Cerca

Casa, rivoluzione del governo Ecco come cambia il catasto

Monti annuncia la riforma degli estimi: "Via i vani, arrivano i metri quadri". Poi giurano: "A costo zero, non sarà una stangata"

Casa, rivoluzione del governo Ecco come cambia il catasto

Via i vani, arrivano i metri quadrati. Il cantiere casa non è ancora chiuso e il governo punta ora alla riforma Catasto. E promette: questa volta non sarà una stangata. Ma, date le premesse, è tutto da verificare. L'obiettivo sarà quello di aggiornare i dati dell'immenso archivio edilizio italiano, adeguandoli alla realtà e ai valori di mercato, ora 3,73 volte più alti. Così l'esecutivo garantisce che la riforma - che servirà anche a riequilibrare gli estimi delle grandi città sperequati tra centro e periferia - sarà a costo zero: l'adeguamento della base imponibile, spiegano fonti di governo, non potrà che essere accompagnata da una riduzione delle aliquote.

La promessa - Il governo prova così a mettere ordine nella giungla del catasto italiano. L'ultimo tentativo era stato fatto nel 2006, quando l'allora governo Prodi presentò un collegato alla Finanziaria per mettere mano in modo organico al catasto, di fatto ancora strutturato con il sistema di categorie e classi introdotto alla sua nascita, con rendite rivalutate l'ultima volta nel 1990, con riferimento al biennio precedente. Ma, la fine anticipata della legislatura, fece cadere il progetto. Il nuovo provvedimento potrebbe adesso arrivare velocemente, proprio per evitare la tagliola di fine legislatura.  I contenuti sono già tracciati in un documento elaborato dal ministero dell'Economia, che fissa cinque criteri che saranno utilizzati, ma anche i tempi per l'articolato legislativo non sarebbero lunghi. "È noto - è scritto nel documento - che le attuali rendite catastali, su cui si basa in larga parte la tassazione immobiliare, non sono più congrue rispetto ai valori di mercato". L'ultimo rapporto dell'Agenzia del Territorio indica in particolare che per le abitazioni il valore corrente di mercato è pari, in media a 3,73 volte la base imponibile ai fini Ici. Se si guarda all'Irpef, invece, lo stesso rapporto oscilla tra il 3,59 della abitazioni principali e il 3,85% delle seconde case. I canoni di locazione, poi, sono superiori di 6,46 volte a quelli delle rendite catastali.

La riforma - Il nuovo provvedimento potrebbe arrivare velocemente, per consentire una reale applicazione prima della fine della legislatura. A tracciarne le basi del nuovo catasto è un documento elaborato dal ministero dell'Economia che fissa i cinque criteri che saranno utilizzati. "Il disegno di riforma - spiega il ministero dell'Economia - è imperniato sui seguenti elementi: 1) La costituzione di un sistema catastale che contempli assieme alla rendita (ovvero il reddito medio al netto delle spese di manutenzione e gestione del bene), il valore patrimoniale del bene, al fine di assicurare una base imponibile adeguata da utilizzare per le diverse tipologie di tassazione; 2) la rideterminazione della classificazione dei beni immobiliari; 3) il superamento del sistema vigente per categorie e classi in relazione agli immobili ordinari, attraverso un sistema di funzioni statistiche che correlino il valore del bene o il reddito dello stesso alla localizzazione e alle caratteristiche edilizie; 4) il superamento, per abitazioni e uffici, del "vano" come unità di misura della consistenza a fini fiscali, sostituendolo con la "superficie" espressa in metri quadrati; 5) la riqualificazione dei metodi di stima diretta per gli "immobili speciali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fatti neri

    27 Dicembre 2011 - 22:10

    mi ricordo quando tolsero il bollino alla patente....introdussero un nuovo criterio sul bollo auto che oggi è dal 1993 tassa di proprietà regionale....infatti la polverini per dare altri vitalizi lo ha aumentato nel lazio del 10%-risultato è che quel che aveva iniziato prodi nel 2006 lo finisce monti cioè colpire le proprietà dei privati da bravo comunista come ordina re giorgio I eletto dalle fila del pci FN

    Report

    Rispondi

  • elioselios

    27 Dicembre 2011 - 22:10

    Possedere una casa di proprietà ampia fatta con tanti sacrifici anche per i figli, che vivevano in famiglia, adesso succederà di essere indotto a venderla. Attenzione però, perche c’è l’agenzia delle entrate che ti dice, quanto vale. Pertanto o la vendi per quello che stimano loro, inversamente sei considerato uno che frode il fisco.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    27 Dicembre 2011 - 20:08

    ma come sono buoni ! Allora anche Dracula era un benefattore perchè prelevando sangue stimolava il corpo a produrne di più fresco.

    Report

    Rispondi

  • delfino47

    27 Dicembre 2011 - 19:07

    Autocensuro il mio commento !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog