Cerca

E Passera studia da premier: Amo fare il bene comune

Il superministro tecnico: La politica è un priivilegio. Sulle liberalizzazioni: Non finisce qui. E nessuna nuova manovra

E Passera studia da premier:  Amo fare il bene comune

Niente manovra aggiuntiva, secondo tempo per le liberalizzazioni e parola fine sul conflitto d'interessi. E' un Corrado Passera scoppiettante, già in formato premier, quello di domenica. Il ministro dello Sviluppo risponde a distanza all'ex ministro dell'Economia Giulio Tremonti, che ha paventato altre misure anti-crisi. "Non c'è nessun altra manovra in arrivo", sostiene categorico rivendicando l'aver "messo l'Italia in sicurezza" da parte del governo Monti. Le linee guida rimangono una lotta "senza pace" agli evasori fiscali e un "piano che permetta di consolidare il rigore, che ri-inneschi la crescita dopo dieci anni di non crescita". E intervistato da Fabio Fazio a Che tempo che fa, Passera annuncia: "Sulle liberalizzazioni non finisce qua", confessando di essersi preso sulla vicenda "un'arrabbiatura pazzesca". Dopo aver sottolineato che le misure di Monti hanno evitato all'Italia di correre un "rischio-Grecia, che era ad un passo", il superministro cerca di svicolare sull'ipotesi di riaprire il dossier sull'assegnazione delle frequenze tv ("Su questa domanda posso giocarmi il jolly?") poi spiega che "di fronte ai sacrifici chiesti agli italiani, verosimilmente non tollereremo» l'assegnazione gratuita". Quanto all'asta, dice, "può essere una cosa un po' diversa". Insomma, "dobbiamo trovare nuovi modi, ma penso che questa cosa debba essere rivista profondamente".

Evasione e conflitti - Sulla lotta all'evasione fiscale, Passera spiega perché non è finita in manovra: "Se fosse stata basata solo su promesse di lotta all'evasione, nessuno l'avrebbe comprata". "L'impegno nostro - prosegue -, non dovendo rendere conto a nessuno, sarà senza pace. Si tratta di 120 miliardi, di soldi veramente rubati agli altri, da andare a recuperare per consentire di fare investimenti sulla crescita". Poi il colpo di teatro, sul suo conflitto d'interessi per detenere azioni di Intesa Sanpaolo, la banca che ha guidato per 10 anni. "Non c'è, e non era mia intenzione fare questo annuncio, ma le vendiamo e basta. E' una disgrazia, è sbagliato, ma così ci togliamo il dubbio". Quasi una ripulitura in vista di possibili incarichi futuri. Non da tecnico, ma da politico. "Ha intenzione di rimanere, magari da leader di un grande centro?", gli chiede Fazio. E lui: "Chi può dirlo, fare il bene comune è il più grande privilegio concesso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    19 Dicembre 2011 - 22:10

    il tuo bene comune sono i tuoi soldi in liquidazione che ti sei beccato!!!!Mettili a disposizione del bene comune " IL DEBITO ITALIANO CHE LE BANCHE HANNO FATTO FARE ALL'ITALIA con i vostri compari e ruffiani al governo. Con tutte le super liquidazioni di come te altri hanno percepito possiamo quasi risanarlo. La moneta deve essere nazionale e non della BCE e BANCHE tutte private che cacchio dici se i soldi che vuoi mettere a disposizione non sono di bene comune ma delle stesse banche che ci vogliono capitolare!!!!!!!!!!!!Bel casino che avete fatto con questa moneta dei buffi buffoni!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • villiam

    19 Dicembre 2011 - 18:06

    con il suo passato e il suo presente ,ma non dica fesserie a lei piacciono i soldi e usa quelli degli altri per fare del bene !

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    19 Dicembre 2011 - 16:04

    il bene comune ?? Come prima presentazione di sé ha consentito la pubblicazione una foto che lo ritrae al mare, in slip, appoggiato al sedere di una signora (che suppongo sua moglie) e le mani sulle sue "maniglie dell'amore". E già la prima presentazione mi ha fatto cadere le braccia; ora vediamo il resto - margherita -

    Report

    Rispondi

  • libero

    19 Dicembre 2011 - 16:04

    perdonami se ti dico che non hai capito nulla perche' l'evasione fiscale e' un businnes per troppi ed un dovere per chi puo' evadere dove,come da noi,la pressione fiscale e' superiore al 70%.E' inoltre comodo per lor signori trovare nell'evasione fiscale il capro espiatorio per il loro malgoverno e poi come la cronaca quotidiana ci informa sui vecchi e nuovi arraffi dellaclasse politica & c. piu' soldi diamo loro e piu' ne spendono:.Sono oltre 60 anni che fanno manovre per le quali le tasse sempre aumentano ed il debito pubblico invece di diminuire continua ad aumentare:rifletti un attimo e poi fai 2 + 2 e vedrai che il risultato tranoi,collimera'.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog