Cerca

Pdl in pressing su Monti: Stop ai diktat di Merkel e Sarkò

Gli Azzurri chiedono a Monti di fermare le imposizioni europee e di tenere a freno i ministri poco tecnici e molto politici

Pdl in pressing su Monti: Stop ai diktat di Merkel e Sarkò

«Basta leggere sui giornali qual è la linea del governo». Il Pdl chiede di essere coinvolto nelle scelte che vengono prese a Palazzo Chigi in tema di economia. Via dell’Umiltà vuole essere consultata prima che le misure entrino in consiglio dei ministri, prima che i provvedimenti dell’esecutivo arrivo in Parlamento. È la posizione che mercoledì sera Silvio Berlusconi aveva anticipato ai senatori («Accordo preventivo con il premier o noi non ci stiamo»). Discorso fatto ieri, al diretto interessato, dai dirigenti del Popolo della Libertà. Sono le 8 del mattino quando Mario Monti riceve a Palazzo Chigi il segretario del Pdl Angelino Alfano. Con lui ci sono i capigruppo Maurizio Gasparri e Fabrizio Cicchitto.

«Siamo il gruppo numericamente più grande della maggioranza» e, nella fase due dell’azione del governo tecnico, i berluscones vogliono far pesare la propria stazza parlamentare. Ma soprattutto il Pdl ha chiesto a Monti di «tenere a freno» quei ministri che «stanno interpretando in maniera troppo politica il proprio mandato». Il riferimento era chiaramente rivolto alla Fornero e  a Riccardi. Il Professore? Alfano, Gasparri e Cicchitto si sono trovati di fronte un Monti molto disponibile alle richieste di maggior coinvolgimento.

L’ex commissario europeo sembra intenzionato a intrecciare un rapporto più intenso con i due principali attori parlamentari della maggioranza, Pdl e Pd. «Abbiamo chiesto al governo di stimolare la crescita e lavorare per fare sentire più forte la voce dell’Italia in Europa», ha spiegato  Alfano sintetizzando l’ora di colloquio a Palazzo Chigi. Il Pdl ha insistito molto con Monti perché lavori per disarticolare l’asse franco-tedesco. «È un direttorio che va superato», spiega Cicchitto, perché «rischia di infilarci in un meccanismo recessivo senza termine». Gasparri ha criticato «la nuova politica fiscale europea», che comporterà «un trasferimento di sovranità» da Roma a Bruxelles, imponendo al Belpaese ritmi di rientro dal debito pubblico insostenibili. L’Italia può affrontare i sacrifici, ha puntualizzato Alfano, ma solo se a chiederli è la Commissione europea.

Non possono essere due Stati - Francia e Germania  - a imporli. L’ex Guardasigilli ha poi insistito con il presidente del Consiglio chiedendo misure che rilancino la crescita. Niente più tasse, ma liberalizzazioni. Che non sono quelle ipotizzate nella manovra “salva Italia” e mirate  verso questa o quella categoria: «Ci vuole un piano organico che tocchi energia, trasporti, servizi pubblici locali», ha chiarito Gasparri. Infine c’è la questione dell’enorme debito pubblico. A margine del incontro Monti-Pdl è arrivata una proposta shock di Carlo Giovanardi: un prestito forzoso a carico dei cittadini, con l’obbligo di acquistare titoli di Stato, in modo da recuperare subito 400 miliardi di euro e portare il parametro debito/Pil sotto il 100 per cento. 

A fine colloquio, Alfano è andato via abbastanza soddisfatto. La sensazione, poi riferita  al Cavaliere (raggiunto telefonicamete a casa, ad Arcore), è che il quadro politico vada stabilizzandosi. «Alla fine è possibile che si arrivi al 2013 con questo governo», ha confessato Silvio agli amici che l’hanno sentito per gli auguri di Natale, tra questi il segretario repubblicano Francesco Nucara. «Però vediamo», la situazione ha troppe variabili per esibire certezze: «Io», aggiunge il Cavaliere salutando, «mi preparo a ogni evenienza».  

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elioselios

    26 Dicembre 2011 - 14:02

    È vero che non bisogna mai universalizzare; sviluppando però una mia personalissima considerazione, si coglie, nei ragionamenti dei personaggi politici di sinistra, odio verso chi non la pensa come loro, e ostentano un portamento saccente smisurato e una presunzione di onnipotenza < in particolare Bersani, la Bindi, Franceschini, Dalema, Vendola, Sereni e la Finocchiaro > trasmettendola anche ai loro militanti. Per testare questa contaminazione, leggere i commenti e i ragionamenti su alcuni quotidiani redatti dai sostenitori di quella composizione mentale, cioè ” i cari compagni ” che mi convincono a giudicarli, falsi e bugiardi e blatera tori ormai inguaribili.

    Report

    Rispondi

  • walter112

    26 Dicembre 2011 - 12:12

    Magari fossimo governati dalla Merkel e dal suo ministro dell'economia Scheuble. I telegiornali ci hanno informati nei giorni scorsi che in Italia i consumi natalizi sono crollati del 20/30%, ed oggi è giunta la notizia che in Germania invece sono cresciuti del 2%, in Germania stanno andando meglio dell'anno scorso. Il problema per l'Italia e L'Europa non sono i Diktat della Merkel, il nostro problema sono i BUFFONI, i CORROTTI, gli INCAPACI, gli INETTI (nel migliore dei casi) CHE CI GOVERNANO!!!!!! Ovviamente in questa categoria non sono compresi solo gli ex DC e PSI, ma anche il Sig. BERLUSCONI ed i Signori della LEGA: che quando parlano, parlano come se negli ultimi 10 anni non fossero stati al governo ma all'opposizione!!!

    Report

    Rispondi

  • spartacus63

    26 Dicembre 2011 - 11:11

    ma cosa volete pressare,siete solo dei buffoni,traditori,parassiti e massoni. la colpa e solo nostra di chi vi ha votato,parassiti mafiosi! speriamo che qualcuno ve la faccia pagare cara,tutto il male che avete fatto. possiate ardere vivi. Dio forse sei un massone mafioso pure tu. comunque se ci troviamo a questo punto la colpa e' anche nostra,siamo un popolo di pecoroni raccomandati. giorgio non sei il mio presidente,non lo sei mai stato,sei uno eletto da tuoi simili che stanno in parlamento, quindi quando parli,parla per te e per i tuoi colleghi avete mangiato tutto ora ci chiedete sacrifici,figli di cane.ma quale coesione ,maledetti.

    Report

    Rispondi

  • walter112

    25 Dicembre 2011 - 23:11

    Si basta ai Diktat di Merkel, voi del PDL siete stati più deleterei all'Italia in 8 anni che la DC in 50. Sii date della culona inchiavabile alla Merkel, insultate i tedeschi, COME HA SEMPRE FATTO QUEL PUTTANIERE CHE AVETE COME CAPO,come fanno i giornalisti al vostro servizio............i vostri sono tutti atteggiamenti per mandare in malora l'Italia. BUFFONI!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog