Cerca

Passera, conflitto di interessi da 7,5 milioni di euro

Il ministro ha super pacchetto di azioni di Intesa: di fatto è socio anche di Alitalia e dei treni veloci di Montezemolo

Passera, conflitto di interessi  da 7,5 milioni di euro

Corrado Passera, dopo la nomina a super ministro (il suo dicastero comprende Sviluppo, Infrastruttre, Trasporti e Comunicazioni) aveva scacciato le accuse di chi lo vedeva al centro di un fittissimo conflitto di interessi. "Mi sono dimesso da Intesa", aveva spiegato l'ex amministratore delegato della prima banca italiana. Poi aggiunse che della stessa Intesa rimaneva "piccolissimo azionista". Piccolissimo? Mica tanto, visto che le azioni dell'istituto che ha in portafoglio, riporta un articolo de L'Espresso, ammontano a 7,5 milioni di euro. E poiché Intesa ha partecipazioni in Alitalia, nei Nuovi Treni veloci di Luca Cordero di Montezemolo e di Della Valle, si può affermare senza il rischio di essere smentiti che Passera, di fatto, è socio anche dei due colossi dei trasporti (e lui, puta caso, è anche al vertice del dicastero dei Trasporti). Inoltre Corradino ha nominato come sottosegretario alle Infrastrutture Mario Caccia, persona a lui vicinissima ed ex amministratore di Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo, ossia la controllata di Intesa che finanzia la costruzione di moltissime di quelle grandi opere su cui, ora, Caccia e Passera dovranno prendere decisioni significative. Sul possibile conflitto di interessi, Passera, spiegò: "Giudicherete in base alle mie azioni". Il primo bilancio non è certo dei migliori...


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    17 Dicembre 2011 - 11:11

    E questi sono igrandi tecnici i maestri dell'equità, questi sono i paraculo dei ricchi.

    Report

    Rispondi

blog