Cerca

Berlusconi bacchetta Monti. Allora perché lo vota?

Il Cav: molte misure non sono in linea con i principi di libertà. Belpietro su Libero Tv: l'arma era dire no alla fiducia

Berlusconi bacchetta Monti. Allora perché lo vota?

Silvio Berlusconi è uscito allo scoperto: "Monti è disperato, non so quanto durerà". Il riferimento non è solo alle contestazioni subite dal governo ad opera della Lega, ma più ampio. Come scrive il direttore di Libero Maurizio Belpietro sull'edizione in edicola oggi, venerdì 16 dicembre, è la manovra la vera spina nel fianco del professore. Una manovra lacrime e sangue, fortemente recessiva (come confermato dal presidente di Confindustria Emma Marcegaglia) e che scontenta tutti senza risolvere davvero i problemi dell'Italia. "Molte misure non sono in linea con i principi liberali", ha sottolineato ieri Silvio Berlusconi. Uno smarcamento, pur con grande rispetto per Monti, che lascia pensare anche ad un ritorno in grande stile del Cavaliere nella politica attiva dopo settimane da spettatore d'eccezione. Oggi a Montecitorio ha l'occasione di dimostrarlo: votando no alla manovra e dando un'alternativa al Parlamento.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marione1944

    17 Dicembre 2011 - 08:08

    Pohi giorni fa' avevo espresso fiducia vero l'ex premier ora sono convinto che era solo un interesse privato dare la fiducia al Governo Monti,penso sinceramente di non andare più a votare. Marione

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    16 Dicembre 2011 - 17:05

    Non capisco perché vi accanite così tanto con una persona che dite essere politicamente finita. Abbiamo capito che questo lo auspicate poiché addebitate tutte le italiche sventure a Silvio Berlusconi. Ma come abbiamo compreso voi non siete capaci di proporre alcunché. Siete degli ineffabili parolai che scagliano, attraverso i post , strali contenenti immonde volgarità. Come ha definito Unghianera, sono palate di letame gettate contro contro voi stessi. Così vi distinguete distintamente dal profumo che emanano i vostri post. Molto meglio se continuate a credere ciecamente all'ineluttabile vittoria del proletariato. Sono discorsi che avete recepito da quando frequentavate l'asilo. Non si era mai verificato, nei paesi democratici occidentali, che governi, eletti dal popolo, venissero commissariati. Ci voleva questa sorta di inciucio che, momentaneamente, sta facendo perdere credibilità soprattutto al cdx. Ma finirà e speriamo al più presto!

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    16 Dicembre 2011 - 17:05

    Se io fossi in Berlusconi me ne starei zitto e mosca,senza nemmeno aprire bocca. Non potendolo fare da solo per incontrollabile loquacità,mi farei applicare una mordacchia,tanto da costringermi al silenzio. Egli sa benissimo che nessuno potrebbe governare l'Italia con questo sistema costituzionale,che dà un potere enorme al parlamento e nulla all'esecutivo.Monti è stato chiamato,come quando l'equipe medica ospedaliera,non sapendo cosa fare per sconfiggere il male del loro paziente grave,chiamano il luminare.Che fa,dopo averlo chiamato lo critica e gli dà del somaro? Uno potrebbe dire,che c@zzo lo avete chiamato a fare,allora? Mi sembra che l'esempio sia calzante,così se il paziente muore si resta con la coscienza a posto:abbiamo fatto di tutto,era destino.Sic! PS Berlusconi si faccia una bella trasferta con il suo panfilo dalle parti di Antoine,quello delle "pietre". Ormai anche io mi sono reso conto che è una vescica di chiacchiere inutili.

    Report

    Rispondi

  • cheope

    16 Dicembre 2011 - 16:04

    Come previsto, anche perchè non c'e alternativa, questa manovra verrà votata. Però gran parte di quelli del PDL si sono resi conto che il partito perde i pezzi, allora continuano a dire che loro, la manovra l'avrebbero fatta diversa; ma nessuno di loro ha spiegato come. Intanto Silvio tenta di tenere insieme il tutto, dicendo che tanto Monti non arriva a fine legislatura, qui l'Italia quella vera, deve avere un moto di orgoglio, tenere duro fino al 2013 e poi mandarli a casa tutti, di destra e di sinistra, e votare gente decente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog