Cerca

Monti ci prende pure in giro: "Ci sono troppe tasse"

Il premier: "Eccessiva pressione fiscale". Ma è stato proprio lui ad aver introdotto con la manovra 50 balzelli...

Monti ci prende pure in giro: "Ci sono troppe tasse"

L’operazione Cortina (replicata ieri a Portofino e Santa Margherita Ligure) lo ha galvanizzato parecchio. Tanto da decidere che la lotta all’evasione fiscale sarà uno dei pilastri dell’azione di governo. Così Mario Monti, a Reggio Emilia per l’anniversario della nascita del Tricolore, sua prima uscita ufficiale in una città italiana, è tornato sull’argomento evasione fiscale. Ringraziando «gli uomini delle Guardia di Finanza e dell’Agenzia delle entrate» e assicurando loro il suo appoggio. E riservando una stoccata al precedente governo Berlusconi. «L’espressione mettere le mani nelle tasche degli italiani non mi ha mai persuaso, anche perché è incompleta: sono gli italiani evasori a mettere le mani nelle tasche dei contribuenti onesti», ha detto il presidente del consiglio. Segnando una netta distanza da chi considerava lecito evadere quando lo Stato chiede quasi la metà delle entrate.

Ma è una linea pericolosa, perché se Pd e Terzo Polo sono al suo fianco nella crociata anti-evasori, non è così per il Pdl, da cui arrivano critiche feroci e l’accusa di voler instaurare una sorta di stato di polizia. E dato che il partito berlusconiano è il principale azionista della sua maggioranza, è facile intuire che, continuando su questa china, il premier potrebbe vedersi costretto a gestire il malcontento del centrodestra. Che non si è materializzato solo con l’operazione Cortina: anche sulle liberalizzazioni il Pdl vuole andarci con i piedi di piombo, visto che diverse categorie interessate sono composte da elettori del partito berlusconiano (come la potente lobby dei tassisti a Roma).

Monti, però, ha deciso andare avanti. «E’ necessario evitare una pressione fiscale eccessiva e gli accertamenti devono essere rispettosi dei diritti individuali, ma è inammissibile che i lavoratori impossibilitati a sottrarsi al fisco subiscano pesanti sacrifici e gli altri no», ha sottolineato il presidente del consiglio. Annunciando la volontà di proseguire anche sul fronte liberalizzazioni, che «entreranno nella fase due dell’esecutivo» e «saranno «equilibrate, pragmatiche, ma non timide». Insomma, «faremo saltare i colli di bottiglia», annuncia il premier. Forte, dicevamo, del sostegno di Pd e Terzo polo. Ma anche di Giorgio Napolitano. Che, nei colloqui privati, lo ha esortato a proseguire senza timore. Anche perché, è la convinzione del Colle e di Palazzo Chigi, in questo momento il governo non è a rischio perché nessun partito vuole andare al voto. Ieri, poi, il capo del governo ha trovato un altro sostenitore in Romano Prodi. «Sull’evasione fiscale sta facendo bene. Questo Paese deve ritrovare unità ed etica altrimenti è perduto», ha osservato l’ex premier, dopo un caloroso abbraccio con l’ex presidente della Bocconi.

Ma Monti, nel suo intervento nella città dove è nato il Tricolore, non ha dimenticato un accenno all’Europa. Mandando un messaggio alla Germania a tre giorni del suo incontro a Berlino con Angela Merkel. «Nessun Paese europeo è talmente forte da pensare di andare avanti da solo ad affrontare l’economia globale», ha spiegato il presidente del consiglio. Sempre più convinto che «l’Italia abbia fatto il suo dovere» e che ora tocca «all’Europa dimostrare di saper gestire la crisi». La sua missione a Berlino, però, sarà difficile: Monti dovrà convincere la signora Merkel a cedere sul fondo salva Stati, sugli eurobond, sulla tobin tax e sulla revisione dei trattati senza paletti troppo rigidi per i singoli Paesi. Compito complicato ulteriormente dal fatto che il 2012 per Germania e Francia sarà l’anno delle elezioni.  

di Gianluca Roselli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Phidry Hiellie

    18 Gennaio 2012 - 00:12

    Ma come fate a chiamare quel soggetto "Presidente del Cosiglio", e la sua banda di "Governo" chi li ha votati? Ma non ve ne rendete conto che siamo stati vittime di un golpe di stampo comunista in grande stile centr'America? Andate prima ad imparare cos'è la Democrazia e poi venite a commentare! Fate pena!! Lula salvaci tu!!!

    Report

    Rispondi

  • liberal1

    10 Gennaio 2012 - 06:06

    La prima è tutto questo è fumo negli occhi le bombe e le polveri fanno paura sopratutto all'equitalia perché facendo vedere che colpiscono i ricchi ti inducono a pensare vedi stanno lavorando ene e tu cosi vai in banca per pagare l'IMU. La seconda è che la perversione della 'Equitalia è che Chi lavora ì ha una percentuale sugli incaassi dovuti allo stato e poco importa della privasy triste chi entra la dentro ti trattano come se fossi pegggio di totò riiina magari perché non hai pagato il bollo auto la multa o contributi ai dipendenti o il canoner rai o l'iva magari perché in quel momento non potetvi. Ma la colpa è di Tremonti che si è Bravo ma spoccchioso come il suo amico befera che guadagna 460.000,00€capito? Ma la colpa è di BERLUSCONI CHE AVENDO AVUTO IL 60% DI CONSENSI TRA CAMERA E SENATO NON E' RIUSCITO A FARE LA RIFORMA PIU' IMPORTANTE DUE ALIQUOTE E BASTA 23% FINO A 200 MILA EURO E 33% DA 201 MILA EURO IN POI E SAPETE PERCHE'? PER MANTENERE TUTTE LE CASTE POLITICHE

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    09 Gennaio 2012 - 10:10

    Ma,devo fare una premessa,in modo proporzionale agli abitanti e alle partite iva,il sud Italia sembra essere il luogo dove si pagano meno le tasse,le assicurazioni automobilistiche ,il canone,il bollo auto...dove il lavoro nero è esercitato per il 40%!Hanno un bel venire a controllare i luoghi di villeggiatura al nord,o a controllare tutte le attività commerciali del nord,dove innegabilmente si possono scovare evasori,visto che il nord raccoglie il 60%e più delle attività lavorative italiane! Ma,una parte di questo paese sembra che possa sfuggire ai controlli,sembra che la sua appartenenza ad un preciso luogo geografico la renda immune ai cambiamenti culturali e civili,supportata da una classe politica prevalentemente originaria di quei luoghi e ambiguamente incapace di iniziare alcun cambiamento!Si evade la dove si pagano troppe tasse,si crea debito pubblico e consenso ad evadere le tasse per chi ne paga troppe la dove le tasse proprio non si pagano!

    Report

    Rispondi

  • Cini

    09 Gennaio 2012 - 09:09

    Fino a quando il Governo Monti non inizierà a prendere serie e adeguate misure per ridurre drasticamente il costo della politica e ridimensionare gli indecenti, scandalosi, inammissibili benefici dei quali godono i membri della casta politica non potrà acquisire credibilità, la fiducia e confidenza da parte dei cittadini. Il lavoro del Governo sarebbe senza il supporto del popolo sarà difficile e tutto in salita. Mr. President dimostri di avere il coraggio di affrontare la resistenza posta dalla Casta e automaticamente si guadagnerà il nostro indiscusso supporto e assieme affronteremo la miriade di sacrifici ai quali siamo chiamati ad affrontare. Prima di allora non potrà mai essere minimamente credibile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog