Cerca

Tremonti vuole fare il suo gruppo

L'ipotesi: gruppo parlamentare. Ma è troppo poco popolare: spunta la strada di una fondazione. Berlusconi e Alfano lo scaricano definitivamente

Tremonti vuole fare il suo gruppo

Nel Pdl spunta l'idea di un gruppo parlamentare di Giulio Tremonti, l'ex superministro dell'Economia. Che ne pensa Silvio Berlusconi? "Tanti auguri", ha laconicamente e ironicamente risposto lunedì ai cronisti che lo interpellavano al Tribunale di Milano. Una frase che, ammesso che ce ne fosse bisogno, suona come il definitivo addio del Cavaliere all'ex inquilino di via XX Settembre: "Se non ci avesse messo i bastoni tra le ruote - ha proseguito Berlusconi - a quest'ora sarei ancora a Palazzo Chigi".

Una fondazione? - Giulio, in verità, già da qualche tempo accarezzerebbe l'idea di crearsi un suo gruppo in aula, ma ha anche compreso che - complice la sua scarsissima popolarità - i margini per plasmare la sua creatura politica sono ben pochi. Così si farebbe strada una seconda soluzione, quella di creare una Fondazione (nello stile di finiani e montezemoliani) e, attorno ad essa, dar vita a un centro di azione politica per il futuro. Staremo a vedere. Di certo, per ora, c'è che Tremonti non ha più diritto di cittadinanza tra gli azzurri. Una forte bocciatura, dopo quella del presidente Berlusconi, è arrivata anche dal segretario Angelino Alfano: "Il Pdl è un partito solido. La vicenda di questi anni ha diverse chiavi di lettura, e non tutte coincidono con le convinzioni di Tremonti". Come dire: caro Giulio, addio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • morgan58

    21 Dicembre 2011 - 07:07

    Giulio se ci sei batti un colpo....smarcati definitivamente dal caravanserraglio del cavaliere fallito e del suo bamboccio siciliano. sei l'unica proposta politica nuova a destra che ha digerito di tutto: dal rinnegato Fini, ai Casini, passando per il puttaniere B.

    Report

    Rispondi

blog