Cerca

Maroni, due ore con Bossi: "Grazie alla base della Lega"

Vertice Bobo-Senatùr in via Bellerio. L'ex ministro da Fazio: "Sono stato colpito in modo assurdo. Non sto simpatico a qualcuno"

Maroni, due ore con Bossi: "Grazie alla base della Lega"

Più di due ore nella sede di via Bellerio. Quello di oggi pomeriggio (terminato senza rilasciare commenti) è stato il primo faccia a faccia tra il numero uno e il numero due della Lega, dopo le accuse e le incomprensioni dei giorni scorsi culminate nel divieto disposto per l'ex ministro dell'Interno a partecipare da solo a incontri coi militanti. L'ex ministro dell'Interno, ieri, è stato ospite dei Fabio Fazio a "Che tempo che fa", dove si è sfogato: "Sono stato colpito da una fatwa incomprensibile. Che cosa c'è di peggio di non poter incontrare i propri militanti, il popolo? Non so da dove sia arrivato, forse c'è qualcuno a cui non sono simpatico nei piani alti della Lega". Così l'ex ministro dell'Interno alla trasmissione di Fabio Fazio, Che tempo che fa, definisce il provvedimento subito da Umberto Bossi, che gli aveva imposto di non organizzare più comizi nei quali potesse parlare da solo ai militanti. Il Senatùr ha poi ritirato la disposizione, soptratutto grazie alla reazione del popolo leghista. "C'è stata una risposta d'affetto e oltre 200 inviti a partecipare a comizi, che onorererò tutti. La reazione ha dimostrato quanto affetto c'è per me. E questa reazione spontanea ha spinto Umberto Bossi a ritirare il provvedimento. Da domani riprenderò a incontrare i militanti", ha sottolineato Maroni domenica sera. Per l'ex ministro, insomma, l'incidente con Bossi è da considerarsi chiuso: "Già da domenica prossima dobbiamo far sentire il nostro dissenso nei confronti del governo Monti. Tutta la vicenda di ieri la considero chiusa. Ora guardo avanti".

"Da soli alle amministrative" - Da Fazio, Maroni si spende poi in una critica al governo di Mario Monti: "Contestiamo il governo Monti per le cose che ha fatto. Ha sostituito equità-crescita-rigore, che erano le parole d'ordine, con tasse-tasse-tasse". Poi nel mirino le proposte sull'immigrazione: "Lo ius soli, una specie di indulto... tutte cose per noi negative. La Lega - ha proseguito Bobo - è l'unica opposizione: l'Idv non è opposizione, perché ha votato la fiducia al governo, anche se è contraria a tanti provvedimenti. Svolgiamo un ruolo fondamentale per una democrazia, quello di rappresentare l'opposizione". Sulle alleanze Maroni ha ribadito di essere favorevole al fatto che alle prossime amministrative la Lega Nord corra da sola. Infine una battuta sull'affare Cosentino, il parlamentare Pdl per il quale è stata respinta la richiesta di autorizzazione a procedere. "erchè un parlamentare deve essere trattato in modo diverso rispetto a un cittadino normale? È questo che fa arrabbiare la gente. Se Cosentino fosse stato un cittadino normale sarebbe stato condannato", ha ripetuto Maroni.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leg

    16 Gennaio 2012 - 18:06

    Avrai la tessera dal 89 ma in questi ultimi anni dove sei stato? Quando 6 mesi fà Maroni voleva fare il presidente del consiglio appoggiato da Fini e Casini? doveri? quando Maroni è acclamato come miglior ministro italiano cosa ne pensi? coasa ha fatto per la Padania? Quando Bossi ha detto "foera di Ball " i profughi ,Maroni cosa ha fatto? ci ha riempito di profughi!!! Sveglia!!! non vedi che vuol portare la Lega, al centro, con Casini e Fini. Poi visto che sei un vecchio Militante, chiedi ai parlamentari di Lecco come ha risposto ha Bossi quando gli ha detto che cosa ne aveva fatto dei soldi della cassa quando era capogruppo, il grande condottiero Maroni ha scaricato le colpe a Gibelli. è uno che ha i "maroni" non ce che dire. Leg

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    16 Gennaio 2012 - 17:05

    da una persona valida ,come si è dimostrato nel suo incarico di governo ,ci saremmo aspettati un'altra scelta, chiedendo per tutti una riforma della giustizia, con la carcerazione con prove e non solo su supposizioni e teoremi e con la responsibilità dei giudici!

    Report

    Rispondi

  • antari

    16 Gennaio 2012 - 17:05

    e' il noto ictus che ha colpito il Capo

    Report

    Rispondi

  • spalella

    16 Gennaio 2012 - 17:05

    Tranquillo Maroni... i cittadini normali non hanno nè cerchi magici di animalesca cultura, nè cerchietti, valutano le persone sui fatti e sanno capire. Bossi, oltre che malato cosa di cui non ha certo colpa, è anche morto politicamente PERCHE' PER ANNI AL GOVERNO E' STATO SOLO MALEDUCATO, ARROGANTE, E DEL TUTTO INUTILE. Si è appiattito dietro berlusconi, non ha proposto e tantomeno applicato nulla. Lo stato bestiale con i suoi sprechi e le sue inefficenze e le sue truffe è ancora tutto lì, BOSSI INSOMMA PER LA GENTE COL CERVELLO E' COME MORTO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog