Cerca

Le primarie della Lega: votate

Sondaggio di Libero: Bobo in testa tra 10 candidati, poi Tosi e Zaia. Chi volete come nuovo leader? Continuate a votare

Le primarie della Lega: votate

Il momento è di quelli topici, forse ancor più dell’uscita dal primo governo Berlusconi nel ’95 e della decisione di tornare alleati del Cavaliere prima delle politiche del 2001. A tre giorni dalla manifestazione che si terrà domenica in piazza Duomo a Milano per protestare contro le tasse del governo Monti, la Lega è a un bivio, dopo il braccio di ferro che nelle ultime ore ha visto sfidarsi come mai prima il leader storico Umberto Bossi e il suo eterno delfino Roberto Maroni.

Dieci nomi - Una contesa (inasprita dal voto alla Camera che ha salvato dall’arresto Cosentino) nella quale Libero chiama il popolo padano a dire la propria, con un sondaggio sul sito www.liberoquotidiano.it. La domanda è semplice: “Chi vorreste come nuovo leader della Lega?” Segue una lista di dieci nomi, in rigoroso ordine alfabetico, costruita considerando il ruolo e il rilievo che questi hanno avuto nella storia più o meno recente del partito padano: l’europarlamentare Mario Borghezio; il figlio di Umberto, Renzo Bossi, anche noto come Il trota; l’ex ministro delle Riforme Roberto Calderoli; l’ex ministro della Giustizia Roberto Castelli; il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota; l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni; il presidente dei deputati leghisti Marco Reguzzoni; l’europarlamentare Matteo Salvini; il sindaco di Verona Flavio Tosi; il governatore del Veneto Luca Zaia.

L'ex ministro - Ci sono rappresentanti del cosiddetto  e ormai arcinoto “Cerchio magico”, ovvero il gruppo di coloro che più sono vicini al leader Umberto Bossi (Calderoli, Reguzzoni, Renzo Bossi); sostenitori aperti di Maroni (Tosi e Salvini); figure intermedie (Cota e Zaia). Sono gli stessi nomi che, con ogni probabilità, entrerebbero in gioco se, come chiedono in modo sempre più stringente i maroniani, si tenessero i congressi di partito e in primis quello federale che non si organizza da ben dieci anni, dal lontano 2002. Il sondaggio su liberoquotidiano.it è scattato ieri mattina e ha già ottenuto migliaia di risposte, segno che la base leghista è ansiosa di dire la sua sul futuro del partito. Alle 19.30 di ieri sera Roberto Maroni staccava tutti i concorrenti alla grande, con il 55% delle preferenze. Dietro, Tosi con l’11%, Zaia col 9%, Cota al 5% con Bossi Junior, Castelli e Salvini appaiati al 4%, chiudono Reguzzoni, Borghezio e Calderoli al 3%. Nella nostra consultazione, insomma, il trio Maroni-Tosi-Salvini mette insieme il 70% delle preferenze, una schiacciante maggioranza.

La base con Bobo - Un risultato che sembra rispecchiare il sostegno dimostrato dalla base a Maroni all’indomani della censura operata nei suoi confronti dal Senatur, che gli impediva di prendere parte (e parlare) da solo a incontri nelle sezioni leghiste: centinaia di inviti da tutto il Nord, a testimoniare l’affetto e la stima della gente per l’ex ministro dell’Interno. In tre giorni, 320 nella sola Lombardia. «Se li accetto tutti - scherzava l’ex titolare del Viminale l’altroieri - sono impegnato per dieci anni».
Lo scontro si è smorzato proprio nel pomeriggio di lunedì, quando Umberto e Bobo si sono incontrati per due ore nella storica sede leghista di via Bellerio e il Senatur ha ammorbidito i toni della censura nei confronti del suo vice. I due potrebbero incrociarsi ancora già stasera in un teatro di Varese, dove è in programma l’incontro “Libera Padania” e saranno sicuramente entrambi domenica a Milano.

Rotta verso Nord - Dove, a dire dell’europarlamentare (maroniano di ferro) Matteo Salvini «ci sarà tanta gente, anche leghisti nuovi che ce l’hanno con il governo Monti e le sue tasse (il gradimento della Lega è salito in queste settimane dal 9 al 10,2%, ndr). E magari anche con un certo Pdl, quello degli arresti di questi giorni in Lombardia. Noi andiamo a nord per la nostra strada col segretario federale Umberto Bossi, magari, dopo i congressi, circondato da un entourage un po’ diverso. Fare le primarie della Lega può essere sicuramente curioso, ma il futuro della Lega si decide nelle sezioni».

di Matteo Legnani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomino2010

    22 Gennaio 2012 - 09:09

    da ex leghista toscano mi sembra che la lega piano piano diventi il solito partito italiano di litigiosi in cerca di visibilità e poltroncine.

    Report

    Rispondi

  • peteralm39

    18 Gennaio 2012 - 18:06

    Pur essendo cosi perfido, non ha ancora capito che i commenti su Libero sono appunto liberi, quindi tutti, lei compreso, può scrivere tutte le ....... che vuole, e votare contro il buonsenso.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    18 Gennaio 2012 - 18:06

    rispondo solo ora ad un suo precedente post, dove lei si definiva senza tessera (ritenendo vero quanto scrive pur con ogni riserva...). Se è per quello neppure io mai avuta una. Ma cosa cambia se ogni intervento è contro Pdl, Lega e non leggo mai suoi commenti contro il Pd seppure ce ne sia ben donde? Lei è rosso ovunque, spero solo non nel kulo, che ci sono già delle scimmiette particolari: i makaki. Auguri, neh?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    18 Gennaio 2012 - 18:06

    rispondo solo ora ad un suo precedente post, dove lei si definiva senza tessera (ritenendo vero quanto scrive pur con ogni riserva...). Se è per quello neppure io mai avuta una. Ma cosa cambia se ogni intervento è contro Pdl, Lega e non leggo mai suoi commenti contro il Pd seppure ce ne sia ben donde? Lei è rosso ovunque, spero solo non nel kulo, che ci sono già delle scimmiette particolari: i makaki. Auguri, neh?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog