Cerca

Monti minaccia fiducia, Camusso minaccia guai

Il premier accelera sulle liberalizzazioni, la segretaria Cgil delira: "Le intemperanze liberalizzatrici faranno guasti"

Monti minaccia fiducia, Camusso minaccia guai

«Il Parlamento è sovrano. Ma il provvedimento ha una sua logica d’insieme. E sconsiglieremmo modifiche che facessero venir meno questa logica». Mario Monti, ieri in Libia in visita ufficiale al nuovo governo di Tripoli con cui ha ratificato un nuovo “Patto di amicizia” tra i due Paesi, torna sul tema delle liberalizzazioni, il giorno dopo il varo in consiglio dei ministri del decreto «cresci-Italia». E lo fa avvertendo i partiti, che già pensavano alle possibili modifiche da apportare in Parlamento. Il Professore, dunque, non  gradisce modifiche. Anzi, ora si aspetta un passaggio parlamentare molto rapido e con pochissimi ritocchi. Se così non dovesse essere, dicono da Palazzo Chigi, il governo è pronto a mettere la fiducia. Come già avvenuto per il «salva-Italia». Anche se qualche ministro è contrario perché la fiducia, specie con una maggioranza bulgara, è pur sempre un segno di debolezza.

Di buon mattino Monti si è letto i giornali. E, a quanto si apprende, è soddisfatto di come il decreto è stato accolto dalla stampa. Certo, le critiche non mancano. E diverse categorie sono sul piede di guerra. Ma molti editorialisti e commentatori riconoscono che l’esecutivo sta facendo quello che non è mai stato messo in campo in tutti questi anni. E questo dà soddisfazione al premier. Che però ora si aspetta il sostegno dalle forze politiche. «Non siamo più nell’epoca in cui l’esecutivo faceva una cosa e il Parlamento poi ne approvava un’altra. Monti è al governo con degli obbiettivi precisi. Se si dovesse rendere conto di non essere in grado di realizzarli, non ci penserebbe nemmeno cinque minuti a fare le valigie», spiegano da Palazzo Chigi.

Dunque il premier in Parlamento sul decreto “cresci-Italia” si aspetta lo stesso comportamento visto per il “salva-Italia”. I partiti, però, tengono gli occhi aperti. Pier Luigi Bersani, per esempio, ha ribadito che il Pd «sostiene Monti senza se e senza ma, però questo non vuol dire che non saranno presentati emendamenti». E lo stesso si intuisce dalle parole di Angelino Alfano. «Gli sforzi del governo sono apprezzabili, ma noi lo sosterremo solo se centrerà l’obbiettivo di rendere un servizio al cittadino», afferma il segretario del partito berlusconiano. Unici pretoriani di Monti, dunque, sono i terzo polisti. «Saremo guardiani della tenuta e dell’ampliamento del decreto», dice Francesco Rutelli. Mentre secondo Pier Ferdinando Casini «al di là delle definizioni, si tratta di un provvedimento che né Prodi né Berlusconi avevano mai fatto». E se Emma Marcegaglia esulta, Susanna Camusso chiude la porta: «Le intemperanze liberalizzatrici porteranno solo guai».

La partita, quindi, si sposta nelle stanze e nelle aule di Camera e Senato. Dove di capirà subito qual è la reale intenzione delle forze politiche. «Illustreremo le nostre ragioni al Parlamento e ai partiti. È vero che nella vita si può fare sempre di più e meglio, ma si può fare anche peggio…», osserva Monti. Che confida proprio nei partiti per convincere le categorie in rivolta. «Sono certo che anche le forze politiche, seppur con orientamenti diversi, potranno avere la voglia di persuadere le singole categorie che i provvedimenti sono nell’interesse generale dell’Italia», dice Monti. Secondo cui il decreto non può fare il miracolo di alzare gli stipendi, ma «attraverso una maggiore concorrenza, i prezzi potranno abbassarsi». E infine ripercorre il lunghissimo consiglio dei ministri di otto ore: «Cdm movimentato? Non me ne sono accorto. Però a un certo punto abbiamo interrotto per mangiare un tramezzino. Anche la sobrietà ha i suoi limiti…».

di Gianluca Roselli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Tina Ferrari

    23 Gennaio 2012 - 14:02

    Il Prof. Monti, dovrebbe liberalizzare anche la "casta" dei sindacati, per prima cosa togliere loro i finanziamenti statali (cioe nostri) dovrebbero eistere solo se finanziati dal tesseramento. Non hanno mai fatto gli interessi delle varie categorie , rappresentano solo se stessi, anzi meglio i loro interessi. Sono dannosi a questo punto, ormai da moltissima anni. Cerchiamo di non farci imporre anche i loro interessi.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    22 Gennaio 2012 - 23:11

    Ma questo deve essere solo l' inizio ! Vai avanti !

    Report

    Rispondi

  • aquila08

    22 Gennaio 2012 - 20:08

    La cosa più deprimevokli è vedere l'inviato di Dio che fa la vittima dopo aver salvato i politici della seconda Repubblica,eredi della prima Tangentista Clericale Speculativa Bancaria.

    Report

    Rispondi

  • indignata.it

    22 Gennaio 2012 - 19:07

    Monti le valigie può già incominciare a farle !E' stato MESSO li per eliminare gli sprechi , vi pare che lo stia facendo?Se mettesse qualche contabile (e si che ce ne sono! ) ad esaminare le voci di bilancio che di sicuro ,da anni trascrivono senza neanche leggere, ne troverebbero tantissime che non hanno ragione di esistere ,finanziamenti ad enti che non esistono più ,o che non hanno neanche un dipendente,o che ne hanno tanti che non hanno nulla da fare !! NON è stato messo li per mettere tasse e ridurre le pensioni,RIDUCA gli sprechi dell'apparato politico,o anche lui pensa che si tratti solo di DIRITTI aquisiti! Quand'è che i cittadini " comuni " aquisiscono dei diritti ,MAI !! Monti parla con il min.Passera? Ha sentito che ha detto che si potrebbero risparmiare 67milioni di euro riducendo gli sprechi ?? COSA STATE ASPETTANDO CHE I FORCONI ARRIVINO A ROMA??? Date uno sguardo ai tassi che applica EQUITALIA , fanno bene a mettere le bombe !! ma il bersaglio dovreste essere voi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog