Cerca

Semplificazione: "Certificati on line e in tempi rapidi"

In arrivo il decreto del governo. Patroni Griffi: misure riguarderanno nascita, matrimonio e residenza

Semplificazione: "Certificati on line e in tempi rapidi"

Il provvedimento sulle semplificazioni che sarà discusso venerdì dal Consiglio dei Ministri punta a migliorare la situazione di chi necessita certificazioni in tempi rapidi. La promessa del governo è "niente pià attese". Nel dettaglio, lo scambio dati tra le amministrazioni per via telematica "consentirà di avere in tempi reali alcuni importanti atti: dal cambio di residenza alle trascrizioni degli atti di stato civile come il matrimonio e la nascita". Lo ha spiegato il ministro per la Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi. "La vera novità del provvedimento - ha spiegato - è che si potranno fare molti più documenti online. Le anagrafi si connetteranno tra di loro online e si parleranno tra di loro. I documenti inoltre avranno effetto immediato. La legge - ha concluso Patroni Griffi - è stata fatta grazie anche alle consultazioni via web dei cittadini. Queste consultazioni sono state raccolte, vagliate e alcune inserite anche nel testo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ziociro0

    18 Febbraio 2012 - 12:12

    non capisco se per il cittadino ci sarà un costo economico o se dovremo munirci tutti di carta di credito e pagare online dico questo perche il comune di napoli ha messo vere tangenti su ogni documento dai più semplici ai più.........................

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    27 Gennaio 2012 - 01:01

    Sono anni che si promette lo svecchiamento del sistema burocratico... ma dove? Solo progetti in fase eternamente sperimentale. Nulla di concreto. Troppi interessi dei soliti pseudo lavoratori del campo.

    Report

    Rispondi

  • rgts59

    26 Gennaio 2012 - 20:08

    Ben fato, cosi' si potranno licenziare dei dipendenti fannulloni??? Nooo, purtroppo questo e' un sogno che rimarra tale

    Report

    Rispondi

  • pietroldg

    26 Gennaio 2012 - 20:08

    Comunque al di la' dello scetticismo e dei dubbi, ben vengano queste iniziative, soprattutto se si riuscira' anche a tradurle da "meri proclami" a fatti realizzati. Andrebbe pero' quantomeno allargata la disponibilita' dei dati anche ai certificati di morte. Non mi permetto di fare facili battute sull'argomento. Sono serio, Infatti non si riesce a capire per quale ragione si debbano impiegare risorse preziose e tempo e denaro di indagini, per appurare che tizio incassa la pensione della madre defunta. Basterebbe che l'INPS potesse accedere ai dati relativi alle persone defunte, effettuare un incrocio di dati e bloccare subito l'erogazione della pensione, lasciando cosi' la persona solo nella memoria dei suoi cari, anziche' nel portafoglio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog