Cerca

Calderoli: 'Capo Stato è come Cetto Laqualunque'. Bufera

L'ex ministro all'attacco di Napolitano: "Discorso come quello del personaggio di Albanese". Dure le reazioni dei partiti

Calderoli: 'Capo Stato è come Cetto Laqualunque'. Bufera

La Lega torna ad essere nell’occhio del ciclone. Questa volta, a suscitare le critiche dei partiti nei confronti del Carroccio non è l’atteggiamento tenuto in Parlamento, ma un commento di uno dei 'big' di via Bellerio, Roberto Calderoli, che paragona Giorgio Napolitano a Cetto Laqualunque, il personaggio comico-satirico creato da Antonio Albanese.

Le parole di Calderoli - "Sembra il discorso di Cetto Laqualunque, un messaggio tratto dal film Qualunquemente", afferma Calderoli dopo aver ascoltato le parole del Presidente della Repubblica nel discorso di fine anno. Ma dopo l’uscita dell’ex ministro della Semplificazione, ci pensano il capogruppo a Montecitorio, Marco Reguzzoni e Matteo Slavini a rincarare la dose. Il primo boccia senza appello l’intervento di Napolitano: "Molta retorica e poca sostanza". Non è da meno l’eurodeputato Salvini: "Stavo preparando il risotto alla salsiccia e non ho ascoltato il discorso di Napolitano". Per poi aggiungere: "Non mi sento affatto rappresentato da questo Capo dello Stato".  

Le repliche dei partiti - Dure le reazioni dei partiti alle parole di Calderoli. L'Idv, con Felice Belisario, intende denunciare Umberto Bossi per "vilipendio del capo dello Stato". Il Pd, da par suo, stigmatizza una "campagna inaccettabile di denigrazione". Va giù duro anche il Fli, che non invita a prendere sul serio il Carroccio. Per Italo Bocchino, vicepresidente futurista, "il paragone fatto da Calderoli è irriverente ma le sue dichiarazioni festive non possono essere prese sul serio". Il Pdl, da par suo, preferisce mantenere toni bassi per evitare un'ulteriore polemica con l'ex alleato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • steu60

    02 Gennaio 2012 - 15:03

    Ma come,qualsiasi pirla aveva 1000 ragioni per dare del vecchio porco maniaco sessuale al Premier,l'unica figura istituzionale eletta dal popolo sovrano e un parlamentare non può esprimere un giudizio su un discorso del presidente eletto da giochi di palazzo,nel bel mezzo del mercato delle vacche, ma quello no, quello li è intoccabile, non siate euroridicoli cari vecchi comunisti:non avete mai avuto una faccia e adesso l'avete persa bravi.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    02 Gennaio 2012 - 10:10

    perchè cetto non faceva colpi di stato

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    02 Gennaio 2012 - 08:08

    Le capacità di analisi del "porcone" sono prossime allo zero. Il discorso di Napolitano, per quanto criticabile, non è riconducibile al Cettola. Di fatto sono assurde le motivazioni. Il Calderoli si aspettava che Napolitano parlasse delle soluzioni della crisi. Napolitano non è il Presidente del Consiglio, al quale compete darne risposta. Non è in grado neanche di fare questa differenza. La figura del Cettola qualunque l'ha fatta lui, lui l'uomo qualunque. Calderolli ha già fatto sufficienti danni. Abbia il buon senso di tacere, lui e il microcefalo.

    Report

    Rispondi

  • dicocomelapenso

    02 Gennaio 2012 - 08:08

    mi vergognerei di essere rappresentato da gente come Bossi e Calderoli. Fino a ieri erano al governo, condividendone tutto e bloccandolo in ogni azione e oggi fanno le vergini. Aggiungo che ci hanno rotto le palle: vogliono l'indipencenza? che si faccia il referendum, ma se perdono se ne vanno per sempre fuori dalel scatole e assolutamente senza prendere un centesimo dalla Repubblica Italiana

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog