Cerca

Settanta assenti: Pdl avverte Mario

Cresce la protesta azzurra: anche 12 astenuti. Defezioni anche nelle file del Pd (6) e dei futuristi (10)

Settanta assenti: Pdl avverte Mario

I malpancisti del Pdl sono vivi e lottano insieme a Lega e Idv contro la manovra lacrime e sangue del governo Monti. Precisiamo: a dire no alla fiducia, come padani e dipietristi, sono stati solo due pidiellini: Alessandra Mussolini e Giorgio Stracquadanio. Però a non presentarsi, in serata, al voto sulla manovra sono stati 130 deputati di cui 70 del Pdl, 6 del Pd, 10 di Fli, 8 della Lega. Gli astenuti sono stati 22 di cui 12 del Pdl (Bergamini, Biancofiore, Biasotti, Bocciardo, Castellani, Del Tenno, Marini, Martino, Moles, Sbai, Speciale) e 9 di Popolo e Territorio. Il decreto salva-Italia, alla fine, è passato per 402 voti a favore e il premier si è detto «soddisfatto», anche se rispetto alla mattina (495 sì alla fiducia) le cifre sono scese parecchio. I pidiellini hanno dato un segnale inequivocabile. Tra gli assenti alla seduta serale molti ex del precedente governo, tra cui Bernini, Brambilla, Cosentino, Cossiga, Crosetto, Frattini, Gelmini, La Russa, Mantovano, Ravetto, Romani, Rotondi, Scajola, Stanca, Tremonti.

Al voto della mattina, sulla fiducia, i «no» sono stati solo due, però a loro si devono aggiungere 26 assenti e quattro astenuti (Moles, Bergamini, Castiello e Giulio Marini). Totale: 32 voti in meno per Monti e la sua squadra, segno che dalla prima fiducia ad oggi l’aria è cambiata. Tra gli onorevoli assenti per entrambe le votazioni Michela Vittoria Brambilla, Paolo Romani e Giulio Tremonti (convalescente per i postumi di un infortunio), Filippo Ascierto, Vincenzo Barba, Viviana Beccalossi, Isabella Bertolini, Maurizio Bianconi, Guido Crosetto, Marcello De Angelis, Rocco Girlanda, Antonello Iannarilli, Pietro Lunardi, Gianni Mancuso, Barbara Mannucci, Antonio Martino, Fiamma Nirenstein, Adriano Paroli, Mauro Pili, Maria Rosaria Rossi, Roberto Rosso, Stefano Saglia. Assente giustificato Alfonso Papa, ai domiciliari a Napoli ormai da troppo tempo. Altri tre del partito in missione: (Cirielli, Colucci, Migliori). Erano in Aula, ma volutamente senza  partecipare alla votazione i quattro ex azzurri Bergamini, Castiello, Marini e Moles. «Non riconosco legittimità a questo governo né alla sua manovra lacrime e tasse», ha spiegato Moles, fedelissimo di Martino. «Gli ho votato la fiducia iniziale solo perché richiesto dal mio partito».

Insomma, la prima fiducia è stata bulgara e il Pdl ha votato compatto per spirito di servizio, poi però basta. Pare che il segretario politico Alfano non abbia gradito il segnale dei malpancisti al voto di fiducia. Amedeo Laboccetta fiuta il pericolo: «Non si tratta di un semplice mal di pancia, ma di un virus pericoloso che potrebbe sfociare in un’epidemia contagiosa. Alfano trovi subito una terapia. Anche per me questa manovra resta indigesta», ha aggiunto, «ma la disciplina di partito impone delle regole per tutti». E sull’esito serale della manovra il fronte dei contrari della maggioranza è salito a 70.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fatti neri

    17 Dicembre 2011 - 13:01

    ma davvero pensa che gli italiani ricorderanno un garbato prof come responsabile della reintroduzione ici e massacro dei pensionati del sistema pensionistico?? mossa la prima per affossare il ceto medio, voluto dalla sinistra. tutto può succedere se si passa troppo tempo davanti la TV....... spengete la TV e seguite solo internet e ... una SLETTA ai giornali. by fatti neri

    Report

    Rispondi

  • villiam

    17 Dicembre 2011 - 11:11

    caro berlusconi,lei è troppo buono,questo è un governo di impiegati statali che prendono un sacco di soldi agli italiani meno abbienti,ho il timore che non volendo fare danni all'italia ,il pdl abbia fatto una scelta che porterà un sacco di elettori a non votare più,forse è meglio il voto ,anche andare all'opposizione,non si può accettare che siano i banchieri e gli speculatori a governare l'italia!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • gigigi

    17 Dicembre 2011 - 10:10

    Non credo si tratti solamente delle continue richieste fatte dagli Italiani ai parlamentari,di ridurre le proprie prebende,che hanno sollecitato i primi deputati ad evitare le votazioni,qui si evidenzia il marcio esistente nella manovra appena fatta da Monti. Il Pres.della Repubblica ne ha avallato le misure,tanto a lui ed i suoi 2000 amici dipendenti,non gliene frega niente. Il tecnico Pres.del Consiglio Monti,ha intravvisto, "per poco tempo a disposizione", di tassare tutti quelli che avrebbero subito senza parlare: i poveracci,in ragione dei dipendenti e pensionati tutti,che essendo circa 39 milioni,porteranno quello di cui ha bisogno il Paese. Secondo lui! Mentre avrebbe sicuramente fatto meglio e bene,anzi benissimo,a tassare i suoi amici benestanti e banchieri,nonche' tutti quelli "esentati" - compreso il Vaticano - che visto l'andazzo voluttuario perpetrato per anni ed anni prima, ora, era giusto partecipassero alla soluzione del problema "europeo". Forse....iniziano a capire???

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    17 Dicembre 2011 - 09:09

    Monti non è disperato forse perchè non ha capito la situazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog