Cerca

Gas, come far calare la bolletta

Nel 2011 in Italia il quinto gas più caro della Ue a 27, con la manovra di Monti faremo peggio solo di Danimarca e Svezia. Priorità alle edicole?

Gas, come far calare la bolletta
Armiamoci e liberalizzate. Un ritornello ripetuto tante, troppe volte. Nell'agenda politica di Mario Monti sono previste azioni che andranno a incidere sul mercato dei taxi, delle farmacie e sulle edicole. La scure, insomma, non andrà ad abbattersi di certo su lobby e corporazioni. Tra i diversi settori e le categorie sulle quali non si ha intenzione di agire c'è anche quello del gas. La fattispecie è stata confermata in televisione dal sottosegretario Antonio Catricalà, che ha spiegato come non sia "una priorità" la separazione tra Eni e Snam. Forse non si tratta di una priorità per il governo, ma un regime di maggiore concorrenza sul marcato del gas sarebbe sicuramente cosa gradita, soprattutto per le tasche degli italiani che potrebbero trovarsi nella casella della posta bollette meno salate.

Le premesse - Prima di addentrarsi in un confronto più preciso tra gli importi delle bollette del gas nel Vecchio Continente sono necessarie due premesse. La prima: nell'indice delle liberalizzazioni, dove 100 equivale al 'top', l'Italia si trova a quota 62 punti per quel che riguarda il gas naturale e a 72 punti per il mercato elettrico rispetto all'Inghilterra, il Paese più 'liberal' nei due settori. Si tratta, per il Belpaese, di due delle tre aree più liberalizzate (la terza è quella dei servizi finanziari, a quota 69 rispetto alla Svizzera). Ma nonostante un gap non disastroso - seconda considerazione - rispetto al Regno Unito la nostra bolletta del gas è superiore del 50% (rilevazioni dell'Istituto Bruno Leoni). Facile comprendere che questo settore del mercato energetico italiano porti in seno delle storture che potrebbero essere risolte rafforzando la concorrenza.

Il confronto europeo - La media standard europea del consumo di gas è di circa 5.600-6.000 KWh. Ad influire sul prezzo della materia vi sono tasse e accise, Iva e il prezzo netto del prodotto applicato dagli operatori. Si scopre così che nell'Unione Europea a 27 (la cui spesa media è di 57 centesimi per KWh), nel 2011 una famiglia italiana ha pagato quasi 70 centesimi per Kwh. La spesa ci pone nella poco lusinghiera posizione del quinto paese col gas più caro d'Europa. Peggio di noi fanno solo Danimarca e Svezia (la spesa è di circa 1 euro per KWh, ma dove vige il welfare state il peso della componente tasse e accise - pari al 49% del costo finale -  fa schizzare i costi), e Olanda a Austria, con una spesa di poco superiore a quella italiana. I paesi più virtuosi sono Romania, Turchia e Croazia, dove il prezzo del costo del gas oscilla tra i 28 e i 38 centesimi per KWh. Sul costo finale del gas, in Italia l'Iva pesa per due terzi, il restante terzo si divide tra tasse e accise e prezzo netto, con un netto sbilanciamento a favore delle tasse (le quarte più alte nell'intero Vecchio Continente). Per concludere le comparazioni, si possono citare i casi della Spagna (57 centesimi a KWh) e quello del Regno Unito (41 KWh).

Nel 2012 costo alle stelle - Il costo del gas in Italia negli ultimi dieci anni, nonostante i primi timidi tentativi di liberalizzare, ha continuato la sua corsa verso l'alto. Uno studio diffuso dalla Cgia di Mestre nello scorso dicembre ha sottolineato come nell'ultimo decennio costo sia lievitato del 43,3 per cento. Contrastati i corsi degli ultimi anni: nel 2009 il gas era arrivato a costare 76 centesimi per KWh (rispetto ai 70 centesimi del 2011). Ma nel 2012, appena iniziato, a causa degli effetti della manovra varata dal governo di Monti, il rincaro dei prezzi sarà del 2,7%, e porterà in linea teorica il prezzo della materia a circa 72 centesimi per KWh. In soldoni, eccetto i già citati Paesi in cui vige il welfare state, avremo il gas più caro d'Europa (scalzando Olanda e Austria dalla terza e quarta posizione). Un motivo per il quale, nonostante la situazione non disastrata del settore, forse il sottosegretario Catricalà e l'intero governo invece di respiongerla dovrebbero prendere in considerazione l'ipotesi di mettere mano anche al mercato del gas, liberalizzando in maniera profonda il settore degli energetici e dimenticandosi tassisti ed edicolanti.

di Andrea Tempestini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • faustom

    12 Gennaio 2012 - 00:12

    ... bisogna ricardi anche le tantissime famiglie che non gli arriva il metano sotto casa ed hanno il cosiddetto bombolone. In questi casi gli aumenti in 8 anni sono stati di circa il 70%.

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    11 Gennaio 2012 - 22:10

    la TOTALE disinformazione ci sta facendo ragionare su un presente volutamente messo male...per abituarci al peggio che verrà..da trattato firmato.come dire che no soldi= no cure ad esempio ect ect, essendo parametri da pareggio o da attivo...alla faccia dell'umanità...abbiamo la faccia da PIL.TU.. europeo, UN PASSO AVANTI...AT,,TENTI!!! comandi: PIL n° 152.840.593- RR.iposo!! 1-2_1-2_1-2_1-2_1-2_1-2_fatti neri

    Report

    Rispondi

  • fabrizioch

    11 Gennaio 2012 - 21:09

    finalmente, ora che liberalizzano il gas ogni italiano risparmierà qualche euro l' anno.- Finalmente con questi risparmi possiamo andare anche noi in vacanza nei resort esclusivi (dove vanno i politici) oppure a Cortina; era ora !!! Vogliono far scomparire i piccoli commercianti, di tutti i generi, stanno mettendo tutto in mano alle multinazionali, che guardano solo ai PROFITTI, altro che abbattimento di prezzi, succederà come per le assicurazioni, sempre aumenti.- LA finiscano i Politici di venderci fumo, bisogna TAGLIARE gli SPRECHI, i costi della politica, le triple pensioni ai politici, le liquidazioni,le pensioni e gli stipendi d' oro di manager e dirigenti, abbassare le tasse, abbassare l' IVA, abbassare la benzina, (non i costi ultimi della distribuzione) ma le tasse, su 1 litro paghiamo 1 euro di tasse, è una vergogna.- SE rimangono più denari in tasca agli italiani, poi verranno spesi, solo così RIPARTE l' Economia

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    11 Gennaio 2012 - 20:08

    Come è accaduto per altre "liberalizzazioni" non ci sia chi ritiene il privilegio di precedenza oppure non ci sia un cartello fra i vari fornitori per mantenere quotazioni simili se non uguali. Telefonia fissa e mobile, elettricità, carburanti e, in qualche misura, anche assicurazioni RCA, sono li a testimoniare. Con buona page del Garante della Concorrenza il quale, a mio modesto parere, l'unica cosa che fa è che non ci sia alcuno che faccia concorrenza alla sua poltrona.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog