Cerca

Cgil e Bersani piangono Fornero frena sull'art.18

Ministro spiazza tutti: "Non ho in mente nulla al riguardo". Sulle polemiche: "Sono stata un'ingenua, sono caduta in trappola. Non me lo meritavo"

Cgil e Bersani piangono Fornero frena sull'art.18

La Cgil usa tona che appartengono a tempi passati e minaccia la lotta di classe, Pierluigi Bersani frigna e dice che "è da matti" toccare l'articolo 18 e il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, si commuove una seconda volta. In questo caso niente lacrime ma una frenata. Il ministro ha spiegato di non aver voluto considerare prioritari interventi per la cancellazione del divieto di licenziamento senza giusta causa previsto per le aziende con più di 15 dipendenti. "Io non avevo e non ho in mente nulla che riguardi l'articolo 18 - ha puntualizzato, spiazzando un po' tutti, nel corso delle registrazioni di Porta a Porta -. Lo voglio ribadire. Ma chiedo che si parli di lavoro guardando ai problemi".

"Sono caduta in trappola" - La Fornero ha poi spiegato che le polemiche degli ultimi giorni "mi hanno dolorosamente colpito. Sono caduta in una trappola. Sono stata ingenua". Poi il ministro scarica buona parte della colpa ai giornalisti poiché "non mi aspettavo questa polemica. Ho anche riletto la mia intervista (concessa al Corriere della Sera, ndr) e l'ho vista come un fatto positivo perché mi sembrava che prevalesse l'invito al dialogo. Non sapevo che il solo menzionare la possibilità di discutere creasse queste polemiche che, francamente, non meritavo. Io in quell'intervista ci ho visto un'apertura".

Priorità e preoccupazioni - Il ministro detta poi le sue priorità: "La prima emergenza è la creazione di posti di lavoro, rimettere in moto il mercato del lavoro", e sottolinea come "non è con i soldi pubblici che possiamo fare posti di lavoro, ma con le imprese, piccole, capaci di stare sul mercato". Poi le preoccupazioni: "Sono angosciata quotidianamente da richieste di crisi aziendali, di casse intgrazione guadagni, cig in deroga. Questo è veramente preoccupante, ed è su questo che dobbiamo agire". Il ministro ha poi spiegato che "i posti di lavoro si creano con un'economia sana e non con i soldi pubblici. I posti di lavoro si fanno con le imprese produttive che vendono cose. Voglio assicurare - conclude la Fornero - che non c'è nessuna presa un giro ma il tentativo di salvare il Paese".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    22 Dicembre 2011 - 08:08

    le belle camicie rosse, le bandierine falce e martello e le magliette con il "che"?Dove sono finiti i lavoratori che scendevano in piazza, cantando a squarciagola "O bella ciao" o l'"internazionale"? sono tutti morti e sepolti sotto la gonna di questa segretaria Ca-mussa, abbracciata con bersanosky in un vortice di sesso sfrenato? Veramente bersanosky sta pettinando le pantegane e la ca-mussa sta preparandosi la cadrega in parlamento. A loro dei pensionati messi a pane e cipolla e spesso senza la cipolla, non ci stanno pensando assolutamente. Loro pensano ai soldi che prenderanno nel partitino, alle guerre che dovranno fare per non rimetterci neppure un euro, ai pensionati e i lavoratori va', da parte loro, un semplice augurio " SO' CA@@I VOSTRI". Strano che i vari rom, tipo osti, i sindacalisti tipo biri, i talebani tipo imafhu, i bellano non si indignino e non spingano i sottoposti a manifestazioni antigovernative e contro questa ministra di me@@a, della baronia universitaria.

    Report

    Rispondi

  • imbesi.emanuele

    22 Dicembre 2011 - 07:07

    Nessuno ha sottolineato la gravità della tracciabilità verso i pensionati anch essi con limite prelievo 5oo euro,laddoove si può richiedere CUD,e da quello partire come base di controllo.Dopo 4 anni per la prima volta la banca non mi ha cambiato assegno pensione di 600 euro di pensione!!!questa pensione è il frutto di anni di lavoro come agente di commercio,elargitami da mio ente di categoria e nulla a che fare con inps,di cui con 9 anni di contributi del passato niente percepisco.sono orgoglioso di essere pensionato ENASARCO e non sò se può intervenire per ovviare a questo stillicidio.una volta vidi un film che intitolava:Jhonny prendi il fucile.emanuele

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    21 Dicembre 2011 - 22:10

    si accorgeranno in europa della nuova armata brancaleone?

    Report

    Rispondi

  • Giacinto Bruno

    21 Dicembre 2011 - 22:10

    Chissà perché questa foto mi fa pensare a certe ville faraoniche costruite da certi sindacalisti. Giacinto Bruno

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog