Cerca

Monti: non vogliamo i tuoi soldi

Il premier ad Angela: chiediamo che la governance dell'eurozona evolva per permettere riduzione dei tassi di interesse

Monti: non vogliamo i tuoi soldi

Mario Monti parla prima in Senato e poi alla Camera per riferire sulla situazione economica interna ed estera e sulla riunione dell'Ecofin appena conclusa e il suo sembra un duplice appello: ad Angela Merkel e ai partiti. Alle forze parlamentari Monti spiega che "l'Italia e le forze politiche devono giocare un ruolo attivo per far ridifinere in modo equilibrato l'assetto della governance dell'area euro", che in questa fase ha dimostrato diverse lacune. Di fatto, il premier chiede l'appoggio del parlamento per far sentire alta la voce dell'Italia a Bruxelles e Strasburgo, portando un pressing convinto sulla Germania, il paese più importante e solido e quello che più di ogni altro si sta opponendo alle soluzioni comunitarie della crisi: dagli eurobond all'aumento del fondo salva-stati, come richiesto tra l'altro dallo stesso Fondo monetario internazionale.

Il messaggio alla Merkel - E nel pomeriggio, da Montecitorio, il premier manda un chiaro segnale alla Merkel. "Quando, in parallelo ai pesanti sacrifici per i cittadini, il governo chiede che l'Europa dia un segno di riconoscimento, non stiamo chiedendo denaro alla Germania: chiediamo che la governance dell'eurozona evolva in modo da consentire una ragionevole riduzione dei tassi di interesse". Il prof chiede dunque che "la governance dell'eurozona evolva in modo tale da consentire a quei Paesi che stanno facendo progressi che vengano riconosciuti i progressi nel loro risanamento e di vedere questo riflesso in termini di una ragionevole diminuzione dei tassi di interesse con la rimozione del rischio euro, che c'è per tutti, ma ovviamente grava su quei Paesi che per colpa loro o della loro storia hanno uno stock di debito particolarmente elevato".

Intervento al Senato - "Nelle ultime settimane - aveva sottolineato il presidente del Consiglio in mattinata al Senato - il quadro economico in Europa ha subito un aggravamento". Eppure, "i contorni di una possibile via di uscita dalla grave crisi cominciano a prendere forma, alcuni tasselli cominciano ad avvicinarsi al loro posto". Ne è convinto Monti, anche se rieccheggiando quanto detto dal Fondo monetario internazionale "il superamento della crisi economica, finanziaria e sociale dipende da riforme strutturali nelle mani degli Stati membri. Ma risanamento e riforme rischiano di fallire  se non sono sostenute in modo conseguente da scelte a livello europeo”. Di nuovo, dunque, un forte appello alle istituzioni comunitarie per cambiare i "salvagenti" anti-crisi. E visto che, Sarkozy in testa, sono tutti convinti di eurobond, tobin tax e fondo salva-stati allargato, anche quello della mattianata sembrava un monito rivolto in particolare alla Merkel.

La difesa di Angela - A Monti la Merkel ha indirettamente risposto dal summit di Davos. La Cancelliera ha spiegato che la Germania "non vuole essere pressata a promettere qualcosa che non può mantenere". Angela ha poi fatto appello alla solidarietà degli altri Paesi: "Se la Germania fa qualche cosa vogliamo essere seguiti anche dagli altri. Vogliamo soldiarietà". E per uscire dalla crisi "l'Europa deve fare molto di più rispetto al passato", "non solo attraverso misure di austerità ma anche attraverso riforme strutturali che portino più posti di lavoro". La Merkel ha sottolineato come in alcuni paesi Ue ci sono delle "difficoltà a livello di competitività. Ci sono debolezze strutturali da affrontare". Per quel che riguarda il futuro della moneta unica, Angela ha sottolineato che "per far funzionare l'euro" è necessario "dare più competenze all'Europa". Il messaggio del 'fiscal compact', ha aggiunto, "è che tutti dobbiamo introdurre un limite al debito e introdurre principi sui conti pubblici. Non ci devono essere più a lungo scuse altrimenti perdiamo credibilità". Ma a fronte dei nuovi diktat, da parte della Cancelliera è arrivata anche una nuova chiusura. La Merkl, infatti, ha ribadito che la Germania "non vuole un grande aumento del fondo di salvataggio europeo".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bosco43

    26 Gennaio 2012 - 12:12

    glielo ha mai detto nessuno?

    Report

    Rispondi

  • 654321

    26 Gennaio 2012 - 11:11

    non hai capito nulla, non e' che te non vuoi i suoi soldi ....e' lei che vuol i nostri!!! Ci sei cascato come un baccellone, ci hai messo sulla gratella per un cazzo di idiozia che si chiama Europa!! Quando voi scenziati politicici, burocrati forse lo capirete saremo sull'orlo della rivolta per il pane!!! State attenti il popolo " spero" prima o poi prendera' ancora la Bastiglia!! Per i vostri sprechi,vostre negligenze,vostro clientelismo,vostri privilegi, ci avete massacrato!!! Io spero non possiate godervi il resto dei vostri giorni!! M.GG.orb

    Report

    Rispondi

  • violita

    26 Gennaio 2012 - 10:10

    Tanto per cominciare, quella col ciufolo che ce li darebbe mai, i suoi soldi! Per continuare: ma chi li vuole!!! FACCIAMO un DEMOCRATICO REFERENDUM per sapere se gli ITALIANI vogliono mantenere l'EURO!!! L'hanno fatto per il nucleare, di cui il Popolo non capisce un tubo, da un punto di vista tecnico-scientifico. Si dovrebbe fare per l'EURO, che ha messo in ginocchio la nostra economia, con regole vessatorie al fine di farci a pezzi! I supermercati ITALIANI sono invasi da prodotti non freschi, conservati, sotto vuoto, moltissimi provenienti dalla GERMANIA!!! La Merkel ci affama pur riempiendo gli scaffali, con prodotti che a noi costano e basta! La nostra economia viene distrutta e quella va....a si ingrassa. Eh, si vede che sono stufi di mangiare kartoffeln R E F E R E N D U M abrogativo!!!

    Report

    Rispondi

  • oldcaesar

    26 Gennaio 2012 - 10:10

    Il robot a molla vuole i nostri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog