Cerca

Le accuse degli azzurri al Carroccio

Cicchitto: "Il no del Carroccio alla riforma delle pensioni tra le cause della rinuncia di Berlusconi". Lupi: "Non ci ricatteranno"

Le accuse degli azzurri al Carroccio

"La Lega non ci può attaccare e al tempo stesso darci lezioni. Non ci stiamo a farci dire come fa Bossi quello che dobbiamo fare". Lo afferma il presidente dei deputati Pdl Fabrizio Cicchitto che, in un'intervista a "Il Tempo", aggiunge: "La Lega non se ne può uscire così dopo che tra luglio e ottobre scorsi si è essa di traverso impedendo a Berlusconi di affrontare la riforma delle pensioni dando quindi una risposta efficace a quanto ci chiedeva l'Europa nella lettera di sollecitazione. Le Lega -accusa- si è opposta e ha commesso un grave errore di cui deve essere consapevole. Come pure deve essere consapevole che questo suo atteggiamento è stato una delle cause della crisi del governo".

"Su Monti decideremo ad aprile"

"Far cadere il governo in Lombardia oltre a irresponsabile sarebbe punito dai cittadini perchè incomprensibile. Oggi la politica viene giudicata sempre più sui fatti e su quello che fa per i cittadini». Lo dice Maurizio Lupi (Pdl) sul diktat di Umberto Bossi ieri a Milano: il Pdl smetta di sostenere Monti o la Lega fa cadere la giunta lombarda di Formigoni. Il vice presidente della Camera parla di minaccia politica "incomprensibile" oltrechè "irresponsabile perchè governiamo nelle tre regioni più importanti del nord: Lombardia, Veneto e Piemonte". Lupi sottolinea che il Pdl non teme la prospettiva che la Lega possa correre da sola al nord: "Temiamo solo che il Pdl e il centrodestra non capiscano che oggi devono rivendicare quanto di buono fatto dal governo Berlusconi e la necessità di rifondare un'alleanza e una proposta politica che parta dalla sussidiarietà e dalla libertà". L'esponente del Pdl vicino a Comunione e liberazione avverte comunque che "non ci facciamo ricattare da nessuno: davanti a noi ci sono ancora sfide affascinanti come il federalismo. Se Bossi facesse altre scelte risulterebbe incomprensibile agli elettori". L'esponente del Pdl esclude che il partito potrebbe far cadere i governatori Zaia e Cota se la Lega facesse saltare la giunta Formigoni. "Il Pdl non ha un'idea politica del ricatto o che pensa al proprio interesse particolare piuttosto che a quello dei cittadini".

 "Basta con la logica del ricatto. Non è interesse di nessuno innescare reazioni a catena che metterebbero a rischio diverse amministrazioni del Nord. Abbiamo valutazioni diverse in sede nazionale sul governo Monti, ma in Lombardia, Veneto e Piemonte abbiamo fatto accordi elettorali davanti ai cittadini e abbiamo tutti il dovere di rispettarli". Il presidente della Lombardia Roberto Formigoni commenta così le dichiarazioni di Umberto Bossi, che ieri ha minacciato di far saltare il governatore lombardo se Berlusconi non farà cadere il governo Monti. La possibilità di aprire all'opposizione in Regione "è un' ipotesi che non prendo nemmeno in considerazione perchè non credo alla premessa che la Lega faccia un passo del genere", dice Formigoni. "Andremo avanti insieme con grande forza, lavorando per trovare intese già alle amministrative di primavera, almeno in alcuni posti sensibili come Monza o Como". Sulle indagini che coinvolgono i consiglieri regionali, "le accuse sollevate sono indubbiamente gravi. Per questo - afferma il governatore - sto valutando azioni che possano garantire ancor più trasparenza nell'azione amministrativa. Più che rimpasto voglio lanciare un segnale forte in termini di regole: gli assessori regionali dovranno esserlo a tempo pieno. Chi decide di servire la regione deve svolgere solo attività di governo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gmario52

    24 Gennaio 2012 - 17:05

    Credo che proprio perchè la Lega sia l'unica che valuta la riforma delle pensioni una cosa fatta per fare cassa e non certo nell'interesse di giovani che dovranno attendere ancora anni prima di lavorare , alle elezioni prenderà molti voti a discapito del PDL e forse anche PD. Non so cosa abbiano capito nel PDL , ma saranno le elezioni a spiegarglelo. D'altra parte è la corte dei conti a dire che il sistema previdenziale in Italia , con le ultime riforme delle quote è in equilibrio. La Fornero dice che ha pensato ai giovani ed è una riforma equa , il problema è che molti ci credono. Mi sa dire cosa c'è di equo nell'aver chiuso le porte in faccia alle nuove generazioni che con l'aumento dell'età pensionabile inizieranno a lavorare a 30/35 anni e andranno in pensione , se ci andranno a 72/75 anni ? E la cosa che stupisce è che anche il sindacato non dice nulla. Allora ben venga la Lega a cercare di far capire come stanno le cose.

    Report

    Rispondi

  • gfieramosca

    24 Gennaio 2012 - 12:12

    Ci sono tangtissime ragionin per mollare la lega che ormai non we' solo un alleato scomodo e inaffidabile ma si avvia verso una evoluzione di poteri interni difficili da valutare . Bossi conta sempre meno e dice sempre piu sciocchezze . Chi verra' non sappiamo come la pensa , non sappiamo neanche chi sara' .. In ogni caso la Lega continuera' ad essere piu un competitore che un alleato .

    Report

    Rispondi

  • valerio5

    23 Gennaio 2012 - 19:07

    secondo voi chi è l'uno e chi è l'altro? un giorno il ricattatato è berlusca, un giorno è bossi!!!!!!!! questi due loschi figuri hanno governato qursto paese per 17 anni e ne stiamo pagando le dure conseguenze!!!!!!!!!! possono un ricattato ed un ricattatore governare un paese? spero che questa triste commedia all'italiana sia finita per sempre!sbraitano fino a 50 giorni fa questi loschi figuri erano ministri di questo paese una vergogna mondiale, tra processi, rutti e diti medi

    Report

    Rispondi

  • coliva

    23 Gennaio 2012 - 17:05

    Berlusconi è caduto per più motivi (spread, magistratura, rissosità tra alleati, poteri forti, stampa nemica...quasi tutta...) e, non ultimo, per il veto sulla riforma delle pensioni bocciata dalla lega. I leghisti, solo qualche anno fà grandi fautori dello scalone, si sono tirati indietro al momento di riforamare in modo serio e duraturo il nostro sistema pensionistico....che bravi! Risultato: giù Berlusconi e su Monti/Napolitano + la sinistra cattocomunista + terzo polo, che non aspettavano altro. Bersani e Casini al governo senza aver vinto le elezioni. Che bel risultato per il centro destra + Lega. Ora i vari Tg di regime e non; i giornali di regime; i talkshow, non parlano più di precari, il popolo viola è scomparso, così come gli indignati e gli antagonisti. Tutto va bene madama la marchesa, il tiranno è fuori e se le tasse aumentano chissenefrega. Come sempre cattocomunismo = mistificazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog