Cerca

Monti il professore matto: "Il Pil può salire del 10%"

Il premier la spara grossissima: "Con le liberalizzazioni anche la produttività del Paese può aumentare di 10 punti percentuali"

Monti il professore matto: "Il Pil può salire del 10%"

Il premier Mario Monti, non pago dopo la conferenza stampa che ha seguito il Cdm fiume - è durato otto ore - che ha varato il pacchetto liberalizzazioni, è intervenuto a Otto e Mezzo, su La7, intervistato da Lilli Gruber. Tema della discussione, ovviamente, quello che il prof ha definito con anticipato entusiasmo il decreto "cresci Italia". "E' un pacchetto che ha molti petali - ha commentato con spirito poetico -, e il significato è quello di riguardare cambiamenti necessari. Un aspetto è che abbiamo favorito la costituzione di un tipo di società semplificate a responsabilità limitata per giovani fino a 35 anni che richiedono un capitale di 1 euro, società a procedure semplificate per non scoraggiare l'attività imprenditoriale". Poi le stime di Monti su quanto una famiglia potrà risparmiare grazie alle liberalizzazioni. Il premier ha spiegato che "è difficile prevdere quanto, però è vero che questa è una politica contro il costo della vita". Quindi la 'bomba': "La produttività del Paese può aumentare del 10% e quindi ci sarà più spazio e occupazione. Anche il Pil può aumentare di questa grandezza". Il Pil che schizza di 10 punti percentuali? Pressochè un miracolo, soprattutto dopo la stangata tributaria (il "salva Italia") destinato a comprimere i consumi.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PippoCampania

    19 Aprile 2012 - 11:11

    Liberando risorse economiche per rilanciare grandi opere, aumentando l'occupazione e quindi i redditi delle Famiglie, tagliando drasticamente le spese e collocando sul mercato circa 400 miliardi di euro di beni dello stato (quindi nostri) destinando la cifra a riduzione del debito pubblico. Ma, soprattutto, crescerà quando la pressione fiscale sarà su standard ragionevoli , diciamo 30 per cento, e non sui livelli cui ci ha portato il sig.Monti . La sua politica può andare bene per le Banche (privati che macinano utili calpestando tutto e tutti con una etica discutibile) non certamente per uno Stato che gli utili li deve produrre per il bene del Popolo.

    Report

    Rispondi

  • liberopensiero77

    22 Gennaio 2012 - 12:12

    Inutile stracciarsi le vesti e gridare allo scandalo sulle dichiarazioni del professore matto. Se si va sul sito del governo (www.governo.it) e si legge il comunicato del cdm, ci si rende conto che ci sono una serie di previsioni generiche, basate su analisi dell'OCSE, secondo cui, fra l'altro, nel medio/lungo periodo " l’adozione di misure di liberalizzazione che conducano a livelli di regolamentazione del settore dei servizi simili a quelli dei Paesi con i migliori standard produrrebbero una crescita significativa della produttività totale dei fattori nei settori che impiegano tali servizi, quantificabile in oltre 10 punti percentuali, ecc.). Per medio/lungo periodo gli economisti intendono un periodo compreso fra i 5 e i 15 anni, diciamo orientativamente una decina d'anni. Quindi, le liberalizzazioni produrrebbero una crescita del PIL di circa 1% all'anno. E questo non subito (ora c'è la recessione), ma fra un paio d'anni. E lo so, ma la voglia di titoli ad effetto e di denigrare ..

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    22 Gennaio 2012 - 11:11

    mi domando se monti stia bene in salute mentale. è evidente che lui e tutti quelli che elogiano "i cambiamenti " non solo vengono strapagati per dire cretinate , ma non sono mai andati su un mezzo pubblico , non hanno mai fatto benzina alle pompe aperte 24 ore su 24. mai accorti , questi inqualificabili personaggi , che le pompe di benzina funzionano anche di notte ? mai sentito dire , magari dalla loro moglie , che il benzinaio è stato derubato sia del carburante che degli incassi ? certamente no , loro viaggiano gratis , hanno il servitor cortese pagato da noi italiani . Per non parlare dei tassisti . il viaggio di ritorno senza cliente chi lo paga ? non parliamo sempre con la pancia piena , e con stipendi che un povero cristo che sta 10 ore su strada , con il rischio di rapine che certamente loro non sanno cosa sia , non guadagna in una vita. e le parafarmacie ? mai accorti che i loro prodotti sono più cari che in farmacia ? mai notato che questi locali sono sempre vuoti? eleono

    Report

    Rispondi

  • Cini

    22 Gennaio 2012 - 10:10

    Io fermamente credo a quanto dichiarato dal Professore sul Pil che potrebbe crescere del 10% anzi aggiungo con piena convinzione che crescerà ben oltre il 10%. È dopotutto, soltanto una questione di tempo, 10, 15, o anche 20 anni ma certamente avverrà. Il Premier ha fatto una dichiarazione inconfutabilmente attendibile, si è dimenticato solo di dire entro quale periodo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog