Cerca

Incontro con Bossi, basta insulti

Senatùr a cena da Berlusconi dopo cinque settimane di gelo tra il nodo frequenze tv, amministrative e il caso Cosentino

Incontro con Bossi, basta insulti

Per una volta discreto («È opportuno il silenzio»), cosa che accredita ancor di più la voce di un possibile vertice serale con il leader leghista Bossi. È il Cavaliere, il quale, in una pausa pomeridiana del processo Mills, parla dei suoi rapporti con il Senatur («Ottimi sul piano personale»), dei contatti «normali» con via Bellerio e di un faccia a faccia notturno su cui preferisce glissare: «Ci sono obiettive ragioni che impongono riserbo». Eppoi, prova a depistare Silvio, «chi l’ha detto che non c’è già stato», l’incontro?

Nei giorni scorsi l’aveva annunciato ai quattro venti: «Vedrò Umberto». Col risultato di mettere in imbarazzo il numero uno del Carroccio (impegnato a rifarsi una verginità da oppositore) e di provocare la sua reazione scomposta: «Se incontro  Silvio mi metto a ridere!». Ecco: onde evitare altre «reazioni rustiche» (copyright berlusconiano), il Cavaliere non si è esposto. Mistero. Indeterminatezza. Nebbia. Ma, alla fine, pare proprio che il vertice  serale tra Silvio e Umberto ci sia stato.

Trapela poca roba: gli argomenti del confronto, per esempio, tutti alquanto scontati. In primis, l’ipotesi di riallacciare il filo dell’alleanza in vista delle elezioni amministrative di primavera (questione prematura, ma importante), poi la storia delle frequenze della tv digitale e il voto sulla custodia cautelare di Nicola Consentino. Era da prima delle dimissioni del governo che i due non sedevano a un tavolo per parlare di politica. Cioè dal 12 novembre scorso. Quasi cinque settimane è durata l’astinenza da Senatur  del Cavaliere, a parte una fugace occhiata in Aula, a Montecitorio, durante uno dei discorsi di Mario Monti al Parlamento. Ma c’è anche chi, tra i dirigenti azzurri, è pronto a giurare che Bossi e Berlusconi si siano visti già nei giorni scorsi, a pranzo. C’è stata anche una telefonata, aggiungono altre fonti.

 Che storia: fino a qualche mese fa la cosa non aveva tutta questa dignità di notizia, adesso anche il minimo cenno di intesa fa parlare. «Il problema non è Umberto», continua a ripete Silvio a chi gli chiede del destino del patto del Nord, «è ragionevole, ci parlo, lo convinco. Il problema sono gli altri leghisti». Uno su tutti, Roberto Maroni. Che non solo ha messo la sua firma sull’ordine del giorno che chiede la riassegnazione delle frequenze del digitale terrestre (già prese da Mediaset e Rai a costo zero) con una gara onerosa. Ieri l’ex ministro dell’Interno ha anche rivendicato la scelta: «È una misura equa, chi ha di più deve pagare».

Attentato. Silvio considera questa iniziativa leghista (condotta in condominio con l’Italia dei valori) come un attentato al suo patrimonio, a Mediaset. E se ne sarebbe lamentato con Bossi, definendola una coltellata alle spalle arrivata da quelli che considerava degli amici. Lecito scegliere di non appoggiare il governo, ma questo furore da antiberlusconiani: perché? Silvio ha ribadito che il sostegno al governo Monti è stata una scelta obbligata, ma non definitiva. Che il quadro può mutare in fretta accelerando il ritorno alle urne: «Prepariamoci alle elezioni».

Infine, il Cavaliere avrebbe perorato la causa di Cosentino. Dire no all’arresto del coordinatore campano del Pdl non frena il corso della giustizia, mentre è evidente - agli occhi  dell’ex premier - un certo fumus persecutionis da parte della procura di Napoli che non intende interrogare il deputato azzurro, insistendo nel volerlo dietro alle sbarre. Difficile, tuttavia, che il Carroccio dia una mano: non lo fece a suo tempo con Papa e ora non c’è neanche più il vincolo di coalizione. Ma Silvio deve pensare anzitutto ai suoi processi. Ieri un altro lunedì trascorso in tribunale. Nelle pause dell’udienza, l’uomo di Arcore si è concesso qualche battuta politica. Sulla manvra: «Induce alla recessione» ed è «probabile» che ne serva un’altra. Sulle frequenze: «Nessuno è interessato a investire per ottenerle». Sul presidenzialismo («Magari, l’Italia è ingovernabile»), su don Verzè («Persona rara, grande imprenditore»), su Tremonti: «Si fa un gruppo autonomo? Tanti auguri!».  

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bepper

    20 Dicembre 2011 - 16:04

    Silvio è riuscito finalmente a isolare e neutralizzare i razzisti della lega ed i fascisti, Cuffaro e Brancher, Cosentino e Milanese, Papa e Bisignani. Dai Silvio ancora un piccolo sforzo, lo vedi che se ti impegni...

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    20 Dicembre 2011 - 14:02

    Purtroppo devo dare ragione al coglione di Mauro(Woody)la manovra è già in cassaforte,tu,prima di rendere facile il lavoro a questo fallito informati bene,grazie! MAURO,sono entrato in uno dei siti cubani,quelli dove si affittano le case o si prenotano gli hotel,appena ho pronunciato il tuo nick-name quale garanzia per un eventuale affare immobiliare sull'isola molti dei partecipanti hanno pronunciato nei tuoi confronti strane e incomprensibili parole,del tipo:HIJO DE PUTA,LA TU PUTAMADRE,LA PUTA QUE TE PARIO',CABRON DE MIERDA e altre cose impronunciabili! Che cazz@ hai combinato in quei luoghi per ridurre i nativi in quelle condizioni deteriorate e astiose nei tuoi confronti? Sarai mica scappato senza pagare i conti...!!!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    20 Dicembre 2011 - 13:01

    Ancora non lo hai capito e questo è nell'ordine delle cose,ma ti voglio ricordare che Silvio non ha fallito il suo programma è stato approvato approvando la legge sul bilancio,ti ricordi? Eppure quello che tu celebri,Monti,sta attuando il programma di Silvio sei come il bambino citrullo che non vuole prendere la purga,e il babbo furbo(Silvio)gliela fa bere mescolandola con un po di miele...adesso vai pure a cacare!

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    20 Dicembre 2011 - 12:12

    Un'occasione per parlare di un fallimento totale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog