Cerca

Pisapia scappa a Bangkok: Milano senza luci è orribile

Il primo cittadino si è imbarcato: fuga a migliaia di chilometri dalla città che ha voluto ingrigire proprio sotto le feste

Pisapia scappa a Bangkok:  Milano senza luci è orribile

Ieri l’altro il volo TG941 della Thai Airways International, partito da Malpensa alle 13.05 e diretto a Bangkok, ha imbarcato due passeggeri che non potevano passare inosservati: Giuliano Pisapia e signora. Il nostro sindaco ha dunque deciso di trascorrere il Natale ai tropici, proprio come in un cinepattone. Poverino, era tanto stanco. Negli ultimi mesi non aveva perso occasione per lamentarsi, anche in pubblico: «Comincio la mattina e finisco la sera in una girandola d’incontri», ha scritto sul suo sito web prima di chiuderlo per troppo stress. Lavorare stanca: a sessant’anni passati non è una scoperta da poco.

Quella che per un milanese qualsiasi è soltanto una vacanza – ammesso che possa permettersela – diventa una diserzione per chi indossa la fascia tricolore: le feste comandate sono una trincea da presidiare, con inevitabile corollario d’iniziative benefiche, messe solenni e gesti simbolici. Dal caro leader ci saremmo come minimo aspettati un pranzo natalizio in una mensa della Caritas, con relativo sevizio al Tg regionale. Comprendiamo che sia molto più gratificante sorseggiare un cocktail al bordo d’una piscina, ma le cariche pubbliche, a fronte di tanti privilegi, esigono qualche minimo sacrificio: non è una prova d’eleganza predicare sobrietà e poi, in pieno dicembre, smettere il loden per indossare il costume da bagno in una spiaggia esotica.

A Pisapia va però riconosciuta un’attenuante: la Milano natalizia voluta dalla giunta arancione è così deprimente che vien voglia di scappare a gambe levate. Per le vie si respira un’aria triste, da Germania Est, rare e fiacche le luminarie, mercatini deportati in piazze nascoste. L’albero in piazza Duomo, per mancanza di sponsor, l’ha dovuto pagare la fondazione Aem con i soldi delle nostre bollette.

Ci sarebbe piaciuto che il biglietto per la Thailandia fosse stato di sola andata, ma il primo cittadino ha deciso di rientrare il giorno 28. Evidentemente non vuol perdersi il concerto di fine anno, cui le esauste casse comunali contribuiscono con 300 mila euro. Il programma è da Festa dell’Unità: don Gallo, Vinicio Capossela e Paolo Rossi, che in campagna elettorale hanno recitato e cantato le lodi di Pisapia, si apprestano al bis. Non dubitiamo che sul palco salirà anche lui, se non altro per esibire alla folla plaudente l’abbronzatura fuori stagione.

di Renato Besana

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umshlanga

    27 Dicembre 2011 - 22:10

    questo signor nessuno pisapia e una vergogna per milano appena eletto ma quanti imbecilli l-hanno votato questo comunistone filo islamico/leoncavallino e via cosi la prima cosa che ha fatto AUMENTO BIGLIETTO METRO E GAY PRIDE COMPLIMENTI MILANESI! COME FAREMO A TOGLIERCELO DAI PIEDI?

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    22 Dicembre 2011 - 20:08

    A sì quell'intelligentone di Celentano! Invece a me ha sempre ricordato una marionetta...ha vinto perchè la Moratti oltre che odiosa era anche scema, così i milanesoni cretini hanno votato questo pagliaccio cattivo e inquietante che ora porta a spasso la sua ex concubina diventata moglie sul filo di lana, con i soldi che lui intasca per mazzolare i suoi sudditi babbioni...Mi spiace per quelli che non l'hanno votato, il problema in Italia è che troppi si lasciano abbindolare e poi ci vanno di mezzo anche gli altri!

    Report

    Rispondi

  • raucher

    22 Dicembre 2011 - 20:08

    non è un vil popolano qualsiasi , bensì un signorino della Milano-bene.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    22 Dicembre 2011 - 19:07

    Alla faccia delle nuove tasse che probabilmente a lui non faranno nemmeno il solletico. Mi auguro almeno che il biglietto e soggiorno facciano parte delle sue spese personali non addebitabili ai rimborsi. Il pranzo con i poveri....scordatevelo, non è chic per un sindaco Pd. Mi auguro che chi l'ha votato si stia mangiando le pal......e

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog