Cerca

Il lato sobrio della strage: Monti non ci mette la faccia

Governo grande assente nella catastrofe che fa parlare il mondo. E la Cancellieri propone un premio solo per i pompieri

Il lato sobrio della strage: Monti non ci mette la faccia

La sobrietà non sempre è una virtù. Sarà stato sobrio tenersi lontani dall’Isola del Giglio nelle ore del naufragio, ma certo non è stata mossa saggia né intelligente da parte del presidente del Consiglio, Mario Monti e dei suoi principali ministri. Basta dare un’occhiata alle cronache di giornali e tv internazionali per comprendere come in quelle ore fosse in gioco l’immagine e in questo momento la stabilità dell’Italia assai più che in un’asta di titoli di Stato. Sarebbe stato un atto dovuto vedere lì se non il premier, almeno il ministro dell’Interno o qualcuno dei suoi colleghi, per dare l’impressione- anche in mezzo al comprensibile caos, che uno Stato c’è e non fugge al momento del bisogno. Ci fosse stato qualcuno di loro forse la corrispondente della tv tedesca non avrebbe detto nei suoi servizi che degli “italiani” non ci si può fidare: non c’è stata nemmeno un’autorità in grado di fornire numeri e identità dei dispersi che erano su quella nave e mancavano all’appello. Ripetute mille volte in queste ore osservazioni di questo tipo rischiano di avere un impatto tragico sull’opinione pubblica tedesca, in grado di influire sugli spread assai più di tante debolezze ataviche dell’economia italiana. Per questo essere al Giglio era dovere del governo Monti, assai più utile al paese di una risata fragorosa su Angela Merkel in compagnia di David Cameron.

L’inversione - E invece in queste ore e in queste epoche da governo tecnico si assiste a un’inversione copernicana dei valori che sembra avere assai poco di buono. Perché è assai più sano un peccatore indomito che però sa che cosa è il bene di un sobrio uomo che fa della sua normalità una bandiera eroica. Ecco la parola magica a cui si è aggrappato con tutta la tronfia retorica di cui è carico il governo, subito seguito dai maldestri tifosi: eroismo. Assente sul luogo del naufragio, lontano miglia dalla disperazione delle vittime, ma ben presente nei salotti tv che contano, l’esecutivo si è appropriato di quella bandiera senza senso. Dispiace, perché il ministro quando vuole ha una sua carica di simpatia e umanità non comune, ma il titolare dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, è spuntata martedì sera con una telefonata a Porta a Porta che avrà reso gongolante Bruno Vespa, ma che sarebbe stato assai più sobrio evitare. In studio c’era un drappello di vigili del Fuoco di Grosseto e dintorni, che hanno guidato le operazioni di salvataggio dei passeggeri della Costa Concordia nelle prime ore. Hanno fatto un ottimo lavoro, mostrando di essere ben addestrati e capaci. Complimenti a tutti. La Cancellieri è andata un po’ oltre: «Vi annuncio che proporrò al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, una medaglia al valore civile per il corpo dei Vigili del Fuoco». Applausi in studio e Vespa - forse in imbarazzo, che riconosceva i meriti del lavoro a Grosseto, ma proponeva di aggiungere nelle motivazioni della medaglia al valore civile anche il lavoro fatto dagli stessi vigili a L’Aquila dopo il terremoto. È giusto complimentarsi con chi lavora bene, ma se fosse necessario dare una medaglia al valore a chiunque in Italia facesse a puntino il suo dovere, altro che retrocessi in serie B! Sarebbe il simbolo di un Paese alla frutta. In cui nessuno fa quel che deve e se lo fa, lo butta un po’ via. La Cancellieri non se ne è accorta, ma con quel gesto ha dato ragione a chi nel mondo ride degli italiani e ha fatto della Costa Concordia che affonda l’immagine simbolica di un intero Paese e del comandante Francesco Schettino che se la dà a gambe levate il ritratto dell’italiano-tipo.

Schiaffo in diretta - Sono stati bravi i vigili del fuoco di Grosseto. Ma non sono stati eroici: sono addestrati per fare quello che abbiamo visto al Giglio. Per altro non sono stati i soli a intervenire e a lavorare in condizioni assai difficili per ore: c’erano i sommozzatori dei carabinieri, c’erano poliziotti, vigili urbani, finanzieri, volontari della croce rossa e di altre associazioni. Quella uscita della Cancellieri sui vigili del fuoco è sembrata uno schiaffo a ciascuno di loro. Proprio ieri il governo l’ha rifatto. Nell’aula di Montecitorio, dove stava riferendo del naufragio del Giglio, il viceministro delle Infrastrutture, Mario Ciaccia, non si è tenuto e ha rivolto - petto in fuori - un «encomio solenne al capitano di fregata Gregorio De Falco», quello divenuto celebre in tutta Italia e perfino all’estero per il suo «vada a bordo, cazzo» rivolto all’inebetito Schettino. De Falco era alla capitaneria di Porto di Livorno, è stato energico e assai efficace con il comandante. Per le operazioni di salvataggio ha fatto quello che ha potuto. Ma certo in questa vicenda ha compiuto e bene il suo dovere. La normalità, non l’eccezione. E questo insistere pubblico sull’eroica normalità onestamente puzza assai. Esaltando i nuovi eroi che vede come fossero lì davanti allo specchio, il governo Monti pensa di mettere una medaglia non al loro, ma al proprio petto. E mai medaglia fu così immeritata.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • art 140 c

    19 Gennaio 2012 - 20:08

    il ministro dell'ambiente è stato li se non sbaglio.certo voi giornalisti d'inchiesta trascurate certe notizie forse perchè non ha la coscia della prestigy. almeno però ha un qi accettabile per ricoprire la sua funzione.il governo monti sta trasformando vendoliani in liberali.non commettete l'errore di distruggere quest'incantesimo.per la prima volta vedo un progetto economico,che conosce il suo unico limite nel popolaccio traviato da anni di becero regime mediatico.PERCHè LE FREQUENZE NO? TUTTA ITALIA SI E LE FREQUENZE NO? voi cosi' facendo dstruggete la verità...e il pdl si svela nella sua reale natura:un partito feudal-padronale siliconato privo di qualsiasi sostrato ideale populista demagogico distruttivo,mosso in massa da eventi quali protezione a cosentino,lobbyes mediatiche...nessuna idea,nessun costrutto.p.s. avete visto monti a londra...che uomo!!! avete sentito queel giornalista? come definiva la vostra luce?...che figura

    Report

    Rispondi

  • biri

    19 Gennaio 2012 - 19:07

    Devi fartene una ragione, una volta per tutte: io non ce l'ho col tuo Silvio (non più di tanto, almeno); lui fa i suoi interessi. Io me la prendo con i boccaloni come te, sedotti e abbandonati eppure per sempre innamorati. Che "Lui" faccia i suoi interessi è normale, ma che i suoi interessi li faccia tu, per giunta gratis (magari pagando, visto che anche lui ti ha aumentato le tasse) è deprimente. La favola narra di te, Unghianera, non di Silvio.

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    19 Gennaio 2012 - 19:07

    Sono fuori tema come al solito? Bhè,il tuo è un tema che non cambia mai,Berlusconi! Io mi sono rotto le palle di leggere sempre i soliti postati,i quali non dicono niente di nuovo i quali sono sempre offensivi o colpevolizzanti nei confronti di Berlusconi il quale con tutte le sue colpe è stato il meno peggio degli ultimi anni! Troppo difficile spiegarti che l'unica cosa sulla quale non si può discutere sono le frequentazioni extra parlamentari che aveva(donnine,Mora,ecc.)ma che non si possono imputargli colpe che sono divisibili tra tutti i governi repubblicani dalla loro nascita ad ora!E pensare che il fuori tema sono io,il tema caro Biri io lo conosco bene ed è per questo che mi sento di stigmatizzare la vostra incoscienza politica e storica dei fatti sui quali vi volete continuamente cimentare! E' stupefacente constatare che i più deficitari sulla cultura storico politica di questo paese siano anche coloro che aggrediscono costantemente l'ex leader! Incolti,o troppo giovani...

    Report

    Rispondi

  • biri

    19 Gennaio 2012 - 17:05

    Sei fuori tema come sempre. Per tua informazione, non si sta parlando di votare per me o no. Si sta parlando delle parate dei politici (tutti i politici!) con le loro corti di nani e ballerine sui luoghi dei disastri. Io sostengo che disturbano i soccorritori (sia che si chiamino Silvio, sia che si chiamino Mario), mentre voi bananas - solo perché adesso c'è uno che si chiama Mario - accorrete come tanti cagnolini alla chiamata del vostro giornale per berciargli contro. Lo Stato è diverso da quello che vedete voi nelle vostre nostalgie, e la sua vicinanza si misura dalla sua capacità di agire tempestivamente e sostenere concretamente chi è in ansia per i suoi cari, non certo dalla frenesia di farsi vedere per esibire la lacrimuccia e raccogliere voti. A proposito, chissà perché il tuo idolo non andava mai ai funerali dei militari italiani uccisi all'estero? Forse lì si raccattavano pochi voti? Lascio perdere il tuo compare Gancherro perché vedo che se scrivo quello che penso non passa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog