Cerca

Maroni chiude la porta al Pdl: "Stop all'alleanza con Silvio"

Nonostante le frasi di fuoco, Bossi pensa ancora agli azzurri, ma Bobo è categorico. Differenti visioni all'interno del Carroccio

Maroni chiude la porta al Pdl: "Stop all'alleanza con Silvio"

Non ha dubbi roberto Maroni: "Lo scenario è cambiato". Lo ripete in ogni occasione possibile. E lo scenario è cambiato davvero: la Lega Nord, ora, è all'opposizione e mette in serio dubbio la storica alleanza con il Pdl e con Silvio Berlusconi. "Perché se lo scenario è cambiato - chiosa l'ex ministro dell'Interno - anche la Lega deve cambiare pelle. Ci vuole la Lega 2.0...". Ma gli scenari cambiano anche all'interno del Carroccio stesso, che già negli ultimi mesi di vita dell'ultimo governo del Cavaliere - tra scontri interni e lotte per la leadership - ha conosciuto uno dei periodi più bui della sua storia.

Maroni chiude a Silvio - E così, se a Roma risulta tutto semplice - opposizione dura, pura e rumorosa contro il governo di Mario Monti e delle tasse - il discorso si complica salendo al nord, nell'asse che unisce Gemonio e Arcore, le due roccaforte rispettivamente di Umberto Bossi e Silvio Berlusconi. Se il Senatùr infatti, nonostante le parole di fuoco, è in costante contatto con il Cavaliere (i due già discorrono di scenari elettorali e di alleanze), Bobo Maroni non è sulla stessa linea. Le sue frasi sono dure quanto quelle di Bossi, ma con Berlusconi non vuole ricucire: "Il Pdl ha scelto un'altra strada, il rapporto è interrotto. Non sono d'accordo con chi dice che la Lega da sola perde al Nord".

La base
- Anche all'interno del Carroccio, insomma, si profila uno scontro, quello scontro che già era montato nell'ultimo periodo: quello tra il grande padre del movimento, Bossi, e quello con l'uomo più forte del Carroccio, Maroni, cui la base guarda con grande fiducia. E infatti l'agenda dell'ex titolare del Viminale è fitta d'impegni, tra incontri con gli imprenditori dissanguati dalle tasse e con militanti delusi. E oggi, per riconquistare o farsi seguire dalla base verde, chiudere la porta a Berlusconi è una buona strada...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brutus

    18 Dicembre 2011 - 11:11

    Secondo mé, Maroni é stato uno dei peggiori ministri dell'interno che ci siano mai capitati. Non soltanto ci ha riempiti di clandestini, ma li ha pure sparpagliati per tutto il territorio. Con rara incompetenza, ha permesso che il suo presidente del consiglio e la métà del suo governo fossero spiati per anni. In più, tutto preso dalla caccia a fantomatici "capi mafiosi" dei quali non ci fregava niente, ha lasciato che la delinquenza comune rendesse le nostre città invivibili. Io non lo vorrei neppure come portinaio.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    18 Dicembre 2011 - 10:10

    Se Maroni riesce a pulire la lega dai vari Bossi/Calderoli/Borghezio/Salvini etc etc, gente senza cervello capace solo di credere ed obbedire ciecamente,forse la lega potrebbe diventare un partito credibile

    Report

    Rispondi

  • marystip

    18 Dicembre 2011 - 06:06

    Così la lega non fa altro che il gioco dei DC (3° polo) e non se ne accorge nemmeno; non andranno lontano. Maroni è un altro, tra i tanti, sciapotto.

    Report

    Rispondi

  • guga

    17 Dicembre 2011 - 18:06

    PETERGRECI : a proposito di condanne, è scandaloso aver avuto un tiramolotov e mandante di bombardieri su Belgrado, come presidente del consiglio. Sono avvenimenti passati, vero? E poi sono crimini commessi in nome della democrazia da ESSERI superiori eticamente. saluti

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog