Cerca

Lega sempre più dilaniata Scoppia anche il caso-Tosi

Il sindaco di Verona vuole correre con la sua lista alle amministrative. Il governatore Zaia: "Serve più senso di responsabilità"

Lega sempre più dilaniata Scoppia anche il caso-Tosi

 

Non bastassero il caso Bossi-Maroni e quello col Pdl in Lombardia, nella Lega si apre ufficialmente un caso-Veneto. Come il Bossi-Maroni tutto interno alla Lega ma apparentemente non legato al dissidio tra il numero uno e il numero due del Carroccio. Il centro della polemica è Verona e le amministrative che nella città scaligera si terranno a primavera. Succede che il sindaco in carica Flavio Tosi abbia annunciato di voler correre per un secondo mandato con una sua lista, da affiancare a quella ufficiale del partito. Di per sè, non una novità assoluta. Liste "personali" se le sono fatte, in passato, anche altri candidati sindaci, come ad esempio Letizia Moratti a Milano nel 2006.

Senso di responsabilità - Ma nella Lega dilaniata dalle divisioni interne, non è la stessa cosa. E infatti, nei confronti di Tosi ha preso oggi posizione ufficiale il governatore del Veneto Luca Zaia. Il quale ha richiamato tutti al "senso di responsabilità" nei confronti del partito, pur senza fare nomi. Ma riferendosi sicuramente a Tosi e pure a Gentilini, il quale pure ha lasciato intendere di voler correre con una sua lista in quel di Treviso.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • longhma

    24 Gennaio 2012 - 20:08

    L'Odio divide..... l'AMORE e la passione per una vita migliore uniscono.... Meditate Gente..... Meditate !!!!

    Report

    Rispondi

  • swiller

    24 Gennaio 2012 - 19:07

    Come tutti i politici quando vestono la casacca diventano tutti arroganti, per non dire di peggio.

    Report

    Rispondi

  • leg

    24 Gennaio 2012 - 17:05

    E si speriamo che le tue previsioni si realizzino finalmente!!! Tosi e Maroni fuori dalla Lega Nord. Tosi candidato sindaco con il nuovo nome " La Lega degli onesti" gli sponsor che pagano le campagne elettorali dei "maroniani" ci sono di già. In primis i supermercati PAM ( vedere inchiesta tribunale di Monza su 'ndrangheda a Desio e arresto del consigliere regionale Lombardo Ponzoni). Qua a Verona poi, nel sottobosco politico, si vocifera che ,società che costruiscono e gestiscono case di riposo, sono pronte a sostenere la sua campagna elettorale. Se tutto è regolare, e a loro Bossi non interessa più, perchè non si lanciano in questa nuova avventura?. leg

    Report

    Rispondi

  • spalella

    24 Gennaio 2012 - 17:05

    Non vivo a Verona, ma si sente sempre dire che Tosi è un buon amministratore... ED ALLORA CHI SA' FARE NON HA BISOGNO DELLA MANO SULLA SPALLA DI NESSUNO. Se non si presenta con la Lega, non credo sia per colpa sua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog