Cerca

Ora Cortina si ribella al blitz Vuol far causa allo Stato

Il sindaco fuorioso per gli annunci di Equitalia: i dati sono manipolati e denuncia un danno all'immagine. Ora trema Corumayeur

Ora Cortina si ribella al blitz Vuol far causa allo Stato

Sembra un film: un po’ Natale a Cortina, e un po’ I tartassati, col commerciante Totò che tentava di blandire l’integerrimo finanziere Aldo Fabrizi.
Il blitz-antievasori a Cortina sta producendo svariati strascichi, oltre alle dovute lodi. Per esempio è inviperito il sindaco della cittadina, Andrea Franceschi. Il quale, sfogliando di primo mattino i giornali che riportavano l’operazione degli ispettori dell’Agenzia delle entrate, ha ravvisato nell’immagine della sua città qualcosa di ladresco e di troppo godereccio: «Dalle prime verifiche effettuate ascoltando direttamente gli operatori controllati» puntualizza «è emerso che i dati forniti dalle Entrate sono stati palesemente manipolati per fare notizia e giustificare un’azione da Stato di polizia. Pretendiamo un’operazione di trasparenza e di verità». Il sindaco, insomma, ritiene il raid sopraccitato, uno spot.

Franceschi difende gli imprenditori locali ma anche gli ospiti, vip e non, della località ampezzana. «Nessuno contesta la lotta all’evasione, anzi»  rincara lui «tuttavia trovo inaccettabile che si voglia far passare gli imprenditori e gli ospiti di Cortina d’Ampezzo per evasori. Premesso che queste informazioni sarebbero state facilmente verificate dagli oltre 33.000 dipendenti dell’Agenzia delle entrate semplicemente incrociando i dati dei registri Aci con quelli delle dichiarazioni dei redditi e stando in ufficio senza scomodare 80 agenti per azioni in stile hollywoodiano». Il sindaco è appoggiato dai concittadini, molti dei quali convinti che «il dato vero è che questi 58 casi individuati, anche se riguardassero tutti degli evasori fiscali, corrisponderebbero a poco più dello 0,1% sulle circa 50.000 presenze a Cortina del giorno 30 dicembre».

E domanda provocatoriamente, sempre Franceschi: «L’accusa poi andrebbe estesa anche al Ministro della Giustizia Paola Severino, a personalità del calibro di Luca di Montezemolo e addirittura allo stesso direttore dell’agenzia delle entrate Attilio Befera: tutti in vacanza a Cortina nel giorno in questione? Credo proprio di no e certe generalizzazioni qualunquiste di questi giorni non hanno nessun fondamento..». Accanto al sindaco si schiera anche la Confcommercio di Cortina d’Ampezzo, commentando: «Si è trattato di uno show mediatico con uno spiegamento di forze che non si è visto nemmeno per la cattura di un boss mafioso». Certo, il danno d’immagine a Cortina un po’ c’è stato. Anche se nell’Isola dei famosi delle Dolomiti le immagini  di negozi che non vendono, ristoranti che non apparecchiano, alberghi dove non si dorme sembrano un tantino tirate. E, tra gli ospiti presenti e passati pochissimi fingono di non essere quelli di Cortina. Anche se ci aveva già pensato il sito “globalizzatore” Dagospia a farli apparire tutti sorridenti con sfondo ampezzano, da Paolo Mieli a Ornella Vanoni, da Fiorello ai Barilla. Fino a Piero Valsecchi patròn della Tao Due. Che ha già avuto proprio a Cortina la visita della Finanza, uscita senza nulla eccepire, anzi facendogli i complimenti per la specchiata contabilità. «Finalmente, così entreranno soldi nelle casse dello Stato. Non credo che Cortina sia la punta dell’iceberg, ma da una parte si doveva pur cominciare. Credo in questo governo e credo che le irregolarità vadano trovate. Conosco anche i cortinesi, gente perbene, precisa», dice Valsecchi. Ed è vero. Come è vero che altre località turistiche sono preoccupate di altri possibili blitz della Finanza.

Attilio Befera, boss dell’Agenzia delle Entrate si difende dalle accuse: «Se i controlli sono stati effettuati a Cortina non è per un pregiudizio verso qualcuno ma Perché sapevamo, segnalazioni alla mano, a cosa andavamo incontro». spiega a La Stampa. «Gli italiani devono decidere che cosa vogliono. Lo dico a chi, come Beppe Grillo, sull’argomento mi pare in confusione. Perché a parole tutti sono d’accordo a fare la lotta all’evasione ma solo quando non li riguarda».
di Arturo Bandini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tunnel

    16 Gennaio 2012 - 11:11

    Come ho già detto precedentemente,il Sindaco prima di ribellarsi o porre denuncia allo Stato.dovrebbe dimostare allo Stato , a noi cittadini non Cortinesi..,la denuncia dei redditi riferita all'anno 2010, dei restanti 965 VIRTUOSI NEGOZIANTI. Ci sarà da ridere!!!!! Si sbrighiiiiiiiii Ogni pensiero è libero italo43

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    07 Gennaio 2012 - 19:07

    Il Sindaco di Cortina ed alcuno esponenti del PdL andrebbero denunciati per le loro dichiarazioni contro i controlli anti evasione avvenuti a Cortina. Bene Lauro e Polibortone, due voci fuori dal coro delle idiozie (Santanchè chiede le dimissioni di Befera. E' proprio cretina sta tizia). Alfano al suo insediamento di Segretario, proclamò il Pdl come il partito degli onesti. Sarebbe il caso intervenisse in maniera chiara e univoca nel sostenere la lotta all'evasione, che rimane competenza dell'Agenzia delle Entrate.

    Report

    Rispondi

  • delpiero71

    07 Gennaio 2012 - 11:11

    La soluzione è semplice: a chiunque si azzardi a sparare idiozie come quelle di alcuni politici o come questa del sindaco di Cortina, gli metterei i braccialetti ai polsi per un paio di mesi per evidente incapacità di intendere e di volere e quindi inadatto a ricoprire qualsiasi carica pubblica: dal netturbino al deputato! Io spero che plotoni di finanzieri vadano a Cortina, Rapallo, Costa Azzurra, Billionaire ecc. a fare tabula rasa...altro che stato di polizia, qui ci vuole un po' di legalità dopo decenni di incitazione all'illegalità pura: dall'evasione, alla corruzione passando per la prostituzione!!!

    Report

    Rispondi

  • sfeno

    07 Gennaio 2012 - 09:09

    adesso sono solo al nord ......come sempre.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog