Cerca

Le sei mosse della Fase Due del governo del Prof

Mercoledì il Consiglio dei ministri. Basta tasse, ora la crescita: dalle liberalizzazioni al lavoro, dove il governo deve cambiare passo

Le sei mosse della Fase Due del governo del Prof

Il tempo della fase 2 è arrivato. Domani il premier Mario Monti riunirà il consiglio dei ministri, l'ultimo del 2011, per delineare le misure per la crescita tanto invocate quanto rinviate nelle ultime settimane. Bisogna andare oltre le tasse: lo chiedono i mercati internazionali (con lo spread Btp-Bund perennemente in crescita) e lo chiedono soprattutto gli italiani, già spremuti a sufficienza da una manovra da 35 miliardi fatta per l'85% di imposte. E allora via al piano in sei mosse.


Liberalizzazioni - All'esame del professore ci sono innanzitutto le liberalizzazioni. Nel mirino del governo tornano tassisti e farmacisti, ma per liberalizzare il mercato dei servizi si dovranno abbattere le resistenze a 360°. Si riprenderà in mano la legge sulla concorrenza del 2009 e si colpiranno anche settori quali gli erogatori locali (gas, acqua, carburanti) e le tariffe autostradali.

 

Lavoro - Sviluppo vuol dire soprattuto riforma del lavoro. Il ministro del Welfare Elsa Fornero era andata nella direzione giusta, prevedendo una revisione dell'articolo 18, salvo poi fare frettolosa marcia indietro sotto i colpi di Cgil e sinistra. La verità è che lo statuto dei lavoratori dovrà essere modificato, come chiesto anche dall'Unione europea e proposto da Berlusconi nella sua lettera inviata ai vertici Ue, perché solo così si potrà garantire un cambio di passo su precarietà, contratto unico, ammortizzatori sociali.

Ordini
- Riforma delle professioni o abolizione "dall'alto" degli ordini. E' la strada senza uscita imboccata dal governo che vuole garantire più concorrenza. Tutto già previsto da Silvio Berlusconi, ma anche qui le resistenze (anche dentro il parlamento, basta pensare alle decine di avvocati presenti) sono fortissime. L'obiettivo è dare più opportunità ai giovani.

Opere pubbliche - Le grandi opere come volano dell'economia. Era la ricetta del New Deal di Roosevelt, nell'America di 70 anni fa, e in parte pure quella del Cavaliere. Sulle infrastrutture si gioca molto anche Monti, mettendo a disposizione 10 miliardi per le inftrastrutture. Chiave di volta un decreto legge che possa rendere più agevole e immediato il project financing, vale a dire il coinvolgimento diretto delle aziende private (anche e soprattutto straniere) nel finanziamento dei cantieri.

Fisco - Delega fiscale e revisione degli estimi sono le parole d'ordine in materia di fisco. Primo passo: revisione di esenzioni, deduzioni e detrazioni. Quindi seguirà la revisione degli estimi catastali pari al 60%. Una mossa che mette già in allarme gli enti locali, preoccupati per un calo delle entrate: si parla, infatti, di qualcosa come 22 miliardi di euro di cui 11 di extragettito.

Imprese - Il sesto punto farebbe felice l'ex ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta. Semplificazione della burocrazia per alleggerire il peso su imprese e privati. Tempi più brevi, meno carte e scartoffie, regole più chiare: solo così si potranno attirare nuovi investitori, non solo italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    29 Dicembre 2011 - 12:12

    bella notizia; e cercate di essere in molti: ce ne faremo una ragione

    Report

    Rispondi

  • francescodapalermo

    28 Dicembre 2011 - 09:09

    la recessione è conseguenza dello spazio dato alla Cina e a tale macroregione! insomma si tratta di una concorrenza sleale e impari. ma chi l’ha detto che il libero mercato internazionale (definito “feroce” dallo stesso primo MInistro italiano) sia inattaccabile e possa calpestare indirettamente diritti individuali, leggi interne, leggi europee, diritti sociali, internazionali causando disastri economico-finanziarie conseguentemente umanitari? perchè l’europa non fa fronte comune? forse il mercato della macroregione cinese ha fatto comodo a troppi per il guadagno immediato?

    Report

    Rispondi

  • spalella

    27 Dicembre 2011 - 17:05

    NON HO LETTO NELL'ARTICOLO LA PAROLA '''' SPRECHI'''' !! abbiamo un MILIONE TRECENTOMILA ZECCHE CHE VIVONO DI POLITICA, che succhiano in migliaia di ENTI INUTILI come presidenti ed in affollati consigli di amministrazione, ovviamente pagati a centinaia di migliaia di euro l'anno cadauno. Solo in questi enti inutili sono centinaia di migliaia le zecche da sopprimere. Ma questo, nella seconda tornata del governo Monti, non l'ho letto. Forse perchè i miserabili ladri della politica che succhiano in questi enti sono in maggioranza del PD e del PDL ? forse perchè la CANAGLIA che dà la maggioranza a Monti è formata proprio da PD e PDL, oltre quella monnezza inutile dell'UDC ? Me ne frego di quali siano i motivi, alle porox elezioni IO cittadino cancellerò dal mio voto chiunque, NON stando all'opposizione, sia stato quindi favorevole ed artefice DELLA NON CANCELLAZIONE DELLO SCHIFO SU' ESPOSTO.

    Report

    Rispondi

  • petergreci

    27 Dicembre 2011 - 16:04

    Purtroppo in molti credettero sulle capacità sovrumane di Silvio Berlusconi il quale si è sempre vantato di essere stato il personaggio che ha più governato in Italia. Quando nel 2001 vinse le elezioni con lo slogan "meno tasse per tutti", da politico dissennato sottovalutò il debito pubblico anzi con la sua permanenza a palazzo Chigi il debito a tutt'oggi è aumentato, con la complicità dell'altro stregone Tremonti. Il parlamento italiano per quasi due legislature è stato impegnato a discutere di leggine contro i magistrati mentre l'Italia affondava....fosse per me tutta la classe dirigente che ha governato dovrebbe essere espropriata dei capitali accumulati dopo l'acquisizione degli incarichi istituzionali, e chi si è dimostrato incapace o ha sbagliato con dolo, una bella vacanza a San Vittore o Rebibbia. Una rivoluzione francese un pò più morbida....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog