Cerca

Lo sgarbo del Prof a Mediaset Il "beauty contest" sospeso

Frequenze del digitale, il governo di prende tre mesi di tempo per identificare destinazioni più coerenti con il piano crescita

Lo sgarbo del Prof a Mediaset Il "beauty contest" sospeso

Le frequenze sono una risorsa scarsa e preziosa, e il governo si è preso tre mesi di tempo per identificare destinazioni più coerenti con il piano di crescita. La sospensione di 90 giorni del cosiddetto "beauty contest", annunciata ieri dal ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, è stata rivendicata con forza dal priemer Monti. "Le frequenze sono un bene pubblico, erano state prese certe decisioni in passato", ha sottolineato il presidente del Consiglio, "ma non vediamo perchè in un momento in cui abbiamo chiesto sacrifici, una risorsa pubblica come le frequenze" debba essere ceduta senza un corrispettivo". Ma Mediaset non ci sta.  L'azienda ritiene che "tale atto sospenda in realtà una situazione di legalità che deve invece essere al più presto ristabilita. Al di là delle mistificazioni circolate, il beauty contest - si legge in un comunicato di Mediaset - è assolutamente legittimo".  L'iter che ne ha guidato la realizzazione, secondo Mediaset, "è stato asseverato passo per passo, fin nelle più dettagliate previsioni, da Agcom, Ministero dello Sviluppo Economico e Commissione Europea. Si tratta di una procedura equa, trasparente e non discriminatoria in grado di mettere la parola fine all’annosa querelle aperta in materia dalla UE contro l'Italia.
Secondo le intenzioni del governo Monti si dovrebbe procedere a una nuova gara, a pagamento, aperta ad altri soggetti. Quanto porterà nelle casse dello Stato ancora non è chiaro, ma si può fare un raffronto con l'asta delle frequenze per i cellulari di ultima generazione che segnò alla voce entrate dello Stato qualcosa come 4 miliardi di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doblone

    22 Gennaio 2012 - 10:10

    E speriamo che vengano vendute al miglior offerente, che tiriam sù un pò di soldi,perchè sempre regalare ai ricchi????

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    22 Gennaio 2012 - 08:08

    Ma quale sgarbo!!!! E' inammissibile che delle frequenze che possano portar soldi allo Stato vengano "regalate" a Mediaset e alla RAI (che peraltro fruisce del canone). Berlusconi le aveva concesse anche alla RAI onde evitare si pensasse facesse solo i proprio interessi. Se avesse potuto se le sarebbe assegnate totalmente come regalo di famiglia.

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    22 Gennaio 2012 - 06:06

    Cancellare i furbeschi provvedimenti ad personam ed ad aziendame che in 8,5 anni di Governo Berlusconi a fatto proliferare in modo indecenti è e deve essere uno degli obiettivi fondamentali di questo e dei prossimi governi ! La sospensione di 90 giorni ? Forse per non dare al Berlusca un alibi per far cadere il Govenro prima che siano approvati i provvedimenti fondamentali che nell'immediato servono al paese !

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    22 Gennaio 2012 - 00:12

    Ecco la ragione della discesa in campo: i propri interessi, dopo quelli elergitigli da Craxi. Ne dubitavate? Persino l'apparecchietto del digitale terrestre...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog