Cerca

Novità per Rc auto e mutui: l'obiettivo è la trasparenza

Assicurazioni, al cliente devono essere sottoposte almeno tre porposte differenti. Banche, riduzione del costo dei conti

Novità per Rc auto e mutui: l'obiettivo è la trasparenza

Sono 552 gli euro che ogni famiglia spende in media ogni anno per l'assicurazione sull'auto. Le liberalizzazioni previste dal decreto Monti potrebbero far risparmiare fino a 350 euro. Si tratta di misure che obbligano le copagnie a sottoporre al cliente almeno altre tre proposte concorrenti che non appartengano al medesimo gruppo. Non solo. Nel dl sono state  decise delle misure per assicurare che il prezzo delle assicurazioni  Rc Auto, che sono cresciute in modo esponenziale, possono essere calmierate con sconti e franchiggia ad esempio per chi sceglierà di utilizzare una scatola nera, montata sull'auto a carico della compagnia di assicurazione. Il contrassegno Rc auto diventa poi elettronico (o telematico) e non sarà più falsificabile. Il Cdm, infatti, prevede la sostituzione (entro 6 mesi) degli attuali contrassegni cartacei con sistemi elettronici o telematici. Fra le novità introdotte, allo scopo di evitare la contraffazione dei contrassegni, c'è anche la vigilanza fotografica.  Infine viene scoraggiato il risarcimento in contanti in caso di incidente: se l0impresa offre la riparazione in proprie officine e con le idonee garanzie, chi insiste sull risarcimento in contanti può vederselo ridotto del 30%.

Banche - La maggiore concorrenza tra le banche prevista con il dl sulle liberalizzazioni  dovrebbe portare 150 euro di risparmi in un anno. Innanzitutto con la riduzione dei costi del conto corrente che deve prevedere un numero adeguato di servizi e operazioni compresa la possibilità di carte di pagamento tendente a "zero spese". A questo si aggiunge una riduzione entro nove-dieci mesi delle commissioni sulle carte di credito e poi la sottoscrizione di una polizza vita, che gli istituti che concedono mutui devono far scegliere al cliente con due preventivi di due differenti gruppi assicurativi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariapepe52

    03 Aprile 2012 - 17:05

    sono andata alla mia assicurazione per avere chiarimenti in merito a questa scatola nera, mi è stato detto che la prima insallazione è gratuita (sulla mia macchina però non la mettono perchè è vecchiotta) il risparmio è di circa 15 euro all'anno sulla polizza; se poi decido di cambiare auto lo spostamento da una vettura all'altra mi costa almeno 100 euro .QUESTO è L'ENORME RISPARMIO CHE SI FA.

    Report

    Rispondi

  • qwerty1995

    21 Gennaio 2012 - 14:02

    Per favore non prendeteci in giro con la storia dei conti "low cost". Nessuno può essere obbligato a fornire servizi gratis o sottocosto. Prevedere nel decreto che i conti correnti per i pensionati siano a costo ridotto significa solo autorizzare le banche a scaricare i costi di questi conti sugli altri correntisti, che si vedranno quindi aumentare le tariffe. La verità è che obbligare i pensionati ad aprire un conto è un regalo fatto alle banche con i nostri soldi, in cambio dell'acquisto di titoli di stato da parte delle banche stesse. Altro che crescita, il Prof. Sen. Mario Monti sta facendo pagare ancora una volta il dissesto della finanza pubblica, che lui evidentemente non è in grado di risanare, a noi cittadini e lavoratori. Un precedente della presa in giro dei decreti sui costi bancari? Vi ricordate le commissioni di massimo scoperto? Abolite per decreto da Bersani, reintrodotte bellamente dalle banche solo cambiadole di nome! Nel silenzio assenso generale. Ma per favore....

    Report

    Rispondi

  • qwerty1995

    21 Gennaio 2012 - 14:02

    Per introdurre sconti con la scatola nera non c'e bisogno di un decreto legge. Mica è vietato, le assicurazioni possono già farlo. Introdurre la clausola nel decreto legge serve solo ad autorizzare le compagnie ad aumentare i costi, per chi la scatola non ce l'ha, più di chi la scatola ce l'ha. È già successo con la bolletta della luce: la tariffa bioraria ha lasciato il costo dell'energia consumata durante la notte al costo che si pagava per qualunque ora del giorno, ed ha raddoppiato il costo dell'energia consumata durante il giorno, senza che il costo di produzione sia aumentato. Il giochino di queste lobby (energia ed assicurazioni in questo caso) di inventare ogni scusa per ingrassarsi con il nostro lavoro è ormai noto: più di tutti noto all'esimio Prof. Sen. Mario Monti che evidentemente approva e decreta.

    Report

    Rispondi

  • migpao

    21 Gennaio 2012 - 13:01

    toglimi una curiosità: sai dirmi quali dati memorizza la "scatola nera"? prevede anche una telecamera anteriore forse? sicuramente avrà un gps, ed è proprio questo che mi preoccupa... ad esempio temo sarà complicato dimostrare di essere rimasti fermi ad uno stop, perchè l'errore volontariamente indotto sulle freq. gps civili (diciamo +/- 10 ml) rende di fatto impossibile stabilire una posizione statica, già immagino i problemi che saranno creati dalle scatole nere assunte come elemento probatorio in sede di giudizio!! Io, invece, da tempo sto pensando di installare una telecamera frontale sullo specchietto retrovisore centrale, ce ne sono con angolo focale 150 gradi ed infrarosso (per il notturno) a circa 200 euro, si alimentano all'accensione dell'auto e registrano a ciclo continuo su scheda SD.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog