ne tantomeno quel bastardo di Giorgino..... Ma mi piacerebbe vedervi su una sedia a rotelle tutti e due..... magari ospitati alla Baggina di Milano. E questo e' un augurio ancora soft da parte dei Cittadini Italiani !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog