Cerca

E in Lombardia il Carroccio resta attaccato alla cadrega

I lumbard del Pirellone sulla minaccia di Bossi agli alleati del Pdl: "Staccare la spina a Formigoni? Per ora non se ne parla"

E in Lombardia il Carroccio resta attaccato alla cadrega

Togliere la spina a Formigoni se il Pdl continua a sostenere il governo Monti? Piano. Consiglieri e assessori leghisti in Regione Lombardia prendono con le pinze la minaccia del Senatur Umberto Bossi agli alleati del Pdl. E per un Davide Boni (presidente dell'aula del Pirellone) che definisce "naturale" essere pronti a togliere il sostegno a Formigoni, il capogruppo Stefano Galli replica che "Boni non è nessuno per fare affermazioni di questi tipo. Chi può dire a Formigoni va a casa è solo il segretario federale Bossi. E se affida a qualcuno il mandato di presentare una mozione di sfiducia a Formigoni, quello sono io». Comunque di una mozione del genere «non se ne parla».

Anche per il vicepresidente Andrea Gibelli, di far cadere la giunta, per ora non si parla. Meglio lasciare la questione nelle mani di Umberto Bossi, incrociando le dita e pensando all'indennità di fine mandato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    25 Gennaio 2012 - 10:10

    Criticate i posti occupati dai leghisti al pirellone, ma state zitti sulla poltrona occupata dal "truffetta" pennati, il quale fuoriuscito dal partitino si e' accomodato sull'unico scranno messogli a disposizione dal pd, quello di formare il "gruppo misto". Fatalità e' l'unico componente. Iniziate a sbattere in strada questo rappresentante che vi sta macchiando il pedigree e con lui il sindaco di stalingrado.Forza figli di stalin, fateci vedere la vostra superiorità a noi poveri liberali e libertari.

    Report

    Rispondi

  • leg

    24 Gennaio 2012 - 20:08

    ah... ah....ah... voglio vederli i "Maronioani poltronari" far cadere tutte le giunte di coalizione. Come faranno ha mantenere le loro "truppe mercenarie" pagate in questi anni con poltrone, incarichi, posti di lavoro. Maroni e i suoi, predicano bene e razzolano male. basta vedere Verona " la fucina politica di Maroni" che una semplice lista Lega, fatta di Leghisti con tanto di tessera verificata, il "tricolorito" Tosi non l'accetterà mai. Pensano di essere furbi, i contatti con Fini, Casini e Rutelli li ha già avuti, vorrà ha tutti la sua lista civica dove la riempirà di infiltrati del FLI più qualche pseudo leghista fascista (come ha già denunciato Bossi) questo per Maroni e Tosi è la "Lega degli onesti" la Lega che si spaccia di andare da soli.leg

    Report

    Rispondi

  • aifide

    24 Gennaio 2012 - 19:07

    no, ci si sta così bene ai piani alti del Pirellone! E con che appannaggi. Che poi ci sia un governatore che occupa illegalmente per non so più quale numero di volte la poltrona, strafregandosene di tutte le leggi, questo è un altro discorso.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    24 Gennaio 2012 - 18:06

    A parte che la regione Lombardia è gestita meglio di tante altre e farne cadere la giunta sarebbe BESTIALE POLITICA UTILE SOLO A BESTIALI POLITICI... ma troppi leghisti, fuori dalle amministrazioni locali vicine alla gente, hanno ben dimostrato di non essere diversi affatto dai tanti poltiicanti di regioni ben più a sud della lombardia. Insomma di Lumbard, mi sembra, ce ne sono un pò pochi per cianciare di diversità e di secessione, NO ?

    Report

    Rispondi

blog