Cerca

Contratti-prova per 3 anni Fornero incontra Cisl e Uil

Partono gli incontri del ministro con le sigle sindacalil, domani tocca all'Ugl e mercoledì al presidente di Confindustria Marcegaglia

Contratti-prova per 3 anni Fornero incontra Cisl e Uil

Entra nel vivo oggi la trattativa sul mercato del lavoro. Quello proposto dal ministro Elsa Fornero consisterebbe in un modello da applicare in fase sperimentale per due-tre anni su base volontaria, nell'ambito di accordi-quadro con le Regioni (Veneto, Trentino e Calabria arebbero quelle che avrebbero dato disponibilità). Lo schema verte su contratto unico, indennità di reinserimento, maggiore flessibilità in uscita.

Il ministro ne parlerà oggi con il leader della Cisl, Raffaele Bonanni e poi con il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti. Domani il suo interlocutore  sarà Giovanni Centrella, numero uno dell’Ugl e mercoledì toccherà al presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia.   Sul tavolo gli ammortizzatori sociali, il contratto unico e l'articolo 18, ma Cisl e Uil chiederanno al governo di estendere il confronto anche ad altri temi. Prima di tutto il fisco: le confederazioni chiedono una riforma a favore di pensionati e lavoratori.

 Con questi incontri si chiuderà una prima fase di colloqui bilaterali. Infatti Fornero la scorsa settimana ha ricevuto anche il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso che si era detta pronta "a siglare un nuovo patto, ma l’articolo 18 non si discute". "Il governo deve sapere - aveva detto Camusso - che sull'articolo 18 noi non trattiamo". Sulla proposta Ichino di un contratto unico, la Camusso aveva precisato: "C'è una massiccia dose di propaganda. Introduce una nuova forma di contratto di cui non c'è bisogno. Se si vuole più lavoro più crescita, più uguaglianza nella distribuzione del reddito, serve un accordo".

 


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gmario52

    10 Gennaio 2012 - 15:03

    Ma a cosa serve un sindacato che difronte a una situazione disastrosa dei lavoratori , dei pensionati e dei quasi pensionati trombati dalla Fornero , sembrano degli agnellini in mano ai lupi???????? Stracciamo le tessere e smettiamo di finanziare una casta che pensa al proprio tornaconto proprio come quelli che dovrebbero contrastare con proposte a favore dei lavoratori . E non vengano a dirci , prendendoci per i fondelli , che hanno ottenuto di non parlare di art. 18. Ma gli altri problemi li lasciamo così come sono ? Lasciano passare una riforma delle pensioni che ha del demenziale soprattutto nei confronti dei giovani che andando così le cose inizieranno a lavorare , forse a 35/40 anni, sempre se nel frattempo questa gente non avrà mandato in malora l'Italia ? Quando governava Berlusca per ogni cazzata la Camusso era lì a inveire e adesso sembra una spaurita collegiale. Ma che schifo !!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • sdavids

    09 Gennaio 2012 - 17:05

    Ma allora siamo veramente a raschiare il barile!!!!!!!!!! Ma dimettetevi se non siete capaci di una seria proposta! Che tristezza.

    Report

    Rispondi

blog