Cerca

I partiti han paura di morire Scontro sulla cabina di regia

Pdl, Pd e Terzo Polo temono di arrivare già sconfittti alle elezioni. Ma trovare la quadra è difficile. La sinistra dice 'no'

I partiti han paura di morire  Scontro sulla cabina di regia

I partiti sono stati messi ai lati del ring dal prepotente ingresso dei tecnici, di Mario Monti e di tutti i suoi professori. E gli stessi partiti sono ben consci del rischio che corrono in questa situazione: senza ottenere risultati visibili, senza riuscre ad esibire qualche vessillo, costretti ad incassare sconfitte e fior fior di tasse, quando si tornerà alle urne (al massimo nel 2013) saranno stremati, poco credibili. Saranno di fatto sconfitti. E' un pensiero comune a tutte le maggiori forze parlamentari, almeno a quelle che non si oppongono in toto a Monti: Pdl, Pd e Terzo Polo.

La cabina di regia - E per non arrivare già sconfitti alle prossime elezioni i partiti pensano a una cabina di regia comune, obiettivo non perdere la loro centralità. La situazione è stata inquadrata da Benedetto Della Vedova del Fli: "Non si può pensare che con la nascita del governo Monti si schiaccia il pulsante pausa per tornare a play nel momento del voto, sperando che tutto sia rimasto come prima". E' però sfida difficile, per chi si è sempre avversato come Pdl e Pd, trovare un'intesa. Casini, da par suo, da tempo invoca un patto tra i tre leader: lui, Alfano e Brrsani. Ma il segretario del Pd si mette di traverso, nega ogni accordo e si dice contrario alla cabina di regia per la quale spinge anche Berlusconi: "C'è già", spiega Bersani, ed è quella del professor Monti.

Le competenze - Ma le divergenze non riguardano soltanto il possibile asse tra i partiti, ma le competenze dei partiti stessi. Il Pdl, per esempio, vuole un ruolo visibile sulle riforme economiche e chiede che i sacrifici, durissimi, siano finiti per gli italiani. Berlusconi lo ha spiegato: senza dialogo sul fisco, il Pdl stacca la spina. Concetto ribadito da Cicchitto: "Dopo la manovra che era di emergenza, a questo punto noi vogliamo una verifica puntale ddl per ddl". Bersani, al contrario, è disposto ad ingoiare altri bocconi amari: nel Pd sono convinti che il governo Monti dovrà occuparsi delle riforme facendo il lavoro sporco che le forze politiche faticano ad intestarsi. A Bersani sfugge però che se quel lavoro sporco verrà fatto in toto verrà ugualmente intestato ai partiti.

Mediazione difficile - C'è poi il Terzo Polo, che spinge per un'intesa stabile tra i tre principali poli della politica italiana che stanno reggendo il governo Monti. Casini vuole un'intesa limpida, spera di trovare un accordo su ogni riforma che verrà proposta dall'esecutivo. Le posizioni sono distanti. La credibilità dei partiti a rischio. Insomma, la sensazione è che ci sia molto, moltissimo da lavorare per trovare un modo d'agire comune all'interno della nuova, particolare, maggioranza. Se l'intesa non si trova, le strade sono due: o la fine del governo Monti, oppure la fine della politica, che verrebbe totalmente superata dall'esecutivo dei tecnici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Phidry Hiellie

    15 Aprile 2012 - 13:01

    ....non voterò più nessuno. Banda di mascalzoni!!!

    Report

    Rispondi

  • lillignocchi1

    13 Marzo 2012 - 10:10

    Troppo bello per essere vero....Noi caproni...continueremo iperterriti a votarli e loro ci sguazzano.....almeno ci fosse la vera possibilita' di un vero ribaltone politico e al max a 70 anni...TUTTI A CASA....SPAZIO AI GIOVANI.....notare che io sono vecchia,,,ahhh ahhh ahhhh

    Report

    Rispondi

  • Phidry Hiellie

    23 Dicembre 2011 - 00:12

    Chi li vota quelli li? Gli italiani mica sino stupidi!! Ci hanno massacrato di tasse e vogliono il mio voto? Ho votato pdl, non lo faro mai piu'. Ha promesso toglire le tasse ed ha fatto il contrario. Ne ha tolta una (ici) e ne ha votate 100!! Mai piu sti partiti opportunisti. Votero lega nord, l'punico partito che è rimasto fedele ai suoi pricipi e vicino ai cittadini, tutti gli altri hanno tradito i cittadini appoggiando il bocconiano e la sua milizia di basnchieri e accademici pragmatici e fuori dalla realta-

    Report

    Rispondi

  • zelia

    22 Dicembre 2011 - 23:11

    il popolo tradito da chi avevano eletto ..ma con quale faccia si presentano di nuovo a noi? sono tutti vomitevoli..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog