Cerca

P4, Alfonso Papa torna libero Cessate le esigenze cautelari

Il deputato del Pdl dopo 101 giorni di carcere torna in libertà: era agli arresti domiciliari per l'inchiesta sulla cricca

P4, Alfonso Papa torna libero Cessate le esigenze cautelari

"Mio marito passerà il Natale ai domiciliari, dopo 101 giorni di carcere a poggioreale, senza che ne sussistano le condizioni. Una carcerazione preventiva abusata, un'ingiustizia e un'assurdità". Così scriveva la moglie di Alfonso Papa pochi giorni fa in una lettera al sito Dagospia. Ma oggi, Tiziana Rodotà riceve la buona notizia: i giudici della I sezione collegio B del tribunale di Napoli hanno scarcerato il parlamentare Pdl Alfonso Papa. A giudizio dei magistrati, davanti ai quali il parlamentare è sotto processo in relazione all'inchiesta sulla cosiddetta P4, sono cessate le esigenze cautelari che lo riguardano. La decisione dopo una camera di consiglio legata all'ennesima istanza dei difensori di Papa Giusepep D'Alise e Carlo di Casola.

Il caso Papa - Nel giugno 2011 Alfonso Papa è stato coinvolto nell'inchiesta della procura di Napoli condotta dai pm Henry John Woodcock e Francesco Curcio sulla P4 che ha portato all'arresto dell’uomo d’affari Luigi Bisignani. Il 15 luglio 2011 la Giunta per le autorizzazioni della Camera ha dato il via libera alla votazione dell'aula. Quest'ultima si è riunita il 20 luglio e aveva deliberato a scrutinio segreto sull'arresto del deputato, approvandolo con 319 voti favorevoli e 293 contrari. Papa si era subito costituito nel carcere di Poggioreale a Napoli. Mercoledì gli erano stati revocati i domiciliari anche in relazione all'episodio di concussione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • savj

    27 Dicembre 2011 - 12:12

    Credo che quest'uomo abbia finalmente finito di patire il carcere perchè ha avuto la grave colpa di distinguersi dai suoi colleghi, schierandosi nel centrodestra di S. Berlusconi. In un Paese dove i veri delinquenti non vengono messi in galera o ci restano molto poco, un magistrato che si presta alla politica come tanti altri ma dalla parte sbagliata, va punito, a differenza di altri parlamentari che magari hanno rubato e la carcerazione viene negata. Bene, possiamo essere fieri di questa Giustizia!

    Report

    Rispondi

  • guido.blarzino

    24 Dicembre 2011 - 11:11

    In 100 giorni sono cambiati i presupposti: non ci crede nessuno.

    Report

    Rispondi

  • g02827

    23 Dicembre 2011 - 20:08

    Adesso l'onorevole Papa quando tornerà in Parlamento dovrà guardare negli occhi a tutti quelli che hanno votato per la sua carcerazione.

    Report

    Rispondi

  • Joe1957

    23 Dicembre 2011 - 16:04

    detto tutto, e che qualcuno si vergogni di usare ancora la "tortura" al giorno d'oggi....

    Report

    Rispondi

blog