Cerca

Alfano è meno cattivo del Cav "Sosterremo liberalizzazioni"

Il segretario agli stati generali Pdl: "Apprezziamo lo sforzo fatto da Monti. Siamo lieti di votare il decreto in Parlamento"

Alfano è meno cattivo del Cav "Sosterremo liberalizzazioni"

A differenza del Cav, Angelino Alfano, non se la sente di sparare sulla Croce Rossa. Se ieri Berlusconi aveva sentenziato che "la cura del governo tecnico non ha dato alcun frutto" tocca oggi al segretario del Pdl aggiustare il tiro: "Apprezziamo lo sforzo fatto dal Governo sul tema delle liberalizzazioni, che devono avere l'obiettivo di ridurre i costi e migliorare i servizi. In questo senso, poi, il Parlamento cercherà di dare il suo contributo per migliorare il testo", ha detto l'ex guardasigilli prima di intervenire agli Stati generali del Pdl in Veneto. "Siamo a favore delle liberalizzazioni con l'obiettivo che queste facciano un buon servizio al cittadino, riducendo i costi e offrendo servizi migliori". Se il decreto varato ieri dall’esecutivo andrà in questo senso, il Pdl, oltre ad essere "ben lieto", le sosterrà "in Parlamento", con le Camere che, "come è già avvenuto per la manovra, potranno dare un contributo per migliorare il testo".
Ma un sassolino dalla scarpa Alfano se l'è tolto. Ha fatto notare infatti come il governo Monti abbia scelto la strada del decreto, come spesso veniva fatto dal precedente esecutivo, a cui tuttavia la procedura veniva rinfacciata. "Il metodo utilizzato, quello del decreto, conferma ciò che noi abbiamo sempre detto, cioè che solo attraverso il decreto si può lavorare con celerità.  Spesso al governo al Berlusconi è stato contestato l’uso del decreto e ci rendiamo conto che anche i tecnici stanno seguendo questo procedimento", ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • burlando77

    23 Gennaio 2012 - 12:12

    La sinistra non si sente piu' Bersani e' introvabile lascia il compito facciale al PDL, stiamo attenti a sostenere troppo monti,alla fine quando vi saranno le elezioni ,il conto verra' pagato dal PDL.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    22 Gennaio 2012 - 08:08

    Non credo sia questione di attitudine alla cattiveria o alla bontà. Pur non essendomi particolarmente simpatico ritengo che Alfano faccia il politico, Berlusconi l'industriale. Quindi interessi completamente diversi. Se non avesse dietro il burattinaio al quale deve rendere conto, sarebbe di gran lunga un politico più incisivo e capace di mediazione nel confronto con gli altri partiti. Purtroppo c'è ancora il Berlusca di mezzo.

    Report

    Rispondi

  • antonino57

    22 Gennaio 2012 - 00:12

    Nel corso della conferenza stampa che ha seguito il varo del DL, il ministro per lo Sviluppo Economico, Corrado Passera, ha annunciato la decisione di sospendere per 90 giorni l'assegnazione delle frequenze tv secondo le modalità del beauty contest (da Libero, http://www.liberoquotidiano.it/news/915264/Tutti-i-punti-del-testo-spuntato.html). Non è che il governo tiene in sospeso questa faccenda per ricattare Berlusconi e il PDL e costringervi a votare il dl "crescitalia" così com'è? E pure l'adesione al fiscal compact? Finiremo per essere impiccati NOI alla corda del conflitto di interessi? Forse è per questo che il PDL è lieto di votare il DL. ILLUSI. Quando sarà il momento faranno pagare le frequenze lo stesso a Mediaset, e intanto Alfano ci avrà venduti, per nulla.

    Report

    Rispondi

  • Fabio71

    21 Gennaio 2012 - 18:06

    Avete sostenuto questo governo che ci sta massacrando... ne riparleremo quando finalmente ci faranno votare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog