Cerca

Bindi, l'ex dc vieta la preghiera Fedeli fuori da Montecitorio

La presidente del Pd lo scorso 26 ottobre ha fatto cancellare la meditazione alla Camera organizzata da Paola Binetti

Bindi, l'ex dc vieta la preghiera Fedeli fuori da Montecitorio

Pubblichiamo l'ultimo post del vicedirettore di Libero Franco Bechis tratto dal blog L'indiscreto.

Tutto era pronto, e perfino annunciato sul sito della Camera dei deputati 24 ore prima. Lo scorso 26 ottobre, per celebrare il XXV° anniversario dell'incontro interreligioso di Assisi promosso da Giovanni Paolo II, la Camera dei deputati aveva invitato per una meditazione e una preghiera comune esponenti e parlamentari di ogni fede religiosa nel cortile di Montecitorio, con l'intesa che se avesse piovuto, meditazione e preghiera si sarebbero svolte in Transatlantico, davanti all'aula della Camera. La sera prima però è insorta a sorpresa Rosy Bindi, che ha mandato quasi tutto a monte. Lo si apprende ora dai verbali sommari dell'ufficio di presidenza di Montecitorio che vengono resi pubblici a qualche mese di distanza. Il 25 ottobre la Bindi si mise di traverso bollando come "inopportuno" l'incontro di preghiera che era stato organizzato dalla sua ex amica e compagna di partito Paola Binetti. Un intervento da pasdaran, quello della Bindi, che non è stato condiviso nemmeno dal presidente della Camera, Gianfranco Fini: "Ritengo che l'iniziativa in questione non possa comportare una lesione del principio di laicità correttamente inteso". Rocco Buttiglione ha provato una mediazione, e alla fine la meditazione e la preghiera (cui hanno partecipato cardinali, deputati cattolici, ma anche l'ebrea Fiamma Nirestein e l'islamica Suad Sbai), si sono tenute, confinate nell'aula più distante dagli occhi della Bindi: quella dei gruppi parlamentari nel palazzo attiguo a Montecitorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Free2010

    21 Gennaio 2012 - 10:10

    Questa volta Bindi ha fatto benissimo. La Binetti le sue veglie di meditazione e preghiera se le può organizzare davanti a casa sua o nei paraggi di qualche proprieta immobiliare dell'Opus Dei, che ne ha moltissime. Più si tengono separate politica e religione e meglio è. Soprattutto in Italia.

    Report

    Rispondi

  • Giamgiusti

    21 Gennaio 2012 - 10:10

    A pochi passi da Montecitorio ci sono almeno 6 belle chiese, con banchi, inginocchiatoi e splendidi altari. Nel caso specifico Rosy Bindi ha ragione. In Parlamento, come in ogni luogo di lavoro, i politici si applichino a discutere, controllare il governo e fare leggi. Se vogliono davvero pregare basta attraversare la strada. Altrimenti e' solo un esibizionismo devoto che rende ancora più scandalosi tanti loro comportamenti di tutti i giorni.

    Report

    Rispondi

  • mab

    21 Gennaio 2012 - 09:09

    Questa signorina (?) ha vissuto per anni dalle suore e poi improvvisamente, dopo essersi comperata casa a metà prezzo, ha iniziato un percorso inverso, iniziando con la proposta riguardante le coppie di fatto. Significherà qualche cosa?

    Report

    Rispondi

  • umbe40

    21 Gennaio 2012 - 09:09

    e' proprio una bolscevica.......ma quando il diavolo se la portera' via ? qualcuna aveva ragione :è piu' bella che intelligente !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog