Cerca

E Silvio avvisa il premier: Nuove tasse inconcepibili

La stoccata di Berlusconi: "Mai visto un pessimista fare qualcosa di buono. Sostegno al governo? Sì, ma le misure siano concordate"

E Silvio avvisa il premier: Nuove tasse inconcepibili

Silvio Berlusconi risponde con classe alle provocazioni di Mario Monti. "Il presidente Monti, nella conferenza stampa di fine anno, citando le mie parole di un anno fa, ha riconosciuto che il fattore psicologico è decisivo nell'economia e che un moderato ottimismo, anche da parte dei mezzi di comunicazione è indispensabile per uscire dalla crisi. Lo ringrazio perché non ho mai visto un pessimista realizzare qualcosa di buono nella vita". Così il presidente del Pdl in un audiomessaggio inviato ai Promotori della Libertà.

"Sostegno a Monti, ma..." - Quindi il presidente del Pdl spiega che il partito continuerà a sostenere il governo Monti, ma chiede che i prossimi provvedimenti siano concordati prima di essere varati. "Continueremo a seguire questo stesso atteggiamento di responsabilità verso l’Italia e gli italiani a sostegno delle altre riforme necessarie per favorire la crescita, riforme che il nostro governo aveva già indicato nella lettera alla Banca centrale europea e all’Europa. Su tutti questi temi si potrà intervenire con efficacia e rapidità se d’ora in poi, come auspico, i provvedimenti del governo, prima del varo, saranno concordati anche con noi che siamo la forza di maggioranza relativa in Parlamento".

"Nuove tasse inconcepibili" - Berlusconi spiega poi quale sia la strada da seguire: “La realtà è sotto gli occhi di tutti. Nonostante la manovra, lo spread è tornato a livelli molto elevati. E gli italiani sono fortemente preoccupati per il carico di sacrifici che rischiano di diventare inutili se l’Unione Europea non   cambia strategia, puntando non solo sul rigore ma anche sulla crescita  e soprattutto se la Banca Europea non diventa garante della moneta unica”. E ancora: “Monti ha fatto bene ad escludere un’altra manovra, perché nuove tasse sarebbero inconcepibili e determinerebbero ulteriori effetti recessivi sulla nostra economia, più pesanti di quelli già previsti dalla banca d’Italia”.

Legge elettorale -
Berlusconi ha aggiunto che "non lascero soli" i nuovi dirigenti del Pdl, ma "resterò in campo per vincere le prossime elezioni e perché il governo dell'Italia sia ancora affidato dagli elettori a una forza di democrazia e di libertà qual è la nostra". Per quel che riguarda la legge elettorae il Cavaliere sottolinea che è necessario andare incontro alle richieste degli elettori "con l'introduzione della preferenza", "ma senza abbandonare il bipolarismo e l'indicazione sulla scheda della colazione e del premier".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 Dicembre 2011 - 22:10

    Sono le tasse che coprono i buchi lasciati da Berlusconi. Altrimenti bisognerebbe pensare che si porta i soldi a casa...

    Report

    Rispondi

  • c.camola

    29 Dicembre 2011 - 22:10

    Credo proprio che sia una Frase molto valida.Non posso credere che un tecnico possa governare un paese.Per Il Proff.Monti credo che il suo lavoro sia in fase di ultimazione.Non vedo situazioni migliori da quando è subentrato al passato governo.Credo sempre a votazioni anticipate.Per poter in seguito avere un presidente del consiglio piu' aperto alla popolazione e con meno misteri.

    Report

    Rispondi

  • bobobanneddu

    29 Dicembre 2011 - 22:10

    Questo più parla e più la gente si convince a non votare per il centro destra, garantendo il governo dei banchieri e della sinistra per i prossimi decenni. Basta, mandatelo in pensione. Viva l'Italia

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    29 Dicembre 2011 - 21:09

    Qante kazzate è ancora in grado di produrre questo asino inconcludente, che ci ha trascinato in rovina inseguendo i propri sogni di potere e ambizione. Che Zeus lo fulmini....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog