Cerca

Bolletta, gas e luce meno cari Tutte le novità sulla benzina

La svolta: scorporo totale tra Eni e Snam entro sei mesi. Introdotto confronto con tariffe Ue. Carburanti, prezzi trasparenti

Bolletta, gas e luce meno cari Tutte le novità sulla benzina

La stima è succulenta, ma tutta da verificare: grazie agli effetti delle liberalizzazioni nel campo dell'energia una famiglia-tipo italiana potrebbe risparmiare 400 euro l'anno. In teoria il pacchetto varato da Monti dovrebbe alleggerire quasi dell'11% la spesa destinata all'acquisto di beni e servizi, che da sola incide per poco meno di 4.500 euro all'anno, secondo i cacoli delle associazioni dei consumatori. Anche le imprese dovrebbero beneficiare dei provvedimenti, con un alleggerimento dei costi per l'energia che oggi pagano il 25% in più rispetto ai concorrenti europei.

Tutti i provvedimenti - La novità più consistente del decreto è la separazione tra Eni e Snam: gasdotti, impianti di stoccaggio, rete di vendita di Italgas e il rigassificatore Gnl Italia. La separazione sarà definita entro sei mesi con un apposito decreto della presidenza del Consiglio dei ministri. Dal primo trimestre successivo all'entrata in vigore del decreto l'Autorità per l'energia, con l'obiettivo di adeugare i prezzi di riferimento del gas naturale ai valori europei per i clienti vulnerabili, introdurrà progressivamente, tra i parametri in base ai quali è disposto l'aggiornamento, anche il riferimento di una quota gradualmente crescente ai prezzi del gas rilevati sul mercato. Nel decreto non è prevista la norma sulle trivellazioni petrolifere che abbassava il limite delle trivellazioni in mare da 12 a 5 milgia dalle aree protette. Per quel che concerne le bollette elettriche, viene dato il via libera all'introduzione di un nuovo metodo di calcolo, che sarà agganciato non più ai vecchi contratti di lungo termine, ma a quelli spot, più vantaggioso.

I risparmi - Il pacchetto di provvedimenti secondo l'esecutivo dovrebbe farsi sentire sulla bolletta del gas, in particolare in conseguenza della separazione tra Eni e Snam. A proposito dello scorporo, c'è chi sostiene che sul mercato dell'energia sia necessario intervenire subito e non a singhiozzo, ovvero senza rimandare l'attuazione del progetto a un ulteriore decreto da approvare entro il prossimo giugno. Per quel che riguarda la stima dei risparmi, 250 euro deriverebbero dalla ristrutturazione della rete carburanti. A questi si devono sommare gli altri 150 euro che verrebbero risparmiati grazie alle bollette più leggere di luce e gas. Un totale - teorico - di 400 euro l'anno.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ex finiano

    22 Gennaio 2012 - 20:08

    Non credo minimamente a tutti questi: dovrebbe, sembrerebbe, si risparmierebbe, potrebbe ....ebbe! Cagate! Sono solo ipotesi senza cose certe!

    Report

    Rispondi

  • Nello OPRANDI

    22 Gennaio 2012 - 16:04

    è inutile che dicano che con le liberalizzazioni si risolve l'economia del nostro caro Paese.Anche separando l'ENI dalla SNAM non cambia nulla,quello che bisogna fare è abbassare drasticamente le tasse che gravano sugli idrocarburi.Tutto il resto è solo:Smoke in the eyes,ovvero:Fumo negli occhi.Quando è arrivato il Governo Tecnico....Monti,sembrava che arrivasse il Messia;purtroppo a quanto si vede non è cambiato proprio Nulla(se non Peggio di prima).I morti si contano alla fine della Guerra!Chi vivrà vedrà!!!

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    22 Gennaio 2012 - 11:11

    Qualcuno mi dica come fanno a scendere i prezzi degli idrocarburi quando sopra ci mangiano in due:Stato e Regioni.Ma chi li vende lo vogliamo far morire di fame?

    Report

    Rispondi

  • MATRIX2011

    22 Gennaio 2012 - 09:09

    che gioveranno solo a loro stessi altrimenti non l'avrebbero mai fatta. per tutte le altre liberalizzazioni mi ricorda la "guerra dei poveri" lavoreranno il 30% in più di persone ma saranno ameno il 50% più poveri perchè in Italia è costosissimo lavorare quasi sconveniente oramai tra tasse dirette ed indirette. Faremo presto un gemellaggio con l'Argentina. Goodbye Italy qui han tassato pure la fortuna al gioco e sul peso degli aereomobili, siamo la comica planetaria oramai chi può scappi via e non lasci nulla dietro in modo che non gli venga voglia di ritornarci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog