Cerca

Ecco come far crescere il Pil

La burocrazia costa alle imprese 60 miliardi all'anno. Basterebbe risparmiarne 15 per dare una frustata all'economia italiana

Ecco come far crescere il Pil

Era stato Antonio Catricalà, lo stesso che venerdì ha magnificato i contenuti del decreto sulle liberalizzazioni, a individuare, in qualità di presidente dell’Antitrust, il vero intervento in grado di rimettere in moto l’economia italiana: il taglio del costo della burocrazia. «Se riuscissimo a ridurre i costi del 25% avremmo l’1,7% di Pil in più», rivelò a Porta a Porta. In quell’occasione, l’attuale sottosegretario di Palazzo Chigi quantificò in 61 miliardi di euro all’anno la spesa sul groppone delle imprese italiane a causa dell’inefficienza della macchina statale. Una macchina che «non dà un buon servizio». Numeri in linea con quanto emerso, lo scorso agosto, da uno studio della Cgia di Mestre e, in precedenza, dalle ricerche di Confartigianato e Unioncamere.
L’associazione degli artigiani veneti stimò «in almeno 50 miliardi di euro all’anno» il costo dell’inefficienza della macchina burocratica italiana. Colpa di una Pubblica amministrazione colabrodo, che nella classifica elaborata dal World economic forum (Wef) sulla qualità delle prestazioni offerte dalle istituzioni statali, occupa appena il 97esimo posto. Il fanalino di coda dell’Europa, visto che tra i Paesi economicamente più avanzati solo la Russia sta messa peggio.

I più virtuosi, neanche a dirlo, sono i tedeschi. Ebbene, aggiunge la Cgia di Mestre, se la nostra burocrazia fosse come quella di Berlino, il risparmio sarebbe addirittura di 75 miliardi di euro all’anno. A incidere di più è la spesa media per il personale e per i servizi di funzionamento, che nel quinquennio 2005/2009 è stata pari a 248 miliardi di euro: il 16,4% del Pil. Un rapporto superiore a quanto registrato in Spagna, Austria e Germania.

A scontarne gli effetti sono soprattutto le piccole e medie imprese, ovvero la parte più rilevante dell’economia italiana. Sempre la Cgia ha calcolato che le pmi sprecano ogni anno 11,5 miliardi, quasi un punto di Pil, per far fronte agli adempimenti burocratici derivanti dalla loro attività. Per Unioncamere, ogni azienda paga mille euro al mese per far fronte alle varie incombenze. Confartigianato ha quantificato, tanto per cominciare, in 1.134 euro la spesa iniziale per avviare un’impresa. Il 67,2% in più rispetto alla media dell’Unione europea. Il carico dovuto a lungaggini e cavilli è inversamente proporzionale alla grandezza dell’impresa. Si perdono 5,5 giorni per ciascun addetto nelle realtà produttive con un numero di dipendenti che va da tre a cinque; 5,2 per le aziende da 6 a 9 addetti; 4,8 per le imprese da 10 a 19 dipendenti; 3,7 in quelle che contano da 20 a 49 occupati e 3,1 per le aziende che impiegano tra le 50 e le 499 persone.

Il peso dell’inefficienza si avverte soprattutto nelle Regioni che, al contrario, dovrebbero fungere da locomotiva economica. La classifica delle zone più tartassate dalla burocrazia pubblica, infatti, vede in testa la Lombardia con un costo di oltre due miliardi di euro ogni dodici mesi. Subito dopo ci sono Lazio, dove le imprese spendono in burocrazia 997,4 milioni l’anno; Veneto (995 milioni); Emilia Romagna (951 milioni) e Piemonte (860 milioni).
A livello di macro aree, Confartigianato ha calcolato che la quota più onerosa di burocrazia grava sulle regioni del nord-ovest (4,1 miliardi, pari al 30% del totale nazionale). A seguire ci sono le regioni del Mezzogiorno (3,5 miliardi, il 26% del totale), quelle del nord-est (3 miliardi, corrispondenti al 22%) e, infine, del centro (2,8 miliardi, pari al 21%).

Per le microimprese, quelle fino a nove dipendenti, un sistema a “burocrazia zero” permetterebbe di aumentare la produttività del 5,8%, colmando del 53,7% il gap di produttività che le separa da Francia, Germania e Spagna. Poi ci sono i costi per le famiglie: per la Cgia di Mestre in Italia gravano su ogni cittadino ben 5.420 euro di spese per mantenere in piedi la nostra pubblica amministrazione.     

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il mejjet

    22 Gennaio 2012 - 20:08

    In uno stato borbonico, tendenzialmente oligarchico, dove la democrazia è illusione, ci perdiamo a contare. Sono cose che sappiamo tutti. Ma senza un pò di piazza pulita e chi sbaglia paga....

    Report

    Rispondi

  • AG485151

    22 Gennaio 2012 - 18:06

    Le aziende - grandi - per le quali ho lavorato una vita , non solo tagliavano all'occorrenza ma si mantenevano efficienti a prescindere.Ogni volta che si poteva ridurre un costo si faceva e basta.Certo erano in analisi organizzativa costante.In tempi di magra non ne parliamo nemmeno.Ora la domanda è : tutti voi burucrati , cosa avete fatto fino ad ora nel merito ? Risposta : nulla. Il 25% è un gioco da ragazzi.L'obiettivo del 50% è da professionisti. Senza licenziare nessuno.Basta fare un piano con l'orizzonte di 10 anni vista la dimensione dell'azienda in oggetto.Allora si che lo spread cala quando si vede che tra 10 anni l'italia ha le carte in regola per pagare il debito.Ma forse per voi professori-economisti-burocrati sono cose troppo difficili.Andate a casa.

    Report

    Rispondi

  • giudrago

    22 Gennaio 2012 - 13:01

    Certo i numeri sono convincenti, ma la germania non ha incrementato il suo valore economico facendo riferimento solo ai numeri, ma e sopratutto, all'unità di corpo e alla cultura del fare e ubidire. Questa attitudine, le ha fatto acquistare fiducia nei mercati ed acquista ricchezza, noi acquistiamo solo chiacciere, egregi ministri. Allora cosa fare? Incominciare da voi a dare l'esempio di limitarvi nella ricchezza ed attuare sobrietà e coscienza nei posti di lavoro e nella produzione. Mostrate nella tv tutti quelli parsimoniosi, quelli onesti, quelli che hanno ancora il senso della patria e vedete che gli altri, vedendoli, li seguono. Per il resto il metodo adottato per il risanamento non deve essere quello orizzontale, miei cari, ma dovete adottare quello proporzionale. Il consenso di una nazione è la forza dello stato. giudrago

    Report

    Rispondi

  • giudrago

    22 Gennaio 2012 - 12:12

    Certo i numeri sono convincenti, ma la germania non ha incrementato il suo valore economico facendo riferimento solo ai numeri, ma e sopratutto, all'unità di corpo e alla cultura del fare e ubidire. Questa attitudine, le ha fatto acquistare fiducia nei mercati ed acquista ricchezza, noi acquistiamo solo chiacciere, egregi ministri. Allora cosa fare? Incominciare da voi a dare l'esempio di limitarvi nella ricchezza ed attuare sobrietà e coscienza nei posti di lavoro e nella produzione. Mostrate nella tv tutti quelli parsimoniosi, quelli onesti, quelli che hanno ancora il senso della patria e vedete che gli altri, vedendoli, li seguono. Per il resto il metodo adottato per il risanamento non deve essere quello orizzontale, miei cari, ma dovete adottare quello proporzionale. Il consenso di una nazione è la forza dello stato. giudrago

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog