Cerca

I punti della riforma del lavoro

Il ministro propone una rivoluzione del mercato con l'abolizione dei contratti atipici, la riduzione della cassa integrazione. La Cgil fa le barricate

I punti della riforma del lavoro
Ecco, in sintesi, i principali punti emersi dall'incontro di lunedì 23 gennaio, tra governo, sindacati e parti sociali

Flessibilità: Gli attuali 46 contratti flessibili saranno ridotti con l'introduzione di un unico contratto che evolve con l'età
Ammortizzatori: Per il ministro tra gli attuali istituti dovrebbe sopravvivere solo la cassa integrazione ordinaria a cui si ricorre solo per sostenere il reddito dei lavoratori nel caso di una crisi aziendale dovuta alla caduta del mercato. Via dunque alla cassa integrazione straordinaria, e all'indennità di mobilità. Al loro posto dovrebbe esserci un'indennità risarcitoria e poi dovrebbe scattare l'indennità di disoccupazione. In questo caso, davanti a una crisi strutturale per il lavoratore ci sarebbe lo scenario del licenziamento. La Fornero pensa di introdurre anche un reddito minimo (ma si scontra con la scarsità delle risorse finanziarie)
Formazione L'idea è di costruire un sistema costante di formazione continua che parta dagli anni dell'infanzia e continui anche durante l'età lavorativa. Un modo per avvicinare l'istruzione al mondo del lavoro
Salari I contratti precari dovranno costare di più: in questo modo secondo il governo si scoraggerebbe il ricorso ai contratti atipici costringendo le imprese a utuilizzarli solo quando è necessario e non al posto dei contratti standard.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piccioncino

    24 Gennaio 2012 - 16:04

    Come al solito, alla totale assenza di argomentazioni ragionevoli, ..subentra.. nei compagnucci di merende.. l'assiomatica, apodittica, plateale..voglia di scomunica..di tutti coloro che hanno l'ardire di criticare taglientemente i loro cialtroncelli beniamini supremi..della irresponsabile distruzione settaria..Anche stavolta,.. il mitico compagno Camellaio (uno dei tanti nick..usati dallo stesso ambiguo, assurdo, velenoso personaggio..da tre soldi e una lira..)...ha voluto dire ..brillantemente..la sua..Grazie tante Camellaio..Lei riesce assai bene a portare ben disegnato in fronte.. e mostrare a tutti.. il proprio nome..

    Report

    Rispondi

  • frankie stein

    24 Gennaio 2012 - 15:03

    'Fai piangere...' ??? Roba da asilo-nido...Oppure da olgettine gelose...Oppure da pirla fustrati...LIBEROMIX !

    Report

    Rispondi

  • spalella

    24 Gennaio 2012 - 14:02

    Di far piangere la Camusso me ne frego. Quello che vorrei è che sparisse da questo paese tutta quella monnezza di burocrati nati nell'ignoranza dell'ultima guerra, quelli che della fame e della soddisfazione della loro fame ai danni della collettività hanno fatto una missione. Burocrati di stato in special modo, che bloccano tutto e ci mantengono nel passato, e la Camusso è una di quelli.

    Report

    Rispondi

  • duxducis

    24 Gennaio 2012 - 14:02

    Monti, Passera, la Fornero ... sono OSPITI INDESIDERATI! Non li abbiamo ne' votati e neppure invitati. Questo Governo non e' degli Italiani e non e' per gli Italiani. Stanno implementano una loro stupida teoria economica che non sta ne in cielo ne in terra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog