Cerca

Casta si tiene doppi incarichi Senatore-sindaco, si può fare

Il Senato vota contro l'incompatibilità tra le due cariche stabilita dalla Consulta: gli onorevoli difendono i loro privilegi

Casta si tiene doppi incarichi  Senatore-sindaco, si può fare

Nuovo colpo di coda della casta. Promettono di togliersi privilegi, ma ogni giorno la manovra viene spogliata di parte di queste promesse. Ora la giunta per le elezioni del Senato ha votato contro l'incompatibilità tra la carica di Senatore e quella di sindaco di un Comune sopra i 20mila abitanti, che era stata decisa dalla Corte costituzionale. Nuovo via libera ai doppi incarichi, insomma. La giunta si è riunita dopo la sentenza 277 della Consulta che aveva chiarito di interpretare la legge sull'incompatibilità in senso restrittivo. Pdl e Lega, però, hanno votato contro le deliberazioni della Consulta, spiegando che la decisione avrebbe danneggiato i senatori Antonio Azzollini e Vincenzo Nespoli (sindaci di Molfetta e Afragola), entrambi del Pdl, che possono così continuare a ricoprire entrambe le cariche. Per protesta Idv e Pd hanno abbandonato i lavori, come ha fatto il presidente della giunta, Marco Follini, che ha abbandonato dopo aver indetto il voto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlott

    25 Dicembre 2011 - 21:09

    Si tutelano poverini, tanto ci sono i fessi a pagare. Altro che lacrime e sangue! I politici tutti , si devono vergognare, la gente vede , sente e capisce, ma loro nonostante tutto, ridono alle nostre spalle e fanno quel che vogliono, affamandoci sempre di più. Vergogna, andate tutti a casa, andate tutti a lavorare!

    Report

    Rispondi

  • walt

    24 Dicembre 2011 - 10:10

    La Giunta per le elezioni del Senato ha votato contro l'incompatibilità tra la carica di senatore e quella di sindaco, decisa invece dalla Corte costituzionale. La Giunta si è riunita dopo che la sentenza della Corte costituzionale di pochi mesi fa, la 277, aveva chiarito come interpretare la legge sull'incompatibilità, e cioè in senso restrittivo e non come aveva sostenuto il Centro-destra in questi anni. Ma in Giunta Pdl e Lega hanno votato contro le deliberazioni della Corte costituzionale, sostenendo appunto che i senatori (Azzolini e Nespoli, in particolare) possono continuare a ricoprire entrambe le cariche, senza optare per l'una o l'altra. IDV e PD hanno abbandonato i lavori per protesta, compreso il presidente della Giunta, Marco Follini. Siamo alle solite, a Sinistra si predica bene e si razzola male. Si fa finta di indignarsi con PDL e Lega per aver votato per il doppio incarico ma ci si dimentica che il senatore del Centro-sinistra Daniele Bosone (eletto appunto da PD, IDV e SEL) riveste contemporaneamente la carica di Senatore e di Presidente della Provincia di Pavia (doppio incarico, che mi sembra sia espressamente proibito nello statuto del PD)

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    22 Dicembre 2011 - 14:02

    Resta soltanto da ridere a pensare come questa gente può riuscire a fare due lavori se poi all'atto pratico non riesce mai a farne bene nemmeno uno??

    Report

    Rispondi

  • marancae

    22 Dicembre 2011 - 13:01

    Leggo con sgomento,un commento,riferentesi a coloro che hanno la possibilità' di andare in pensione con la legge 104. La persona che ha postato il commento,farebbe bene a riflettere e a parlare prima di sapere cio' che ahimè,vedo sia ritenuto solo un privilegio. Io sono un padre di una ragazza disabile di 20 anni,lavoro e vivo a Roma da 30 anni. Anch'io ho sperato e spero che presto questa legge venga approvata anche nel resto dell'Italia(per ora solo in Sicilia e Sardegna). Noi genitori di ragazzi disabili"GRAVI",viviamo una vita di sacrifici e dura,come nessuno può' immaginare,fa tristezza il commento. Pensare che per un genitore possa esserci una finestra per l'uscita dal mondo del lavoro,cosicché possa dedicarsi maggiormente ad assistere chi ha bisogno costante di cure,attenzioni 24H/24H credo sia una giustizia sociale,già' in atto da anni in Europa. Se poi c'e' chi pensa,che sia una scorciatoia per (dedicarsi all'orto!)auguro a chi ha scritto il "post",di provare a vivere come me

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog