Cerca

Carezze ai sindacati, stangata ai pensionati

La Fornero fa retromarcia sulla riforma dell'articolo 18. A pagare più di tutti questa manovra resta l'esercito della previdenza

Carezze ai sindacati, stangata ai pensionati

Elsa Fornero fa retromarcia sull'articolo 18 e frena sulla riforma del lavoro: esultano pezzi del Partito Democartico (spaccato sul tema) e i sindacati. Chi invece continua a disperarsi, i veri fregati, sono i pensionati. L'esercito della previdenza ha ricevuto un solo contentino, per il quale la lotta è stata dura: le pensioni verranno indicizzate fino ai 1.400 euro, e per convincere la Fornero ci sono volute settimane di aspra discussione (inizialmente la rivalutazione in base all'inflazione era stata innalzata solo fino ai mille euro). Ma la stretta sulla previdenza rimane soffocante. Per primo il passaggio al contributivo pro-rata, che dovrebbe contrarre gli assegni di circa un punto percentuale per ogni anno di contribuzione, ovvero più si è vicini alla pensione e tanto più alto è lo stipendio e meno si perderà. Le donne che vorranno andare in pensione con le vecchie regole (57 anni di età e 35 di contributi, 58 anni se autonome) potranno farlo fino al 2015 scegliendo il trattamento calcolato interamente con il sistema contributivo, meno vantaggioso del retributivo: la perdita in termini percentuali dell'assegno pensionistico è del 20-25 per cento. Ma la vera stretta sulle donne, per esempio, è per chi è nata nel 1961. Chi fino all'anno scorso pensava di lasciare il lavoro nel 2021 (a 60 anni) per prendere la pensione dopo 3 mesi (vecchia finestra), ora - sommando l'incremento del requisito anagrafico e l'adeguamento alle aspettative di vita - dovrà come minimo attendere i 67 anni. C'è poi il super contributo di solidarietà sulle pensioni d'oro e l'innalzamento dell'età pensionabile per tutti gli altri, nonché la stretta sulle agevolazioni per i lavoratori precoci. La morale? I veri fregati restano i pensionati.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VermeSantoro

    22 Dicembre 2011 - 13:01

    Bastardi ! Prendersela con i "Pensionati ed i Pensionabili" le forze deboli del Paese che nessuno difende veramente e con cui è facile ricavare soldi per apparare questi folli bilanci. Io non credo piu' in nessuno e per nessuno piu votero' visto che non c'è uno schieramento che difende me e la mia famiglia. Ci impongono sacrifici certi con la frase ricattatoria che in mancanza di questi sacrifici andrebbe tutto peggio ( il che è sempre tutto da verificare), non ti credo Monti, almeno Berlusca con i suoi tanti difetti era anche simpatico, Tu nemmeno quello.

    Report

    Rispondi

  • gmario52

    22 Dicembre 2011 - 10:10

    Noi poveri lavoratori del 52 ai quali e' stato dato il contentino di poter andare in pensione a64 anni anziche' 67 spero che almeno dalle prossime elezioni non andremo piu ' a votare. Questa inculata trasversale che ha colpito indistintamente a sinistra , destra e centro ci faccia almeno riflettere che votare e' inutile. Abbiamo 60 anni , quasi , e penso che non sia l'eta' per farci prendere in giro da politici che pensano solo alle loro poltrone. Basta votare , tutti in gita nel giorno delle elezioni , nella speranza che anche qyelli del 51 , 53 , 54 , 55 , ecc. Ecc. Facciano la stessa cosa. Questa volta ci hanno dimostrato che la democrazia e ' una materia da discussione nei bar , non un valore da proteggere e praticare. Napolitano ci ha fatto vedere come si fa' ad essere democratici : niente elezioni e al governo ci penso io !!!!! Bravo!! Vedrai il futuro cosa riservera' a questo paese dopo questa scellerata scelta di non andare al voto perche' lo spread saliva!! Incapaci!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • gmario52

    22 Dicembre 2011 - 10:10

    Noi poveri lavoratori del 52 ai quali e' stato dato il contentino di poter andare in pensione a64 anni anziche' 67 spero che almeno dalle prossime elezioni non andremo piu ' a votare. Questa inculata trasversale che ha colpito indistintamente a sinistra , destra e centro ci faccia almeno riflettere che votare e' inutile. Abbiamo 60 anni , quasi , e penso che non sia l'eta' per farci prendere in giro da politici che pensano solo alle loro poltrone. Basta votare , tutti in gita nel giorno delle elezioni , nella speranza che anche qyelli del 51 , 53 , 54 , 55 , ecc. Ecc. Facciano la stessa cosa. Questa volta ci hanno dimostrato che la democrazia e ' una materia da discussione nei bar , non un valore da proteggere e praticare. Napolitano ci ha fatto vedere come si fa' ad essere democratici : niente elezioni e al governo ci penso io !!!!! Bravo!! Vedrai il futuro cosa riservera' a questo paese dopo questa scellerata scelta di non andare al voto perche' lo spread saliva!! Incapaci!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    21 Dicembre 2011 - 23:11

    Questi professori mi ricordano quei professori di chimica all'Istituto che come Einsten scrivevano per ore formule sulla lavagna poi se c'era da piantare un chiodino nel muro chiamavano il bidello. Senza senso pratico e quindi dannosi e così sono i nostri, messi li da Kim Gerg Nap. Io ex Quadro,single,non ho più la perequazione,stangato da tutte le parti.Che farò per salvarmi.Cercherò di evadere dove posso. Aff..lo Monti e Napolitano. Abbiamo scoperto come il tanto vituperato Zapatero fosse più intelligente del nonno sovietico del Colle. Con le elezioni gli spread in Spagna sono discesi nettamente e il nuovo premier di centro destra non ha aumentate le tasse.Noi siamo nel disastro ,nel buio,mi pare una follia tutta questa storia, pure le dimissioni di Berlusconi e gravi sono le tesi di un presidente della repubblica che mi pare simile a un monarca comunista della Corea del Nord.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog