Cerca

Bossi col Cav contro Bobo Cosentino spacca la Lega

Assist del Senatùr al coordinatore campano del Pdl: "Nelle carte non c'è nulla. Arresto? bisogna stare calmi". Domani il voto alla Camera

Bossi col Cav contro Bobo Cosentino spacca la Lega

Libertà di coscienza: con poche parole Umberto Bossi rischia di cambiare non solo il destino di Nicola Cosentino, il coordinatore campano del Pdl per cui i pm hanno richiesto l'autorizzazione all'arresto. E a cambiare potrebbero essere pure i rapporti di forza nella Lega e i rapporti tra Carroccio e Pdl. "Nelle carte contro Cosentino non c'è nulla, lascio libertà di coscienza ai nostri deputati". Questo perché "quando si parla di arresti bisogna stare tranquilli", aggiunge il Senatùr. Domani a Montecitorio, dunque, Cosentino ha buone possibilità di scamparla dopo che martedì, in Giunta, erano stati proprio i voti dei due rappresentanti leghisti a dare l'ok preliminare all'arresto: 11 sì, 10 no. Sembrava una rottura definitiva con Silvio Berlusconi e una vittoria, interna ai padani, per Roberto Maroni. L'unico ad essersi sbilanciato contro Cosentino nelle ore precedenti il voto in giunta. Il Cerchio magico aveva masticato amaro, tacendo. Perché taceva anche Bossi, su cui sia i fedelissimi sia il Cavaliere sono tornati in pressing ieri e oggi. Un pressing evidentemente vittorioso, perché Bossi fa fare una mezza marcia indietro al partito. Così Cosentino può essere un po' più ottimista. In queste ore si è riunito con Berlusconi e il segretario Pdl Angelino Alfano, anche se l'impressione è che l'affare sarà deciso altrove. Magari in via Bellerio e nelle stanze romane della Lega. O in quelle del Pd, visto che parrà strano ma sul caso del coordinatore si gioca anche il futuro del governo Monti. Dal Pdl, infatti, hanno già avvertito i democratici: se votano per l'arresto, è a rischio il sostegno azzurro ai tecnici.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    12 Gennaio 2012 - 09:09

    Leghisti: i soliti buffoni da strapazzo! Andatevene dall' Italia, emigrate in Tanzania e rifondate lì il vostro ammasso di strambe idee politiche (chiamarlo Partito o Movimento sarebbe una offesa...)

    Report

    Rispondi

  • pino&pino

    12 Gennaio 2012 - 09:09

    Quanta la fai lunga per dire che difendi un farabutto. Non è mica la prima volta.....

    Report

    Rispondi

  • antikomunista10

    12 Gennaio 2012 - 09:09

    A Cosentino, eroe purissimo e simbolo della lotta contro la magistratura rossa, verrà risparmiato il martirio cui fu sottoposto Papa. Ieri Papa ha pronunciato nobilissime parole che dovranno essere ricordate da tutti e suonare come alto e severo ammonimento per tutti i comunisti forcaioli. Bossi, grande politico e statista, ha pronunciato, secondo suo costume, poche e decisive parole ed è stata subito luce, nuova alba per la democrazia e per la libertà. Ma non può e non deve bastare, le toghe rosse ed i Pm eversivi devono essere indirizzati e controllati in modo trasparente e democratico dal popolo di cui noi, sopra ogni altri, sappiamo cogliere le reali istanze. Martirii come quello di Papa, offese intollerabili come quelle recate a Cosentino devono essere impedite. Non basta la solidarietà, assoluta e convinta, che tutti noi, con Silvio in testa, esprimiamo , ci vogliono leggi che impongano un severo e stretto controllo politico sulla magistratura. Solo così saremo LIBERI !

    Report

    Rispondi

  • art 140 c

    12 Gennaio 2012 - 09:09

    io credo che ad un attento osservatore non sia potuto sfuggire che la gran parte del piano liberale propinato da forza italia prima dal pdl poi,con il concorso di una campagna propagandistica televisiva in stile coreano,sia rimasto del tutto inattuato.penso alle grandi opere,dal ponte sullo stretto alla tav,penso alle liberalzzazioni,alla riforma del sistema pensionistico,alla riforma degli ordini professionali,alla creazione di un milioni di posti di lavoro,espressione divenuta più delle altre slogan elettorale sino a giungere,nel rispetto delle scadenze temporali,al salvataggio di alitalia ed alla riforma del sistema fiscale.il fallimento del governo berlusconi è totale,quasi imbarazzante.nessuna stima internazionale,perchè,quantunque opinabile,nell'ambito internazionale certi costumi contano.cosi come,sempre nel medesimo ambito contano certe amicizie e certe altre,seppure contro l'interesse personale,sarebbe consigliabile allontanarle.a parenne memoria della maligna inettitudine di

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog