Cerca

La Casta la spunterà ancora Salvi boiardi e manager

Due emendamenti fanno saltare tetto per le paghe dei dirigenti degli enti pubblici e delle controllate Stato. Leggi quando guadagnano

La Casta la spunterà ancora  Salvi boiardi e manager

Doppi, tripli e super stipendi (leggi quanto guadagnano tutti i dirigenti). Dopo tante chiacchiere, allarmi e promesse, la verità è che cambia poco o nulla. Sia per i dirigenti della Pa sia per i manager delle controllate.  L’emendamento dei due relatori Maurizio Leo e Pierpaolo Baretta che sembrava fatto apposta per salvare le retribuzioni cumulate dei professori al governo non riguarda invece, come ha spiegato anche il titolare della Funzione pubblica, Filippo Patroni Griffi, né ministri né sottosegretari. Anzi, saranno proprio loro a finire sotto la tagliola della sforbiciata che prevede la possibilità di sommare i trattamenti solo fino al 25% di quello già percepito prima dell’incarico di governo. Non è chiaro cosa succederà con i magistrati fuori ruoli, che sono numerosi nell’esecutivo, visto che il loro stipendio viene definito “indennità”.

La norma, in realtà, serve a salvare i super stipendi dei dirigenti pubblici, come i 460mila euro del direttore dell’Agenzia delle Entrate o i 389mila del direttore dei Monopoli. L’articolo 23 ter della manovra stabilisce infatti che chiunque percepisca soldi dalla Pa deve restare sotto i 300mila euro del primo presidente della Corte di Cassazione, ma il premier può stabilire a suo piacimento (“motivando”) deroghe per le “posizioni apicali” delle amministrazioni.


Ancora peggio l’intervento sui manager delle controllate. Per le spa non quotate del ministero dell’Economia è stata costruita una corsia speciale. Un altro emendamento, infatti, prevede  che gli stipendi delle aziende del Tesoro siano definiti con un successivo decreto. Non ci sono tetti prestabiliti. Ogni tre anni, peraltro, potranno essere rivisti i livelli retributivi sulla base del mercato e dell’inflazione. Di fatto Monti, che ha l’interim per l’Economia, avrà mani libere sulle paghe di quasi 30 società in mano allo Stato (più tutte le collegate). E nella lista figurano società come Rai, Ferrovie, Cdp, Poste, Enav, Fintecna, Anas, Sace, Poligrafico, Sogei. Una galassia di imprese e di potere. Decine e decine di poltrone da assegnare e di buste paga che, a questo punto, saranno senza limiti.

di Francesco De Dominicis
Sandro Iacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • UNGHIANERA

    16 Dicembre 2011 - 20:08

    Si,vero,quando anche lui(Clint Eastwood)pretese che i gaglioffi chiedessero scusa al suo mulo il quale fu spaventato dagli spari fatti con le pistole in direzione del mulo e del suo cavaliere! Non ci avevo pensato...nel mio caso però,è proprio il mio mulo che pretende le scuse di Mauro(Woody)io proprio non c'entro nulla!

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    16 Dicembre 2011 - 20:08

    E' una realtà, la forbice sociale andrà ad aprirsi sempre più. Le colpe di quelli come Berlusconi che dicono : "Non ho colpe : non devo chiedere scusa all'Italia". Napolitano : "Sacrifici per tutti, anche i ceti meno abbienti". Un Paese ed una classe governante, che con le povere risorse naturali che abbiamo (da sempre)...aveva deciso, con i suoi appannaggi ed apparati statali, di vivere da...sceicchi del petrolio, prima o poi, non poteva che portare a questo..."debito pubblico". Una irresponsabilità che,chiaramente, arriva da lontano. Nonostante il piglio "salva Italia", il carattere dimostrato nella "multa" a Bill Gates ed il machete da disboscamento...Mario Monti continua ad apparire carente dell'approccio di quei "consigli" che avrebbero reso la manovra più accettabile. (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    16 Dicembre 2011 - 20:08

    Saranno pure aspetti irrilevanti (e forse scarsamente informato),ma la tassazione (sul "monte manovra") dei libretti di risparmio, che spesso vengono aperti ai ragazzi per avviarli alla conoscenza del risparmio ; tabacco... attaccarsi a quello sciolto (triciato), quello dei "meno abbienti"; ICI (con qualche dubbio)...ma i figli di famiglie benestanti, con max 26 anni (chissà perchè 26 ?), godono anch'essi di 50 € di franchigia, oltre quella base (non potrebbe risultare un'anomalia) ? Come poterli interpretare ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    16 Dicembre 2011 - 19:07

    La storia del mulo permaloso mi ricorda "Per un pugno di dollari"!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog