Cerca

Lega divisa in due: ecco gli schieramenti

Il Senatur viene protetto dal famoso cerchio magico e dal figlio Renzo. L'ex ministro dell'interno si fa forte dell'appoggio di sindaci e base padana

Lega divisa in due: ecco gli schieramenti

La decisione su Cosentino ha messo nero su bianco gli attriti e le divisioni interne al Carroccio. Scontri e invidie che proseguivano da tempo e che sono sfociate in scontro pubblico con le dichiarazioni dei protagonisti dopo la decisione di salvare il deputato del Pdl. Ora è guerra aperta tra Bossi e il suo ormai ex delfino Maroni. E quando inizia una battaglia si fanno avanti gli schieramenti delle due fazioni. Il Senatur è protetto dal famoso cerchio magico, di cui fanno parte il figlio Renzo, il capogruppo alla Camera Marco Reguzzoni, GianPaolo Gobbo, la vicepresidente del Senato Rosi Mauro, Federico Bricolo e Francesco Belsito. L'ex ministro dell'Interno si fa forte dell'appoggio del sindaco di Verona, Flavio Tosi e di quello di Varese Attilio Fontana a cui si aggiungono gli europarlamentari Matteo Salvini e Mario Borghezio, a chiudere Davide Boni presidente del consiglio regionale lombardo. In mezzo al guado si trovano i neutrali tra cui Roberto Calderoli, i governatori di Piemonte e Veneto, Roberto Cota e Luca Zaia, e Roberto Castelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • camluca

    15 Gennaio 2012 - 12:12

    il vero traditore è bossi, che ormai non conta più nulla e si fa manipolare da un gruppetto più interessato alla cadrega che al bene del nord. E se parliamo di grandi traditori, il re è il nano di arcore, che ha barattato le assoluzioni dai processi con l'appoggio al governo di fallimonti!! si vergoni, ha rovinato l'italia per il suo culo. Mai più alleanzan con chi massacra il nord. Padania indipendente e avanti tutta con maroni. Ed i pidiellini che hanno votato contro le tasse, vengano con noi anzichè col puttaniere che si è venuduto i loro voti per salvare il suo culo

    Report

    Rispondi

  • AndreaLG

    14 Gennaio 2012 - 15:03

    Dispiace veder mandare via un ex ministro in gambissima per il quale si poteva tifare da qualunque curva. Son sempre i migliori ad andarsene, i Bossi invece ...

    Report

    Rispondi

  • caprirol

    14 Gennaio 2012 - 15:03

    Che tristezza vedere un vecchio Zombi cacciare l'unico in grado oggi di reggere un partito come la Lega Nord. Vorrei sapere se questo partito ha un regolamento dove ci si può contare e discutere problemi politici. Ogni partito mi pare debba avere uno statuto altrimenti non potrebbe prendere soldi pubblici . Viva MARONI comunque ha palle . saluti caprirol

    Report

    Rispondi

  • antikomunista10

    14 Gennaio 2012 - 14:02

    Maroni ha tradito Bossi e l'alleanza con Silvio e Bossi lo ha annullato: non potrà più parlare in pubblico, nessuna sezione leghista potrà più ospitarlo, pena la censura. Maroni ha sbagliato e purtroppo non da segno di pentimento. Ma sono certo che se si pentisse sinceramente Bossi lo perdonerebbe. La Lega deve essere forte e unita, un peccato dividersi proprio adesso che i sondaggi danno Lega-Pdl uniti stravincenti in caso di elezioni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog