Cerca

Il funerale di Mirko Tremaglia finisce con un bel ceffone

Il deputato del Fli, Aldo Di Biagio, non ha gradito l'intervento di Raffaele Fantetti, senatore berlusconiano e gli ha dato uno schiaffo

Il funerale di Mirko Tremaglia finisce con un bel ceffone

Al funerale di Mirko Tremaglia se le sono date, non solo metaforicamente. Sul sagrato della chiesa dove si era celebrato l'ultimo addio al camerata la tensione accumulata durante la cerimonia è esplosa: il deputato del Fli, Aldo Di Biagio, ha mollato un ceffone a Raffaele Fantetti, senatore berlusconiano. E sì, ad alternarsi sull'altare per commemorare l'ex ragazzo di Salò, denuncia il sito di Futuro e Libertà, hanno parlato soltanto uomini del Popolo delle Libertà (partito di cui, in disprezzo a Silvio Berlusconi, Tremaglia non aveva mai preso la tessera): "La cerimonia è stata gestita più o meno come una manifestazione politica del Pdl". La rabbia è covata durante l'omelia: tutti i discorsi lasciavano intendere che il Pdl si volesse appropriare di Tremaglia morto. L'apice è stato toccato quando ha preso la parola Fanfetti che si rifiutò di aderire a Fli, così che al Senato non fu possibile costituire il gruppo. Finito l'intervento Di Biagio si è avvicinato a Fantetti e gli ha detto: "Hai perso un’altra occasione per essere un uomo". Fantetti se ne è rimasto zitto. Poi, terminata la funzione, i due si sono ritrovati sul sagrato dove Di Biagio è ripartito all'attacco. Ha detto a Fantetti di vergognarsi e, quando ha provato a replicare, Fantetti si è preso lo schiaffo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauririo

    05 Gennaio 2012 - 23:11

    Pace all'anima sua. Non ha saputo fermarsi a tempo (a circa 65 anni di eta'). Nella foga di rimanere nella casta e prendere tanti soldi ci ha propinato una legge/broglio che ha favorito la sinistra dall'estero e poi si e' confuso con il traditore fini da Montecarlo. Lascia solo ricordi patetici. Camerata de che ?

    Report

    Rispondi

  • vinpac

    05 Gennaio 2012 - 20:08

    i seguaci di Fini non perdono occasione per dimostrare la loro meschinità: hanno strumentalizzato un povero vecchio e stanco, l'hanno condotto con loro e cercano di nascondersi dietro di lui per nascondere la loro incredibile inutilità e l'ennesimo fallimento del loro leader, ormai sessantenne ma mai assurto a degnità di politico di senno, di preparazione e soprattutto di cultura.

    Report

    Rispondi

  • imbesi.emanuele

    05 Gennaio 2012 - 19:07

    Tutto inizia quando da presidente della camera lo stratega Fini inizia da posizione impropria una serie di lezioni di dottrina politica degna del grande Bismark,con il silenzio di Casini e Bersani,a cui faceva comodo purchè il tutto contro Berlusconi,sè le critiche di Fini fossero stati diretti a qualcuno di loro ,apriti cielo!!da pres...della camera...ecc...,buffoni.Fini,chiedeva dibattito ,LUI chi in an dibatteva tutti i giorni!!!Politicanti da quattro soldi in tutta questa vicenda e oltre.Chi vivrà vedrà,Di tutto quello che succede adesso non pensate di trarne vantaggio a spese di Berlusconi,pagherete!!

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    05 Gennaio 2012 - 16:04

    articolo triste, nel senso che la destra a cui appartengo purtroppo non esiste. essere di destra non vuol dire essere berluscones tullianini o ex fascisti. ma essere onesti rispettare le regole sociali economiche civili e pagare le tasse.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog