Cerca

Nuovo aut-aut del Senatur al Cav "Via Monti o Formigoni"

Umberto Bossi torna a minacciare il Pdl dopo l'incontro col Cavaliere dell'altroieri. "Non abbiamo paura del voto, Berlusconi decida"

Nuovo aut-aut del Senatur al Cav "Via Monti o Formigoni"

 

L'alleanza tra Pdl e lega in Lombardia durerà fino a che il leader della Lega non ne avrà abbastanza. Umberto Bossi lo ha detto a chiare lettere ai cronisti che lo interpellavano sull'argomento: "Di solito, dopo un pò, mi rompo le scatole", ha spiegato Bossi. "Vale quello che ho detto in Piazza Duomo". E Bossi, domenica dal palco milanese, aveva spiegato che, senza un dietrofront del Pdl rispetto al sostegno al Governo, la Lega avrebbe fatto mancare il proprio appoggio al presidente della Lombardia Roberto Formigoni. "Abbiamo detto in maniera molto chiara che siamo pronti a far saltare la Lombardia, che è piena di inquisiti e, se proprio la dobbiamo sostenere, almeno salti il Governo Monti", ha chiosato.

"Berlusconi decida" - "Non abbiamo paura del voto, noi vinciamo ovunque", ha aggiunto rispondendo ai giornalisti che in Transatlantico gli chiedevano di quanto consenso godesse ancora il Carroccio. "Io sono l'unico a guardare i sondaggi - ha aggiunto - io vado a naso". E ancora, sull'alleanza col Pdl di Sivlio Berlusconi: "Non si può avere il piede in due scarpe. Berlusconi provveda a chiarire la sua posizione. Alle amministrative sono i locali che contano. Se si può fare qualche accordo, non si può però tenere il piede in due scarpe, ha sottolineato parlando delle elezioni Comunali.

Monti ed Europa - Poi il consueto e durissimo giudizio sul governo tecnico: "Monti ce l'ha fatta a fare sprofondare il Paese", ha risposto a chi gli chiedeva se il prof fosse riuscito a risollevare il Paese in ambito europeo. E quindi sul Vecchio Continente: "Io ho dei dubbi sull'Europa degli Stati: è fallimentare, è piena di debiti. Serve l'Europa delle Regioni. Tutti parlano di sostenere gli Stati, ma nessuno ci mette i soldi", ha concluso.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    26 Gennaio 2012 - 15:03

    Nello squallido panorama politico italiano la Lega rimane l'ultimo elemento di vivacità. Tra giustizialisti e trasformisti i 'rozzi' padani si muovono sventolando i loro drappi verdi e sbraitando. Lo fanno da tempo immemore ed hanno dato un grande contributo a far saltare la I Repubblica di cui nessuno rimpiange la dipartita. Che non abbiano meriti è un falso storico. Le innovazioni ed i richiami a Carlo Cattaneo ed al federalismo sono, invero, un po' scemati. La perdita di Gianfranco Miglio non è stata metabolizzata neppure dalla vivacità dei leader emergenti. Bossi, al pari di Berlusconi nel Pdl, deve accettare il ruolo di 'padre nobile' del movimento federalista? Il federalismo è la vera rivoluzione dei nostri tempi. In un Paese dove nessuno assume le proprie responsabilità(Concordia docet) che ci sia gente che voglia responsabilizzare le Regioni, vere fonti di spreco, è un fatto encomiabile. Se la negazione della fiducia a Formigoni va in questa direzione è giusto dare l'esempio!

    Report

    Rispondi

  • elioselios

    26 Gennaio 2012 - 14:02

    Dimissioni da tutti i consigli regionali e locali dove il PDL è decisivo, e mandiamo a casa,questa lega arrogante blaterona e fanfarona. Così si creano le basi per il futuro di un partito svincolato. Poi fare un serio repulisti interno, presentando personalità che l’elettorato non si debba turare il naso per sostenerle con il voto popolare

    Report

    Rispondi

  • Braccio da Montone

    26 Gennaio 2012 - 14:02

    *** I sinistri sinistrati kariki di bile da smaltire, se la prendono con la Lega Nord in quanto ha il pallino in mano, ha "rubato" il mestiere ai mancini facendo facilmente opposizione a questo governicchio nato solo per togliere i quattrini sudati piegando la schiena ai poveracci. Sindacati? pappa e ciccia con i ladri di korte. Invece di prendersela, per i loro disagi esistenziali, col ciukkettone di Bettola (Piacenza) dei senza se e senza ma (?) frequentatore della bocciofila "bettola Ber-sani" per aver svenduto la sinistra agli orekkinati del tavoliere, al coltivatore manettaro di "Karciofi e di Finokki", ai pseudo comici tipo il grilluccio stridulante, i marrazzao, i sirkana e compagnia perizomata varia. La vergona non ha limiti. Si dimostrano quello che sono. Il NULLA!!!*

    Report

    Rispondi

  • gado53

    26 Gennaio 2012 - 14:02

    Su Umberto vediamo se per una volta in vita tua, mantieni la parola. Siamo stufi delle tue stupidaggini !!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog