Cerca

La Silviostalgia del Corriere: han paura del nemico più forte

Il quotidiano non può prendersela con Monti così punta il dito contro il Cav: a lui tutte le colpe. Perché lo temono ancora

La Silviostalgia del Corriere:  han paura del nemico più forte

Ieri sulla prima pagina del Corriere della sera è apparso un sintomatico editoriale di Giovanni Sartori intitolato “Una politica a corto di idee”.  Il professore, ancora evidentemente provato dai brindisi natalizi, ci ha tenuto a spiegare che da mezzo secolo a questa parte, «dalla politica italiana non nasce una sola idea». Verrebbe da chiedersi se l’illustre accademico finora sia vissuto su Saturno, ma continuando a leggere si capisce che ogni parola dell’articolo (un guazzabuglio in cui ciascuna frase contraddice la precedente e tutte insieme contraddicono il pensiero sartoriano dell’ultimo ventennio) serve a riempire lo spazio necessario per giungere alla fine, dove si trova l’unico periodo importante. Conclude infatti Sartori: «Noi siamo precipitati nel momento in cui la stupidità della sinistra, allora di D’Alema e Violante, ha consegnato il Paese a Berlusconi regalandogli tutta o quasi tutta la televisione».

A prima vista sembra che non sia la politica a soffrire di carenza d’idee, bensì il primo quotidiano italiano, ridotto - in pieno governo tecnico - a scagliarsi per l’ennesima volta contro il Cavaliere. In realtà, tuttavia, l’editoriale sartoresco è rivelatore di un sentimento più profondo, che da qualche settimana trasuda dai giornali italici: la nostalgia del Biscione, altrimenti nota come  Silviostalgia. Attenzione però: non si tratta banalmente del desiderio di riavere un capro espiatorio su cui concentrare tutto il proprio odio e scaricare ogni problema del Paese. La nostalgia sta lentamente scolorando nel timore. La conclusione dell’articolo di Sartori dimostra che, nel cinquantennale grigiore partitocratico, la più significativa novità della politica nostrana è stato proprio il berlusconismo. E ora che il suo ispiratore non è più al governo, l’orizzonte è ritornato cupo. Leader alternativi non se ne vedono. Del resto, dove andarli a cercare? Nel terzo polo dei bolliti? Nei progetti postdemocristiani e solidarizzanti del ministro Riccardi da Sant’Egidio? Davvero qualcuno pensa che da lì possa scaturire una forza in grado di guidare l’Italia nel prossimo futuro? Per favore.

Ecco allora che l’unico condottiero disponibile sulla piazza è ancora una volta lui, Berlusconi. Il quale due giorni fa ha dato segno di non essere affatto morto e sepolto, anzi, pare in salute e pronto alla pugna. Un vero disastro per quanti fino a due mesi fa l’hanno osteggiato dipingendolo come il grande Satana. Anche perché, nell’era Monti, le balle diffuse sul suo conto cominciano a cadere una via l’altra. L’hanno trattato come un mascalzone disonesto, tentando di scalzarlo per via giudiziaria. I teoremi però crollano: nelle scorse settimane sono arrivate prima l’assoluzione nel processo Mediatrade, poi le dichiarazioni dell’avvocato Mills secondo cui il Cavaliere non avrebbe corrotto proprio nessuno. Hanno detto che, senza di lui, l’economia italiana si sarebbe ripresa: ed ecco che, con Monti al timone, lo spread continua a darci tormento, le borse traballano e la ripresa non si vede. Anzi, arrivano più tasse e zero tagli.

Sostenevano che il Cav ci faceva vivere nella videocrazia, fuori dalla realtà, in un mondo fatato in cui tutti i ristoranti sono pieni. Bene, grazie ai tecnici e alla loro bella iniezione di depressione, i consumi sono sprofondati e la crisi si aggrava. Potremmo continuare parlando di informazione, che si voleva fascistizzata e blindata sulla volontà del capo, a partire dal Tg1 minzoliniano. Adesso Minzo non c’è più, ma gli ascolti non si impennano e la stampa tutta, militarizzata, non ammette critica alcuna ai tecnici. Motivi per rimpiangere Berlusconi ce ne sono, e agli occhi dei suoi avversari si tramutano in altrettante ragioni per temerlo. La Silviostalgia cresce, e ai Sartori di turno non resta che bere per dimenticare. Se lo spread non scende di un punto, magari un bicchierino di Punt e mes può aiutare.

di Francesco Borgonovo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imbesi.emanuele

    29 Dicembre 2011 - 08:08

    A proposito di Sartori,con tutto il rispetto per l età,e per giudizio positivo che dava di lui Montanelli,penso che le castronate che scrive su argomenti che non sono suoi,e che temerariamente affronta,dimostrano la mia tesi del rinnovo che il Corriere secondo me deve avviare.Legge di natura.EMANUELE

    Report

    Rispondi

  • bellanto

    28 Dicembre 2011 - 21:09

    Sono sicuro che sei un poveraccio che vive in qualche periferia , da sottoproletariato, sogni di diventare un novello tricotrapiantato e la gioia piu' grande e sputare sentenze e porcherie varie sulla gente che non ha il tuo stesso livore che a quanto pare invece alberga nei berlusconiani...attenti, non la destra , i berlusconiani...gli illusi che tacco 12 , l'ottantenne arrapato, tiene sulla corda con le sue promesse reiterate di tanto in tanto..e svegliatevi una buona volta...tutto il mondo ha tirato un sospiro di sollievo...e via...quando crescerete...MAI!

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    28 Dicembre 2011 - 19:07

    Fammi sapere dove hai l'albergo che mi vengo a fare una settimana con la famiglia...alla faccia dei morti di fame!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    28 Dicembre 2011 - 18:06

    te lo dico io come stanno andando gli affari, relativamente ai ristoranti e varie. Negli alberghi di mia proprietà e della mia famiglia, fra il Trentino e l'Alto Adige, siamo strapieni fino alla Epifania e poi con le settimane bianche, andiamo avanti con prenotazioni fino a quasi fine marzo. Stiamo cercando disperatamente personale, ma visto che di italiani non se ne trovano che abbiano voglia di lavorare e visto che terroni come te e' meglio non prenderli, stiamo assumendo tutti comunitari.Tu non capisci nulla, come sempre, gli italiani la grana ce l'hanno e se la godono con la loro famiglia. E non credere che siano tutti del nord gli ospiti, molti arrivano dal centro Italia, dall'emilia, toscana, lombardia. Pensa abbiamo anche dei terroni, ma stiamo molto attenti, ci facciamo pagare prima e ispezioniamo le valige e la stanza prima che se ne vadano. L'ultimo aveva il televisore in valigia e lo aveva gia' caricato in auto. Che bella nomea avete in giro per il mondo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog